TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » triestini famosi » Lo Scrittore FULVIO TOMIZZA.
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Lo Scrittore FULVIO TOMIZZA.
MessaggioInviato: Ven Feb 10, 2006 11:37 am Rispondi citando
LUPOPIETRO
Registrato: 03/01/06 10:48
Messaggi: 15




Cari amici,

mi piacerebbe sentire qualche vostro commento sul'opera di FULVIO TOMIZZA,
lo scrittore triestino mancato da poco, che assieme a CLAUDIO MAGRIS, rappresenta meglio, pur se sotto due livelli espressivi concettualmente molto diversi, l'espressione moderna della letteratura triestina maggiormente percepita a livello Italiano e Mitteleuropeo.
Tomizza,soprattutto nella fase iniziale della sua vita di scrittore,istriano per nascita e per cultura, è riuscito a trasferire nei sui primi romanzi -quasi verità,il microcosmo dei valori delle sue terre,dei momenti storici,
che possono apparire minori,ma non per questo meno importanti e da dimenticare.
Vedo invece,che dopo la sua scomparsa,di lui e delle sue opere ben poco è rimasto.
Lo conoscevo di persona,era un semplice quanto profondo personaggio; se non lo sapevi, non potevi immaginare di avere davanti uno scrittore di un certo calibro.
Conoscete i suoi libri? Ne ricordate qualcuno in particolare?
Cordialità a tutti.
Piero
Profilo Trova tutti i messaggi di LUPOPIETRO Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Feb 10, 2006 2:40 pm Rispondi citando
Karolina
Registrato: 06/10/05 10:05
Messaggi: 1354
Località: trieste




Anche mi apprezzo Tomizza come scrittor, me piasi el suo modo de scriver e la sua semplicità. go letto "Materada" e "La miglior vita".

_________________
..che l'A vadi ben, che l'A vadi mal, sempre alegri mai passion!
Profilo Trova tutti i messaggi di Karolina Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Feb 10, 2006 5:25 pm Rispondi citando
vic
Registrato: 30/01/06 12:29
Messaggi: 482
Località: Padriciano TS




credo che anca "Gli sposi di via Rossetti" sia un gran libro. farò qua un clasico 'copia/icola' per una biografia del scritor:

Fulvio Tomizza è nato nel 1935 a Giurizzani presso a Materada, villaggio istriano nel comune di Umago che darà il nome al suo primo romanzo. Conseguita la maturità classica a Capodistria, a vent’anni, in seguito al Memorandum di Londra, che assegnava la sua terra alla Jugoslavia, si trasferì a Trieste, ritornata all’Italia.
scrittore
nato a Giurizzani 1935

Redattore del locale giornale-radio, fece il suo esordio di scrittore nel 1960 con il citato Materada che attirò l’attenzione dei maggiori critici italiani. Seguirono La ragazza di Petrovia e Il bosco di acacie, riuniti poi con Materada nel volume Triologia istriana.
Nel 1965 col romanzo La quinta stagione ottenne il Premio Selezione Campiello e, quattro anni dopo, con L’albero dei sogni vinse il premio Viareggio per la narrativa. Quasi un seguito dell’Albero dei sogni può venir considerata la raccolta di racconti onirici La torre capovolta del ’70. Al romanzo La città di Miriam del 1972 andò il premio Fiera Letterarial, mentre il successivo Dove tornare si affermò di nuovo al veneziano Campiellol. Il consenso più vistoso gli giunse tuttavia nel 1977 con La miglior vita, romanzo che ebbe in Italia una tiratura complessiva di 400 mila copie, vinse il Premio Strega ed è stato finora tradotto in dieci lingue.

La traduzione tedesca valse a Tomizza il Premio di Stato austriaco per la letteratura europea 1979, che nelle edizioni precedenti era toccato ad autori quali Havel, Ionesco, Italo Calvino, Simone de Beauvoir, Friederich Dürrenmatt e che successivamente è stato assegnato a Giorgio Manganelli e Milan Kundera. Mentre scriveva e pubblicava, rispettivamente nel 1980 e 81, i romanzi L’amicizia e La finzione di Maria, Fulvio Tomizza aveva già iniziato la ricerca storica per il vasto affresco Il male viene dal Nord, imperniato sulla figura del vescovo Pier Paolo Vergerio passato alla Riforma.

Nel 1984, anno della sua pubblicazione, l’università di Trieste conferì allo scrittore istriano la laurea «honoris causa» in lettere «per l’elevato livello artistico della sua intensa attività narrativa, nella quale - afferma ancora la motivazione - si è reso acuto, originale interprete di una cultura basata sui valori della pacifica convivenza tra le genit».

Tomizza nel suo studio a Trieste, con la nipotina Elisabetta

Nel 1985 raccolse i suoi racconti scritti nell’arco di un trentennio nel volume Ieri, un secolo fa. Nel 1986 è tornato al romanzo con Gli sposi di via Rossetti. Tragedia in una minoranza Premio Selezione Campiello, premio internazionale Vilenica della Associazione Scrittori Sloveni e premio Ascona degli scrittori della Svizzera italiana, conferito nell’ambito dei lavori della riunione annuale del Pen Club Internazionale, dedicata nel 1987 al tema «Letteratura di frontiera».

Di Tomizza sono uscite in questi ultimi anni le opere narrative Quando dio uscì di chiesa. Vita e fede di un borgo istriano dell‘500 (Mondadori), Poi vienne Cernobyl (Masilio) e, dall’ editore Bompiani, L’ereditiera veneziana, Fughe incrociate, I rapporti colpevoli (premio Selezione Campiello e premio Giovanni Boccaccio) L’abate Roys e il fatto innominabile e Alle spalle di Trieste.

Della sua opera teatrale vanno ricordati il dramma Vera Verk, che sul piano culturale segnò il primo avvicinamento tra Trieste e le confinanti repubbliche di Slovenia e di Croazia, e L’idealista, libera drammatizzazione del romanzo del «classico sloveno» Ivan Cankar, rappresentato nelle maggiori città d’Italia e di Jugoslavia e che inaugurò la stagione di prosa 1983-84 del Volkstheater di Vienna.

Per l’infanzia ha pubblicatole operette La pulce in gabbia e Trick, storia di un cane (Mondadori), Anche le pulci hanno a tosse (Edizione E. Elle) e Il gatto Martino (Editori Lisciani & Giunti). Con diversi romanzi e con singole novelle Tomizza è tradotto in: Stati Uniti, Brasile, Spagna, Francia, Norvegia, Svezia, Polonia, Austria, Germania, Ungheria, Romania, Slovenia, Croazia, Grecia, Olanda, Russia e in esperanto.

Nel 1996 con il romanzo Dal luogo del sequestro è tornato al suo primo editore Arnoldo Mondadori che gli ha poi pubblicato il bestseller Franziska e, dopo la morte nel 1996, La visitatrice e nel 2000 Nel chiaro della notte e La casa col mandorlo.

Tomizza morì a Trieste il 21 maggio 1999 e fu seppelito a Materada.

Tratto dal sito:
http://www.istrianet.org/istria/illustri/tomizza/index-ita.htm

_________________
LSMT
to boldly go where no man has gone before (compleanno: 18 gennaio)
Profilo Trova tutti i messaggi di vic Messaggio privato Invia email
Lo Scrittore FULVIO TOMIZZA.
Indice del forum » triestini famosi
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 1  

  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015