TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » poesia e prosa triestina » Poesie Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Gio Apr 30, 2009 8:52 pm Rispondi citando
picchio
Registrato: 07/10/06 19:49
Messaggi: 309




"VERRA' LA NOTTE".

Verrà la notte
ad occupare gli spazi
vuoti di luce.

Stenderà il suo velo
sulle città e le cose
e coprirà con il silenzio
il rumore del mondo.

Verà la notte
e tu avrai il chiarore della luna...
chissà se le tue mani
riusciranno ancora a trovarmi.

Verrà la notte,
e avrà il tuo volto!


Cesare

Trieste,1994.

_________________
Picchiettando qua e là, il "Picchio" cerca ed ama la verità!...
Profilo Trova tutti i messaggi di picchio Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Mag 01, 2009 11:22 am Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Dolce e struggente.
Te sa Picchio ,questa tua poesia me gà riportado alla mente la poesia de Cesare Pavese"Verrà la morte e avrà i tuoi occhi."

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Ven Mag 01, 2009 2:31 pm Rispondi citando
york
Registrato: 18/12/05 18:14
Messaggi: 1417
Località: Victoria, BC, Canada




Mi sta matina me go sveia bon ora, combinazion pensavo che eventualmente un dormira 24/24 no Surprised alora per desso me go dito ''godite la luce''... e dopo vederemo il color dei ''oci'' de Ba Bau !?
Scusa Picchio parlar de luce oculta, a un de 73 ani come mi, fa rifleter.... Smile Smile Smile


York Very Happy

_________________
".......And whether or not it is clear to you, no doubt the Universe is unfolding as it should."
Profilo Trova tutti i messaggi di york Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Mag 03, 2009 6:47 pm Rispondi citando
picchio
Registrato: 07/10/06 19:49
Messaggi: 309




Il 10 maggio sarà la Festa della Mamma. Con qualche giorno di anticipo inserisco qui una poesia da me scritta per Lei,nel suo giorno dedicato.
________________

"NON T'HO DIMENTICATA".
(Alla mamma).

Ritorni ogni anno,
alla tua festa,
ma accanto a me,
mamma,
tu sei continuamente!

Preso dai fatti d'ogni giorno,
può darsi si affievolisca, alla mente,
il tuo pensiero,
perdonami, ti prego,
un figlio sbaglia, pecca,
e poi si pente!

Rivedo quel tuo volto,
un po' annebbiato,
consumato,
da quando più non sei,
ma è come non te ne fossi andata
e qui, accanto a me, sempre rimasta.

Molto tempo è trascorso,
son cresciuto,
non t'ho dimenticata...
stammi vicino...
in fondo, per te,
son sempre il tuo bambino!


Cesare.

Trieste, 1997.


Ultima modifica di picchio il Ven Mag 08, 2009 10:11 pm, modificato 1 volta in totale

_________________
Picchiettando qua e là, il "Picchio" cerca ed ama la verità!...
Profilo Trova tutti i messaggi di picchio Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Mag 04, 2009 6:29 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Parole che va dritte al cuore .
Grazie Picchio.!

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 2:01 pm Rispondi citando
picchio
Registrato: 07/10/06 19:49
Messaggi: 309




Domenica, 10 maggio, Festa della Mamma. Ancora una mia poesia scritta per Lei, poi non ne ho scritte più. (In totale sono tre, già presenti nel Forum).
Auguri a TUTTE le MAMME!
______________________

"RICORDI DELLA SERA".

Quando la sera
venivi nella stanza,
mi davi un bacio
che era una carezza...
e, dopo,
una carezza che era un bacio!

Mi rimboccavi le coperte,
e dicevamo le preghiere,
quelle della sera,
e l'Angelo di Dio,
cui fui affidato
dalla pietà celeste.

Uscivi che ero quasi addormentato,
la porta socchiudevi,
piano piano,
e la maniglia,
faceva scivolare la tua mano.

Quanti ricordi, Mamma!...
su questa terra, poi,
solo mi hai lasciato,
solo, ma con quell' Angelo di Dio
cui, con la pietà celeste,
un giorno mi hai affidato.


Cesare.

Trieste, 1997.


Ultima modifica di picchio il Ven Mag 08, 2009 10:10 pm, modificato 1 volta in totale

_________________
Picchiettando qua e là, il "Picchio" cerca ed ama la verità!...
Profilo Trova tutti i messaggi di picchio Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Mag 08, 2009 5:45 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Credo che qualsiasi espressione risulta superflua.
Grazie . Idea

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mer Giu 03, 2009 3:34 pm Rispondi citando
picchio
Registrato: 07/10/06 19:49
Messaggi: 309




Un'altra poesia dedicata agli innamorati a Trieste.
_________________


INCANTO DI TRIESTE

La brezza della sera
arriva dal pendio
di questo Carso asciutto,
ma verde al tempo stesso.

Seduti sulla riva,
gli sguardi fissi al cielo,
gli innamorati, muti,
allentano la mente
ai loro sogni eterni.

Incanto di Trieste,
che canta, a chi l'ascolta,
la dolce serenata
che solo chi si ama
raccoglie dentro sè.

Cesare

luglio, 1999.

_________________
Picchiettando qua e là, il "Picchio" cerca ed ama la verità!...
Profilo Trova tutti i messaggi di picchio Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Giu 03, 2009 6:26 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Te gà sempre Trieste dentro de ti.! Smile Smile

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mer Giu 03, 2009 9:45 pm Rispondi citando
picchio
Registrato: 07/10/06 19:49
Messaggi: 309




E allora, ancora una poesia su Trieste, scritta 6 mesi prima della partenza.
____________________


TI HO AMATA E TI AMERO’.

Trieste,
ti ho amata e ti amerò,
per le tue pietre bianche
tuffate nel mare,
per il volo dei gabbiani
nei limpidi mattini di sole,
per i sereni riposi
dei tuoi rossi tramonti.

Ti ho amata e ti amerò,
come città ricca di poesia,
di musica e canzoni,
raccolte nella favola del tuo vivere.

Ti ho amata e ti amerò,
per quello che hai in te,
indefinibile e misterioso,
ma tanto bello e incredibile.

Cesare.

Trieste, 29 giugno 2003.

_________________
Picchiettando qua e là, il "Picchio" cerca ed ama la verità!...
Profilo Trova tutti i messaggi di picchio Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Giu 03, 2009 9:53 pm Rispondi citando
picchio
Registrato: 07/10/06 19:49
Messaggi: 309




E questa è la prima poesia scritta su Trieste, poco dopo il mio arrivo.
__________________

TRIESTE

Distesa sull'acqua,
file di gabbiani
che volano
alti e bassi,
a seconda del tempo.

Adagiata sul pendio,
con le case che si sovrastano,
e fanno d'ogni finestra balcone,
aperto su una visione di cartolina.

Bella col sole,
unica nella bora,
elegante nelle vele sull'acqua,
Trieste, mi hai accolto.

Il mio sguardo ti contempla,
mentre ti sento già familiare,
chiuso nel tuo abbraccio.

Momento per me nuovo,
ma che tu hai reso più agevole.

Cesare.

Trieste, 1982.

_________________
Picchiettando qua e là, il "Picchio" cerca ed ama la verità!...
Profilo Trova tutti i messaggi di picchio Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Giu 03, 2009 10:03 pm Rispondi citando
picchio
Registrato: 07/10/06 19:49
Messaggi: 309




INCANTO.

Lasciar parlare
il cielo, il mare, la terra,
ed ascoltare anche
il loro silenzio,
con orecchie fatte più attente.

Riempire quel vuoto
con la musica del nostro cuore,
con un adagio sereno
ed un maestoso finale.

Guardare ciò che ci circonda,
distratti solo da un incanto,
mai troppo partecipe.

Dimenticare tutto,
nelle culla di un oblio
che vorremmo infinito.

Cesare.

Trieste, febbraio 1999.

_________________
Picchiettando qua e là, il "Picchio" cerca ed ama la verità!...
Profilo Trova tutti i messaggi di picchio Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Giu 11, 2009 9:58 pm Rispondi citando
picchio
Registrato: 07/10/06 19:49
Messaggi: 309




UNA NUVOLA

Una nuvola,
nel cielo,
ha il tuo profilo.

Sotto,
ho messo il vuoto del mio cuore,
in attesa che venga la pioggia.

Cesare

gennaio 2002

_________________
Picchiettando qua e là, il "Picchio" cerca ed ama la verità!...
Profilo Trova tutti i messaggi di picchio Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Ago 25, 2009 8:29 pm Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




ESTATE

Se l'acqua dagli occhi cerulei
potesse innalzar lodi ardenti,
un sogno sarebbe, velato d'amore.
E ti ci butteresti incurante
di bruciare nel loro intenso calore.

Ma nei tuoi occhi c'è un'ombra,
macchia d'inchiostro filante
in una minuscola lacrima.

Se il vento dalle dita di seta
potesse cavar dalle fronde
lamenti più alti del suono
secco della scure lucente,
una consapevolezza nuova ti coglierebbe:
l'importanza di un attimo sprecato
nell'attesa di uno più grande,
infine negato.

Ma nei tuoi occhi c'è l'ombra,
un ricordo spalmato di nero bitume:
schermo deforme alla gioia.

Sulla terra riarsa dal sole,
coperta di erba canuta,
voglio stare a vedere la vita
scorrer potente in ogni piccolo
granello di essere,
anche se nei tuoi occhi c'è l'ombra.

La notte cede al mattino
anche con l'ombra negli occhi.

Agosto 2009

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Ago 25, 2009 8:38 pm Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




I RICORDI

Odi le fronde stormire dei cedri
nel vento della notte?
Odi la pioggia picchiare sui vetri
con brevi note rotte?
A questi suoni non ricordi
il tempo in cui eri bambina?
No, non puoi: io solo ero qui
e ascoltavo la littorina
passare qui dietro,
in attesa di andare ai miei giochi,
alla stazione a fare gli scambi...
Di colpo mi urge
pensar quei momenti,
rivederli dietro il vetro
degli anni, udirli parlare rochi
come vecchi stanchi e morenti.

Non odi lo scroscio di piova,
il suo continuo sussurro
che pare che tutto si muova,
come una febbre al di là di quel muro?
Non ricordi la fine d'estate
che le piogge un po' più insistenti
velavano di brume leggere
fra i casali e nelle vallate?
E come potresti?
Io c'ero, io solo.
A me soltanto rimangono i resti
d'immagini rubate
con occhi di bambino.
Mi par di potere, con esse,
ingannare il tempo,
nutrendo un desiderio cretino
d'immutabilità!

Se vuoi - tu dici - io posso
alleviare il tuo male,
levare l'oscuro fango smosso
dal fondo dell'anima tua
come un'ombra mortale.
Un abbraccio, uno solo, mi basta
- rispondo - e ascoltare con te
il canto della notte solitaria e casta.
Che ora è? - poi mi chiedi.
E l'incanto si rompe, sfacendosi
come un grumo di schiuma
nel vento.


Agosto 2009

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
Poesie
Indice del forum » poesia e prosa triestina
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 7 di 9  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015