TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » musica e canzoni de trieste » Per i amanti dela musica corale Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Sab Ott 17, 2009 3:00 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Rifugio Bianco

Pena passà la valle la-oh
e dopo on fià de bosco la-oh
se slarga i prà nel cielo,
la-oh, la-oh,
varda quanti fiori la-oh.

Ecco lassù 'na casa la-oh,
en grande fiore bianco la-oh
sbocià de primavera,
la-oh, la-oh,
profumà d'amore la-oh.

De not la par 'na stela la-oh
che slus a chi camina la-oh
e quando vien matina la-oh
la splende più del sole la-oh.

Se slarga i prà nel cielo la-oh
dal nos rifugio bianco la-oh,
che porta un nome caro,
la-oh, la-oh, la-oh.

Pena passà la valle la-oh.



Link


Ultima modifica di Socrate il Mar Gen 03, 2012 6:37 pm, modificato 1 volta in totale
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Ott 17, 2009 3:02 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Varda che vien matina

Parole e musica di BEPI DE MARZI

Varda che vien matina
zè terminà la note con ti,
dame 'l capelo rosso
che te ne vardi andare sul prà.
Prima che spunta 'l sole
prima che 'l ciaro riva fin qua
te lassarò 'na strada
come 'na volta pena segnà.
Varda che vien matina
l'erba se piega co' mi
da la bruma.
Prima che spunta 'l sole.



Link

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Ott 17, 2009 3:03 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




BENIA CALASTORIA

Bepi de Marzi

Tornà, son tornà, son tornà per sempre,
tornà nella valle dove gera me popà.
Vardè, ma vardè, ma vardè la valle,
vardè le montagne dove gera la contà.

"... passa ultimo e frettoloso un giovane ufficiale. Riconosce il cappellano. Ciao, gli dice sottovoce, hai il Signore? Sì. Dammelo da baciare. Un balenio metallico della piccola teca tratta di sotto la divisa ;;; un bacio intenso e poi via animosamente. Ricomincia il cammino e il colloquio a due. Il cappellano parla al suo grande Compagno... e quando la domanda si fa più pressante, la gioia più intensa, il dolore più fondo, la mano corre istintivamente alla piccola teca che racchiude il Cristo... Così vai e non sai bene se sia Egli che ti porta o tu che porti Lui... Quando nelle notti passate all'addiaccio immense e rotte dagli incubi, hai la fortuna di portare Cristo, Egli ti si addormenta leggermente sul cuore".



Link

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Ott 17, 2009 3:19 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Scapa, oseléto

Scapa, oseléto, ciuféto,
becheto de oro,
violin de passaja, oceti che vola,
piumeta che canta,
scapa, finchéto, montan, seleghéta,
scapa, sesalìn de la mama
che in tuta l'istà
la te ga ben insegnà a cantare,
a volare, a magnare fojéte, baèti e bisséti,
to' mama che desso la vola
sigando, pianzendo
col core che s'ciopa:
domatina i ve cópa!



Link

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Ott 17, 2009 3:21 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Inno al Trentino

L'Inno al Trentino è un popolare canto alpino associato al territorio del Trentino, scritto da Ernesta Bittanti Battisti (moglie di Cesare Battisti) e musicato da Guglielmo Bussoli, nel 1915.

Il testo descrive con precisione e ispirazione lirica i caratteri paesaggistici, umani ed economici della terra trentina, con forti cenni patriottici all'italianità della popolazione e delle sue radici.

Recentemente il testo dell'inno è stato al centro di una polemica, avendo alcuni esponenti politici, in particolare del Partito Autonomista Trentino Tirolese (PATT), criticato la seconda strofa in quanto ritenuta poco coerente con la storia del Trentino, legato per molti secoli all'Impero d'Austria. La proposta di modifica del testo non ha però raccolto molti consensi.

Nel 2006 è stata pubblicata un'antologia di canti e poesie popolari trentine, raccolti all'inizio del XX secolo dal prelato ledrense Livio Rosa (1894 - 1928). Tra le poesie si trova un "Inno al Tirolo" il cui testo è quasi identico a quello di Ernesta Battisti, ma con significative variazioni nella seconda ("Un popol tenace produce la terra, che indomiti sensi nel core riserra. La patria nel core, il Tirol nella mente, fortezza e coraggio possiede la gente") e nella terza strofa ("Custode fedele di sante memorie, che porti nel cuore sconfitte e vittorie. Impavido veglia al patrio suolo, o gemma dell’alpi, o amato Tirolo!"). La scoperta del testo di tale componimento popolare ha fatto recentemente dubitare che l'autrice dell'Inno al Trentino sia effettivamente la vedova del martire irredentista Cesare Battisti.

Alcuni studiosi affermano che l'inno, così come riportato in calce, è una modifica del testo originario di Livio Rosa apportata in epoca fascista

Testo

Si slancian nel cielo le guglie dentate,
discendono dolci le verdi vallate.
Profumano paschi, biancheggian olivi,
esultan le messi, le viti sui clivi.

O puro bianco di cime nevose,
soave olezzo di vividi fior,
rosseggianti su coste selvose,
dolce festa di vaghi color.

Un popol tenace produce la terra,
che indomiti sensi nel cuore rinserra.
Italico cuore, italica mente,
italica lingua qui parla la gente.

O puro bianco di cime nevose,
soave olezzo di vividi fior,
rosseggianti su coste selvose,
dolce festa di vaghi color.

Custode fedele di sante memorie,
che porti nel cuore sconfitte e vittorie.
Impavido veglia al valico alpino,
o gemma dell'Alpe, o amato Trentino.

O puro bianco di cime nevose,
soave olezzo di vividi fior,
rosseggianti su coste selvose,
dolce festa di vaghi color.

O puro bianco di cime nevose,
soave olezzo di vividi fior,
rosseggianti su coste selvose,
dolce festa di vaghi color.



Link

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
ve piasi cantar in coro?
MessaggioInviato: Mar Gen 19, 2010 11:10 am Rispondi citando
Marina
Registrato: 19/01/10 09:02
Messaggi: 1
Località: Trieste




Ciao, mi sono appena iscritta a questo forum perchè ho visto che si occupa anche di canto corale. Io faccio parte del coro SAG del CAI-Soc. Alpina delle Giulie, sezione di Trieste e stiamo cercando gente per ampliare il nostro organico. Siamo simpatici, allegri, gioviali e, permettetemi, anche bravi. Se c'è qualcuno a cui piacciono i canti triestini. friulani e soprattutto di montagna, forse noi siamo il coro giusto. Ad essere sincera, credo siamo rimasti solo noi, come coro MISTO (uomini e donne insieme) a cantare i canti di montagna. Se avete tempo libero, una sera per settimana, potete lasciarmi un messaggio. Spero di farmi tanti nuovi amici.
Profilo Trova tutti i messaggi di Marina Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Gen 08, 2011 1:19 pm Rispondi citando
andreavezzoli
Ospite




Molto interessante questo topic sulla musica corale:
"danza vocale" è un mio brano per coro a 4 voci dispari (ne ho fatto anche una versione per coro maschile): l'secuzione è della "corale San Vitale in franzacurta" diretta dal M° Ernesto Marini

http://www.youtube.com/watch?v=SpxPGCfzl6c
Per i amanti dela musica corale
Indice del forum » musica e canzoni de trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 10 di 10  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015