TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » c'era una volta ... a trieste » Il riscaldamento a Trieste negli anni 30/40 Vai a pagina 1, 2  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Il riscaldamento a Trieste negli anni 30/40
MessaggioInviato: Sab Gen 14, 2006 12:25 am Rispondi citando
Larry
Registrato: 13/10/05 22:43
Messaggi: 377
Località: Inghilterra




A Trieste, negli anni 30, (se xe qualchedun cussi veccio/a da ricordare) come si faseva riscaldar gli apartamenti? Non credo che esisteva il riscaldamento centrale come oggi. Qui in GB erano i fuochi che bruciava carbon fossili o legno e ti andavi a letto con una bottiglia di acqua calda per scaldare il letto e i piedi ma quando svegliavi la mattina quella bottiglia era freddo ma freddo! E sulle finestre erano quei bei quadri fatti da il Signore 'Jack Frost' (come si dice in Triestin/Italiano quel nome?). E qualcuno doveva alzarsi per andar zo e ricominciare il fuoco, poi mettere sora la pentola per far boire l'acqua per fare una tassa di te. Come jera a Trieste durante quegli anni?
Larry (l'agnello curioso) Cool Cool

_________________
Larry the Lamb
Profilo Trova tutti i messaggi di Larry Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Gen 14, 2006 9:43 am Rispondi citando
Karolina
Registrato: 06/10/05 10:05
Messaggi: 1354
Località: trieste




da quel che me risulta, i gaveva el sparghert in cusina,sia per far de magnar sia per riscaldar, ma solo la cusina iera calda el resto de la casa iera una iazzèra. Nelle case , più signorili, go avù occasiona de veder, i gaveva delle grandi stufe in maiolica, de una bellezza e qualchedun i se le ga tignùde per arredamento, non te pol spostarle perchè xe pericolo che le se spacchi,comunque se usava o legno o carbon,e in città iera tanti carboneri. image=stufa4lz.jpg][/URL]

_________________
..che l'A vadi ben, che l'A vadi mal, sempre alegri mai passion!
Profilo Trova tutti i messaggi di Karolina Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Gen 14, 2006 10:35 am Rispondi citando
servolo
Registrato: 09/10/05 15:55
Messaggi: 2194
Località: trieste




Salve,el sparghert fazeva un poco de caldo nele camere, no iera grandi robe.Le case de periferia de solito isolade le gaveva el gelo tuto intorno, forsi in cità,tanti quartieri un vizin l'altro podeva esser meio. I fiori de jazo li gò visti anche mi, me ricordo che in casa vecia no gavevimo dopie lastre. Per far fogo:legni,carbon (poco che costava) e le famose bale de carta. Se ingrumava la carta se la smoiava e se fazeva bale,dopo sute le ardeva che iera un piazer e anche le gaveva un bona durata. In quanto al carbon se doprava più coke che altro,el veniva fora del'Acegat de broleto che dal carbon fazeva gas cità e vendeva el coke, anche la feriera iera una fornitrice de coke. La botiglia de acqua calda iera el plutzer, una fiasca de pieracota che in origine teniva dentro una specie de acqua gasada, dopo xe vegnude le borse de goma; per scaldar el leto se doprava anche matoni messi in forno del sparghert e dopo caldi se li involtizava nela lana (qualche sciarpa), i fazeva un bel calduz. Me dimenticavo che A.C.E.G.A.T.voleva dir Azienda Comunale Gas Acqua e Tramvie, adesso xe un mezo casoto,gas cità xe sparido i primi anni '70,Tramvie xe ACT Azienda consorziale trasporti o qualcossa de simile, in compenso soto stà nova azienda comunal xe passade le scovazze, i cimiteri e altri servizi.
Saluti Servolo

_________________
se no guanta cambia
Profilo Trova tutti i messaggi di servolo Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Sab Gen 14, 2006 12:37 pm Rispondi citando
Babu
Registrato: 15/10/05 15:42
Messaggi: 609
Località: Trieste




Co' iero picio picio, a casa gavevo el spargher. Me ricordo de i miei bisnonni che i contava che in tempo de guerra (e anche dopo) el carbon i 'ndava a ciorlo vizin i binari del treno (la casa iera vizin la vecia stazion de sant'anna), perché el machinista butava zò del tender quale palada de cok, tanto per iutar la gente.

Altri tempi, quela volta se se dava una man anche senza conosserse ....

_________________
Babu
Profilo Trova tutti i messaggi di Babu Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Gen 14, 2006 12:52 pm Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




Co ancora iera difuso el trasporto a trazion animal, i fioi dele famiglie più povere gaveva el preciso compito de andar per le strade a ingrumar la memele de caval, che, secada, la brusava abastanza ben.....
Xe rimasta famosa nei secoli quela de mia nona che cercava mio papà (ancora picio) e no la lo trovava e infine, ciama che te ciama dela finestra, se senti finalmente la vose del bambin che rispondi de lontan "Son qua che zogo cola tera e cola merda...!!"

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Gen 15, 2006 9:00 pm Rispondi citando
spelaoche
Registrato: 14/10/05 00:07
Messaggi: 153
Località: trieste




servolo ha scritto:
La botiglia de acqua calda iera el plutzer, una fiasca de pieracota che in origine teniva dentro una specie de acqua gasada, dopo xe vegnude le borse de goma; per scaldar el leto se doprava anche matoni messi in forno del sparghert e dopo caldi se li involtizava nela lana (qualche sciarpa), i fazeva un bel calduz.

Mia nona la usava inveze scaldar sabia in una farsora,e dopo la la meteva in un sacheto de lin. Iera comodo perchè te podevi darghe la forma che te volevi e durava anche bastanza el caldo.
In cusina gavevimo anche noi el sparghert, però iera ancora de quei de piera e matoni, fissi per capirse, no de quei bianchi che iera za moderni che te podevi anche spostar.
Solo i primi ani 60, co gavemo fato la casa nova, gavemo messo i caloriferi. Gavevimo in cusina una stua, de ghisa me par,e con quela scaldavimo l'acqua dei caloriferi. Iera una loica però, perchè te dovevi sempre andar in cantina a cior stagnachi de carbon e ogni tanto zontarlo ma poco per volta. Un giorno che me son stufado de starghe drio, go pensado de impinir ben la stua,e go messo tanto carbon che no te podevi nianche verzer la portela se no el cascava fora. Dopo un poco de tempo go cominciado a sentir un rumor come quel del teremoto , ma più forte, son corso in cusina e iera la stua che la tremava e la saltava. Che paura che go ciapà. Per fortuna iera mio fradel che el ghe ga butado dentro un per de stagnachi de acqua e dopo el ga mezo svodà el carbon.
Altrochè desso che te giri el boton del termometro e te ga caldo quanto e quando che te vol.
Profilo Trova tutti i messaggi di spelaoche Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Gen 15, 2006 10:49 pm Rispondi citando
Desert RAT
Registrato: 30/12/05 18:18
Messaggi: 149
Località: Palm Desert CA




Quei iera periodi duri. Noi se gaveva el fornelin per cusinar che riscardava la cusina e quando ti andavi a letto el iera congela' sicche'ti mettevi la testa sotto le coverte fintanto che se riscalaldava Sad Sad
Profilo Trova tutti i messaggi di Desert RAT Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Gen 16, 2006 8:19 am Rispondi citando
Karolina
Registrato: 06/10/05 10:05
Messaggi: 1354
Località: trieste




el progresso ga el suo prezzo però, adesso gavemo l' inquinamento, quel la volta no esisteva 'sti problemi.

_________________
..che l'A vadi ben, che l'A vadi mal, sempre alegri mai passion!
Profilo Trova tutti i messaggi di Karolina Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Gen 16, 2006 10:53 am Rispondi citando
giacomin
Tutor
Registrato: 12/10/05 08:20
Messaggi: 1561
Località: Trieste




Anche mi de picio me ricordo del sparghert, i miei doprava sia carbon che legni, e con quel se fazeva anche de magnar, per cusinar prima (no me ricordo cossa, penso per far boir l'acqua)mia mama tirava via i cerci de sora e la meteva la pignata diretamente sul fogo. Me ricordo chede fianco dela caldaia ghe iera un recipiente sempre pien de acqua calda e un caziul sempre pronto all'uso. Che bei ricordi....mi son sempre stà afascinà dal fogo, passavo ore a vardar i legni brusar (no sarà migha che go tendenze piromane' Rolling Eyes Surprised Razz )

In leto se portava la "borsa del'acqua calda" quel'afar de goma e mi gavevo sempre paura che se moli el tapo. E co iera sai fredo se se iutava con un bel piaton de pasta e....fasoi Laughing Laughing Laughing

_________________
Tutto passa.....meno el bus che te speti
Profilo Trova tutti i messaggi di giacomin Messaggio privato Invia email HomePage
MessaggioInviato: Lun Gen 16, 2006 2:22 pm Rispondi citando
micel
Ospite




In cusina, o mejo...in cucinin, jera oltre i quaranta, el resto dela casa... freduz,
nele camere... jazo.

Bhe,... se no' altro se gavemo fato i ossi.
Infuenza e rafredori, mi, de picio, no' me li ricordo. Razz
MessaggioInviato: Lun Gen 16, 2006 9:04 pm Rispondi citando
york
Registrato: 18/12/05 18:14
Messaggi: 1423
Località: Victoria, BC, Canada




Anca noi a Opcina se gaveva un sparghert fiso de matoni e in piu i noni se ga fato un forno tipo pizeria taca al sparghert, de muleto co verzevo il sportel del forno, la cupola fata de tante piere [3cmx8cm] tute tacade in arco no capivo come le stava in sieme, mia mama riscaldava il forno con legni una volta al ano [per Pasqua] e invitava altre done a farse il pan e potize... Dopo la guera papa ga cambia tuto con un Zoppas, il material venudo fora de quel forno ga fato far sai sudor... Dopo pero mama non ga podu duplicar il bon pan fato in quel forno...Con quel forno inpiza e il sparghert, imagineve il calor...

Salve Smile

York

_________________
".......And whether or not it is clear to you, no doubt the Universe is unfolding as it should."
Profilo Trova tutti i messaggi di york Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Gen 17, 2006 12:07 am Rispondi citando
Larry
Registrato: 13/10/05 22:43
Messaggi: 377
Località: Inghilterra




Embarassed Embarassed Qualcuno saria cussi gentile a dirmi cosghe xe un 'spargher' o una 'spagher'. Non go mai senti quella parola prima. Ma quella bella stuffa si, mi ricordo quelle. Gavevimo noi una cussi nella nostra casa quando erimo in Munster nella Germania. In Von Hunefeldweg. E scaldava tutta la casa da come furono messi i tubi che portava fuori il fumo.
Larry (l'agnello che in questo momento in Inghilterra pensa che se za primavera se non l'estate. Temperature sino a 11/12 gradi, sole che batte, pioggie leggeri, da non credere che sia ancora inverno!!!!) Cool

_________________
Larry the Lamb
Profilo Trova tutti i messaggi di Larry Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Gen 17, 2006 2:29 am Rispondi citando
Falstaff
Registrato: 14/10/05 17:36
Messaggi: 467
Località: Drysdale




Larry ha scritto:
Embarassed Embarassed Qualcuno saria cussi gentile a dirmi cosghe xe un 'spargher' o una 'spagher'. Non go mai senti quella parola prima. Ma quella bella stuffa si, mi ricordo quelle. Gavevimo noi una cussi nella nostra casa quando erimo in Munster nella Germania. In Von Hunefeldweg. E scaldava tutta la casa da come furono messi i tubi che portava fuori il fumo.
Larry (l'agnello che in questo momento in Inghilterra pensa che se za primavera se non l'estate. Temperature sino a 11/12 gradi, sole che batte, pioggie leggeri, da non credere che sia ancora inverno!!!!) Cool


Era una stufa, Larry, ma era costruita permanentemente negli appartamenti con mattoni e malta. La grandezza era (e cerco di ricordarmi quello che avevamo nel nostro quartiere) di circa un metro di altezza per uno e mezzo o due di lunghezza. Era coperta da una lastra di ghisa e diversi buchi, chiusi da coperchi dove uno poteva mettere le pentole per cucinare. Aveva anche una grande caldaia che manteniva sempre l'acqua calda, ed in piu` aiutava a tenere l'aria della stanza (la cucina) un poco umida. Poteva bruciare legna o carbone. Aveva diversi sportelli: Uno per inserire il carburante, un'altro per mantenere il cibo caldo, uno piu` grande per il forno e cosi` via. Una sezione dello "spargher", isolata, aveva anche la parte superiore rivestita di mattonelle di ceramica ed uno la adoperava come una specie di tavolo per preparare pranzi e cene oppure ci si appoggiava un bollitore a gas. Sulla parete lunga vicino al muro usciva il tubo per il fumo che andava nel camino della casa.

Sopra questo "spargher" c'era un'enorme "napa", (flue) che serviva ad estrarre eccessivo vapore, fumo, odore del cucinare.

CYA Larry.
Lucio

_________________
Ciau Giacomin....
-------------------------------------------------------
Condenadme, no importa, La historia me absolverá. Fidel Castro Ruz
Profilo Trova tutti i messaggi di Falstaff Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mar Gen 17, 2006 2:49 pm Rispondi citando
Karolina
Registrato: 06/10/05 10:05
Messaggi: 1354
Località: trieste




ecco Larry , questo xe un sparghert, questa quà xe moderno ma giusto per render l'idea.

_________________
..che l'A vadi ben, che l'A vadi mal, sempre alegri mai passion!
Profilo Trova tutti i messaggi di Karolina Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Gen 17, 2006 3:53 pm Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




Eco un altro

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
Il riscaldamento a Trieste negli anni 30/40
Indice del forum » c'era una volta ... a trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 2  
Vai a pagina 1, 2  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015