TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » musica e canzoni de trieste » Canzoni istriane: solo testo Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:12 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




SORA EL QUARNERO (1904)

Che gusto con Nineta
Sbrissar fra zielo e mare
E sora l'acqua queta
Liberi smorosare.
Che gusto, la no visti
Zurarse eterno amore,
senza pensieri tristi
senza dolori in core.
Vien, Nina el sol se sconde
Sirio za sluse in zielo,
vien, che lù, sora l’onde
tuto me par più belo.
Vien co mi bela bruna
Sul mar a spasizare
Che al chiaro de la luna
Za se inarzenta el mare.
Eco la luna sluse
Sul nostro bel Quarnero
Mille armonie confuse
Va fino al Gran Caldiero
Nu' ziti se basemo
E Bepo no fa casi,
se fra el rumor del remo
el sente i nostri basi.
Xe nata la mia Nina
Da la schiuma del mar...
E ghe ga dà un’ondina
La boca per basar.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:13 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




COR DE PLEBE (1905)

Go quatro strazze e un cor
Che fa, tic, tac, in sen.
Me piase far l'amor
E balo ben.
Voio qualche moscardin
Me spasso el Carneval
Ciassando con morbin
Al Comunal.
Son nata a San Micel
El sangue go fiuman
Me piase el mare, el ciel,
l’Arco Roman.
Ze più che natural.
Se proprio noi i me va
Quei che vol far del mal.
A sta cità!
Con Toni el barcarol
Andar bel in mar,
quando tramonta el sol
a smorosar!
E la lontan, lontan...
Sora el so cor posar,
La bionda testa pian
E poi sognar!
Soto la mascara
Rido de cor
Ziveto, circolo
E giuro amor!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:15 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




INDEFICIENTER (1907)

Da tanto tempo - là sula tore
Ghe stava el stemma - de la cità,
Ma un bruto giorno - non se sa come,
via dela tore - el xe svolà!
Qualchedun dise - che certi Siori
De far un tanto - lo ga obligà.
Altri poi dise - che l'era vecio
E presto in tochi - sarìa andà
E che in museo - el dorme in paxe
El suo riposo - ben merità,
Che sula zima - de quela tore
L'indeficienter - mai più sarà!
Ve garantisco - care putele
Tanta malora poi non sarà,
Le nostre siore - Fiumane bone,
a un novo stemma - ga za pensà!
Lassè che i dighi - e pur che i ciacoli
Che un nuovo stemma - no se farà...
Non più de fero - ma d'alluminio
Cambiadi i tempi - gusto cambià!
oggi un governo - doman un altro,
per questo el mondo - non finirà.
Lassè che i dighi - e pur che i circoli
Che veri autonomi - più non sarà...
Non steghe creder - xe tutte flocce
L'aquila nostra - ritornerà!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:17 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




LA SARTINA (1908)


Su e zo pel Corso - elegantina
Come una stela - come un amor!
Fingendo furba -poca atenzion
Ai mile sguardi - d'amirazion
E seria seria - la passa avanti
Giustando un nastro - metendo i guanti,
Tutta al moda - sempre un splendor
Come una stela - come un amor!
Quando a la banda - la va de festa
Un fioco rosso - la mete in testa
Cravatta giala cotòlo blù
E la bandiera - xe fata su!
E cola parla - el suo dialetto
La par davvero - un angioletto.
Tuti la stima - per oro bon,
la xe una rosa - la xe un bombon!
La sartina co la lavora
La se punge su la man,
quel bel sangue che ghe core
tutto sangue xe fiuman.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:21 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




L'Inno Istriano

Oh bell'Istria, chi lungo il tuo lido,
Va scorrendo sul placido mar,
A te manda un festevole grido,
Come amico ad amico suol far
quai smeraldi I tuoi pingui oliveti,
Sono invidia al lontano stranier!
Sono sempre I tuoi dolci vigneti,
Nuova fonte di vita e piacer.
Delle muse qui il mite sorriso, sorriso,
qui il sapere ebbe culto ed onor, ed onor,
A tuoi figli qui brilla sul viso, sul viso,
L'amistade che viene dal cor.
L'amistade che viene dal cor.
Istria salve! salve!
Istria salve, ruggente procella,
Mai turbi il sereno tuo ciel,
Ma di pace e di gioia la stella,
A te splenda benigna e fedel.
Ruggente procella mai non turbi,
Mai non turbi il sereno tuo ciel,
Ma di pace e di gioia la stella, la stella,
A te splenda benigna e fedel, si fedel,
Ma di pace e di gioia la stella,
A te splenda benigna e fedel;
Ma di pace e di gioia la stella,
A te splenda benigna e fedel,
Ma di pace a te splenda, a te splenda,
a te splenda benigna e fedel, benigna e fedel.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:23 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




L'Istria nel cuore

Notte fonda quando se la luna,
la fa ciaro per fortuna,
tra le strade tutte grige,
....come ombre due valige.
Un singhiozo, un soriso,
e due joze sul mio viso,
ale sete meno un quarto,
Istria mia mi sa parto.
Istria cara nel cuor mio,
porto sempre sasi e mar,
per pensarte ogni note,
sia de giorno ricordar......
Istria cara nel cuor mio,
mi te porto a quela gente,
che magari i se lontani,
ma i xe sempre istriani...
Tra stranieri co son solo,
col pensiero lontan mi sono,
a mi sempre compan,
Istria quanta nostalgia...
Istria cara nel cuor mio,
porto sempre sasi e mar,
per pensarte ogni note,
sia de giorno ricordar...
Istria cara nel cuor mio,
mi te porto a quela gente,
che magari i se lontani,
ma i se sempre istriani..
ma i se sempre istriani...

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:25 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Lussimpiccolo

Fresca e tonda,
tutta bionda,
nel tramonta d'or...
l'incontrai... le parlai...
- Mia divina
Signorina - chiedi - per favor,
ma da lei...
io vorrei...
Saper s'è nata a Roma o a San Rossore? -
Rispose: «Sono nata, o mio signor...
A Lussimpiccolo,
ch'è molto piccolo,
dove ogni cosa è assai piccina in verità!
c'è un porto piccolo
col faro piccolo:
perfin le case piccoline stanno là!
Anche le bestie
non dan molestie,
perché son tutte non più grosse di cosi!»
Nel sentir la seducente
descrizione, dissi allor:
- A Lussimpiccolo... ti sposo, mio tesor!
Sull'istante,
fulminante, nacque la passion!
Io l'amai... l'adorai!...
Col diretto
e il vaporetto
senza esitazion,
dissi a lei:
- Io vorrei
le nozze al tuo paese incominciare!
E lei rispose: «Andiamo o mio signor...
A Lussimpiccolo
ch'è molto piccolo,
dove ogni cosa è assai piccina in verità!
c'è un porto piccolo
col faro piccolo:
perfin le case piccoline stanno là!
Anche le bestie
non dan molestie,
perché son tutte non più grosse di così!»
Senza perdere un istante
Con la bionda e con l'ardor
A Lussimpiccolo,
ch'è... alquanto piccolo,
quand'arrivai, tutto osservai per
curiosar!
È normalissimo!
C'è un faro altissimo!
Ed ogni cosa è una caserma in verità!
Strade lunghissime...
piazze vastissime...
io mi smarrivo in mezzo a tante vastità!...
Solo un piccolo ho trovato
che diceva già «mammà»
... ed era il bimbo che la bionda avea di già!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:27 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Istria, o Istria

Istria, o Istria,
Istria . . . . .
Istria . . . . .
O Istria.
Dalle verande tremanti,
di pini pencolanti sul mare
giunge il vento del ricordo
dei sereni giorni felici.
Scorre l`immagine più viva,
sopra lo schermo della memoria,
di ridenti borghi festosi,
di timidi baci d'amor.
Allor che l'Ave chiude,
in preghiera il giorno,
e s'accendono pallide le stelle,
nell'imminenza della notte,
dolci si spandono voci d'amore.
Dagli orizzonti spezzati,
rimanda l'eco l'antico nome:
Istria...Istria...Istria...Istria,
Oh, Istria...aaaaaaaaaaaaa.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:29 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Io parto per l'America

Io parto per l'America, l'America lontana,
Mia bella istriana non ti vedrò mai piu.
Mia bella istriana non ti vedrò mai piu.
Io parto per l'America, col lungo bastimento,
parto col cuor contento, per non vederti più.
Parto col cuor contento, per non vederti più.
Ma prima di partire, faro un giro in piazza,
Se c'è qualche ragazza, che piangerà per me.
Se c'è qualche ragazza, che piangerà per me.
Se piangeran le belle, se piangeran le brute,
Poi piangerano tutte, poi piangerò anche mi.
Poi piangerano tutte, poi piangerò anche mi.
Non sono americano, il mio cuore resta a casa,
Io sono istriano, in Istria tornerò,
Io sono istriano, in Istria tornerò.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:31 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




L'adio a Pola

I disi che bisogna far valise,
Che in primavera dovarò pompar,
Con quatro fazoleti e do camise,
E con do brazi che sa lavorar.
Se devo andar, te voio dir adio,
Come sa dir adio un polesan,
A saludarte come un vero fio,
Che parti, per andar assai lontano.
Solo due lagrime, una per ocio,
E po in zenocio, questa terra baserò
Solo due lagrime, el cor in gola,
Mia cara Pola, mi te saluderò.
Adio voio dirghe a la caseta,
Dove go pasà la gioventù,
Adio a questa terra benedeta,
Perche se vado non te vedo più.
Con la coscienza più che mai serena,
Do robe voio cior per ricordar,
In t'un scartosso un tochetin de rena,
In 'na fiascheta un fia` del tuo bel mar.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:34 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Pola – Romana

Sta mia cara e vecia Pola
la se fa sempre più bella
la me par propio una stela
piena de Italianità.
Un sofion de vita nova
se ga senti per la strada
per le rive sue bagnade
de sto caro nostro mar.
Le mule Polesane
xe tanti botonzini
de rose senza spini
fate per far l'amor.
Se in questo mondo mato
cità trovè più bela
de Pola la mia stela
voria morir d'amor.
Oltre a tute ste beleze
de sta picia capitale
xe l'Arena colosale
la gran Roma a ricordar.
Xe latini i nostri coli
Xe latini anche i pineti
soto i rustighi mureti
che dolceza far l'amor.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:36 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Bella istriana mia

L'estate mi porterà,
oltre la nostra frontiera,
tra gente calda e ospitale,
in una bella riviera,
Da Capodistria ad Isola,
Da Portorose a Pirano,
Chi vuole l'estate d'amore,
Del dolce incanto istriano.
Nei occhi tuoi c'è il mare,
Bella istriana mia,
E nelle tue parole,
C'è tanta poesia.
La nostra bella rosa,
Su l'onda sta lontana,
Ed io ti stringo al cuore,
Mia bella istriana.
L'estate mi porterà,
Oltre la nostra frontiera.
Tra gente calda e ospitale,
In una bella riviera.
Da Capodistria ad Isola,
da Portorose a Pirano.
Chi vuole l'estate d'amore,
del dolce incanto istriano.
Nei occhi tuoi c'è il mare,
Bella istriana mia.
E nelle tue parole,
C'è tanta poesia.
La nostra bella rosa,
Sull'onda sta lontana.
Ed io ti stringo al cuore,
Mia bella istriana.
Ti stringo al cuor,
Mia bella istriana.
Per tanto amor,
Mia bella istriana.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:40 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




LA MARGHERITA (1910)

Gigeta! Guardilo sto bel fioreto,
che go raccolto proprio per ti;
da brava spuntilo svelta sul petto
Sto fior xe simbolo sacro del "Sì".
El nome magico de Margherita
Sta in fondo l'anima d'ogni fiuman;
xe un nome simbolo de luce e vita
dove la gente parla italian
Gigeta, puntila svelta sul peto
Sta Margherita, sto caro fior;
per pegno, tegnilo, nel nostro afetto
del nostro tenero, sincero amor.
Sto fior, a l'anima, te parla tante
Belezze tenere, piene de amor,
sto fior, l'idioma sacro de Dante
Te parla a l'anima, te parla al cor.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Ott 02, 2009 9:28 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




CIARO E SCURO (1910)

Moreta, vestite la blusa nova,
vien su a Drenova, che xe bon vin
Su, l’aria libera respiraremo
E canteremo con gran morbin.
Da quela splendida alta colina
La vista core lontan sul mar...
Xe un quadro magico, quando che inclina
El sol al monte tramontar.
La luze elettrica, viva brilante,
In piazza Dante, fa ciaro assai...
Su ghe xe, credime, ferai e tanti
Ma... tuti quanti xe dismorzai.
E per due anime inamorade,
Non val le strade con gran ciaror,
Moreta, fidite, col cor sicuro,
Che gol el scuro per far l'amor.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Ott 02, 2009 9:31 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




BACOLI (1910)

Son fiuman e me ne vanto,
Parlo e canto in italiani
Ma son come siora Beta:
Lingua scieta e cuor in man.
E ghe rido in muso a tanti
Sempre in guanti e in ocialin
Che sta Fiume i se spartisse,
Se capisse... a tavolini
Co li sento: zigo Bacoli!
Son fiuman e fiuman resto
Lassé pur fioi mii che i ciacoli
De cambiarne in quel o in questo.
E dixeghe a quei che critica:
Go nel cor sto mar, sto ciel.
No xe barba de politica
Che me fazzi cambiar pel!
Za savé che certi mati
Vol croati, anche i ferrai
E che altri sto paese
Fa ungarese... sui giornai.
Ma lassé che i fazzi gheto,
Finché in petto batte un cor.
I starà disendo: Foia...
Co la voia... e col brusor!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
Canzoni istriane: solo testo
Indice del forum » musica e canzoni de trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 3 di 4  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015