TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » musica e canzoni de trieste » Canzoni istriane: solo testo Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Ven Set 18, 2009 4:07 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




ANDEMO AL COMUNAL (1897)

Senti Nineta cocola
l'amor ze una gran cosa,
el smagna, l'scalda ‘l stuziga
in sin che se se sposa.
Sposarse, Maria Vergine,
la xe una bruta cosa.

Lassa da parte i scrupoli
e vien con mi a balar,
sì lassa da parte i scrupoli
e andemo al Comunal!

Al Comunal se tran
la la la la
vien con mi al Comunal...

E se to mare brontola
no staghe sa badar,
dighe che el tempo passa
ma che nol sa tornar.
Dighe che tuto un anno
xe solo un carneval.

Lassa da parte i scrupoli,
e vien con mi a balar,
sì lassa da parte i scrupoli
e andemo al Comunal.

Al Comunal se tran
la la la la
Vien con mi al Comunal...

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Set 19, 2009 9:32 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




SON TABACHINA (1907)

Son fiumana tabachina
e me piase el mio mestier
ma el lavor de spagnoleti
no xe solo el mio pensier...

Mi so ben che non son bruta
e me piase far l'amore,
mi me piasi i mustacceti
che fa batere el mio cor.

Sarò rozza e senza scola
ma una lingua so parlar,
quela nostra, quela sola
che fa ognuno inamorare.

Son modesta e povereta
e me lasso corteggiar
da bei cocoli spuzeti
che i promete el monte e mar.

Mando al diavolo, all'inferno
ne ghe posso perdonar,
chi che brama, chi che tenta
la mia lingua e bistradar.

Sarò rozza e senza scola
ma una lingua so parlar,
quela nostra, quela sola
che fa ognuno inamorar.

Son prudente e giudiziosa
e non voio in tram andar,
mi go cara la mia vita
che non posso assicurar.

Son fiumana e birichina
e me godo nel scottar
che l’abuso e la violenza
andrà presto a terminar.

Sarò rozza e senza scola
ma una lingua so parlar,
quela nostra, quela sola
che fa ognuno inamorar.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Set 20, 2009 8:20 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




DIFENDELA (1913)

Semo fioi de questa tera,
nati all’ombra de San Vito,
questa lingua con diritto
se la femo rispetar.
E se poi questa bandiera
a qualcun ghe xe molesta,
che 'l se levi pur de testa
de volerla profanar!

Se gavemo 'n do contrasti
sempre quei però restemo
tra fradei no ghe bademo
a ste piccole quistion.
Ma se inveze zerti impiastri
qua caladi cola bora,
tenta ciorne la parola,
che le demo per da bon!

Questa case e sti giardini,
sto bel ciel, la piaza Dante,
ste contrade tute quante,
le xe nostre fin al mar,
rassegneve moscardini
che italiani moriremo,
vecio simbolo gavemo,
sto glorioso Arco roman!

Difendela, difendela
questa lingua come el pan.
Perché Fiume la xe bela
fin che tuto xe italian!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Set 21, 2009 9:20 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




LA MIA PERLA (1899)

Mi proprio per sta perla
ve digo, vado mato,
la festa per vederla
me tiro su a Tersato.
Se sente le campane
del Domo e del San Vito,
in fondo al mar lontane
do barche fila drito...

Xe un quadro, un panorama
el monte, el ciel, el mar.
Dizeme, chi no l'ama
sta tera e sto Quarnar.
Xe un quadro,
ze un incanto
veder el mar, el pian.
E cola tosa intanto
cantemo in italian.

Cantemo quei bei canti
che i veci n'à insegnà,
che avemo in cor costanti
che i fioi ne cantarà.
Mi adoro questa Perla
bagnada dal Quarner,
la festa, per vederla
me tiro al Belveder,

e de lassù la vardo
con ocio inamorà:
quel ciel no xe bugiardo,
nessun lo cambierà.
Co la morosa al fianco
Pieni de bon umor,
sentadi là s'un banco
se ciacola d'amor...

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Set 22, 2009 9:30 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




VIVA S. VITO - INNO CIVICO POPOLARE (1901)

Viva San Vito! Echeggino
giulivi i nostri canti;
Fiume per i suoi Santi
serba alto affetto in cor.
Per Essi, amanti e vigili
del nostro gentil nido,
splende dal colle al lido
la Perla del Quarner.
Sangue dei nostri martiri,
caldo su noi discendi
nei petti nostri accendi
di patria il sacro ardor.
Vito e Modesto
trofei di gloria,
di nostra storia
vanto e splendori
protetta all'egida
del Vostro nume,
la nostra Fiume
s'eternerà.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:20 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




CHI SEMO NOI (1910)

L'Arco, le lapidi
de zita vecia
(zerti no sente
de questa recia)
xe sacre pagine
de storia nostra,
che le dimostra
chi semo noi.

E la divina musica
del nostro bel dialeto
la dixe ciaro e neto
sta grande verità!

Simili pagine,
no ghe xe verso,
no se sbagazza,
xe un tempo perso...
Le sfida i secoli
per dighe tondo
a tuto el mondo
chi semo noi.

E ‘l ciel, el nostro limpido
cielo, che par d'Oriente
cossa... no dixe niente
per noi, per la città?

E quando i popoli
tuti se inchina
a sta superba
stirpe latina
pol la politica
(penseghe fioi!)
dirne... che noi
non semo noi?

Chi semo? Fin lo mormora
el nostro bel Quarnero:
cascasse, ‘l mondo intiero
nessun ne cambierà!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Set 24, 2009 10:47 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




EL MIO GIARDIN (1911)

Nel giardini dove son nata,
nasce 'l bianco fiordaliso
e le fragole fra l'erba,
come fosse un paradiso.

La mia lingua xe italiana,
tuta basi e legiadria
col' accento suo gentile,
le xe proprio un'armonia.

Se parlar podesse i fior
altra lingua no’ i vorìa,
ché più dolce no'trovasse
né più cara de la mia.

Xe quel "SI" soave tanto
come un boccolo de rosa,
voio dirla fin che moro
questa nota deliziosa.

Una lingua così bela
mamma mia me ga insegnà
per cantar de la mia patria
le sue glorie d'ogni età.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Set 25, 2009 9:47 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




NINNA NANNA NOSTALGICA (1956)

Là nell’Australia mentre tutto tace,
una mammina veglia il suo piccino,
egli non dorme ancora e in quella pace,
la ninna nanna canta a lui così…

Se ti farà la nanna,
e ti me dà la man,
te porterà la mamma,
lontan lontan lontan!

Xe la zità più bela,
col suo celeste mar,
xe Fiume tanto cara,
d’improvviso la te appar…

Bianco un vol
va dal Porto al sol,
e la cripta de Cosala,
se ghe unissi quasi al ciel…

Bambin,
xe Fiume nostra,
sta splendida zità,
xe Fiume tanto bela
che devi sempre amar!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Set 26, 2009 9:09 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




EL MIO FIOR (1901)

Co la bianca coroncina,
su la testa bionda d'oro.
Ti par proprio 'na regina,
ti tra i fiori el più gentil.
Col to aspetto za ti porti.
El contento, l’alegrezza,
col to nome ti conforti
d’aver fede nel destin!
Le putele a ti le afida
l’ansie e i palpiti del cor,
le te interroga e confida
in segreto el loro amor.
E nei zorni po de festa,
co le vol parer più bele
le se adorna el sen. la testa
co ti, caro fior gentil.
E i tosati su l’ochielo
i te porta come emblema
perché ti fra i fior ti xe quelo
che più forte parla al cor.
No ghè simbolo più puro
più simpatico, eloquente,
no legame più sicuro
per chi dixe el dolce sì!
E per questo mi te adoro
fior gentil, grazioso e caro;
co riposo e co lavoro
qua te tengo sora el sen
perché sapia el mondo intero,
che anca qua, su questi lidi,
proprio in fondo a sto Quanero,
no se parla che italiani
ti xe el fior della mia vita
to, nà un baso, caro fior.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Set 27, 2009 8:55 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




EL “SÌ” - CANZONETTA POPOLARE ZARATINA

Do basi 'chi trova
parola più bela,
più dolce de quela
che a mi m'à imparà
da picolo el santolo
la nona, mia mare,
el nono, mio pare,
e 'l barba soldà.

Scolteme mi,
scolteme mi,
no val le ciacole,
ghe vol el sì!
Ocio, fradei,
za me capì,
restemo quei,
gente del sì!

Se 'l sì, i 'n te le cale,
se vede stampado
sto sì l’ à trovado
nel vec'o abece
Se i frati e le muneghe
lo parla, in convento
dal mile e dosento
voi dir che 'l ghe xe!

Scolteme mi,
scolteme mi,
no val le ciacole,
ghe vol el sì!
I nostri fioi
za me capì,
pasta e fasi,
ma sempre el sì!

Se ciucia in te 'l late
sto sì, co se nasse,
co 'l sì, in te le fasse,
se gh' à scomincià;
co 'l sì se ziogatola,
co 'l sì se va a scola,
co 'l sì la parola
co 'l sì onor se se dà!

Scolteme mi,
scolteme 'mi,
no val le ciacole,
ghe vol el sì!
Ocio, fradei,
za me capì,
restemo quei,
gente del sì!

Quel siori de Viena,
che 'l si assai ghe piase,
n' à dito che in pase
podemo dormir,
e alora, tegnimolo.
no femo capele.
le rose più bele
fa presto a morir!

Scolteme mi,
scolteme mi,
no val le ciacole,
ghe vol el sì!
No bacilè,
scolteme ‘mi,
fin che ‘l ghe xe,
tegnimo el sì!

Epur, certe siore,
che va co ‘l progresso,
le rugna che adesso
sto sì i voi cambiar,
ma a tute 'ste ciacole
de su se ghe ride,
polenta e maride
ma 'l sì conservar!

Scolteme mi,
scolteme mi,
no val le ciacole,
ghe vol el sì!
Semo fradei,
za me capì,
no se gh'à schei,
ma ghe xe 'l sì.

Col sì se marida
le done co i omini,
co 'l sì i galantomini
discore in cità.
El cor de sto popolo
del sì xe geloso;
le mure va zoso
ma 'l sì restarà!

Scolteme mi,
scolteme mi,
no val le ciacole,
ghe vol el sì!
Ocio, fradei,
za me capì,
restemo quei,
gente del sì!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Set 28, 2009 9:03 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




EL “SÌ” - COME SE CANTA A SPALATO

Do basi 'chi trova
parola più bela,
più dolce de quela
che a mi m'à insegnà
da picolo el santolo
mia mama, me pare,
la Gigia comare,
e 'l barba soldà.

Col sì se se cresima
col sì se va a scola
col sì la parola
d’onore se dà
i frati e le moneghe
lo parla in convento
dal mille dozento
i gà scominzià

Ocio, fradei,
za me capì,
noi semo tutti,
zente del sì!
Scolteme a mi,
scolteme a mi,
no val le ciacole,
ghe vol el sì!

Al putelo apena nato
a dir “mama” se ghe insegna
nol sa niente, ma el se insegna
“mama! mama!” a balbetar.

Se “papà” no basta e “mama”
se ghe azunze “vin” e “pan”
ma se ‘l pianze opur se ‘l ciama
sempre parla in italian.

Al bambin apena nato
i ghe insegna “majco moja”
ma la lengua se ghe imbroia,
“mama, mama” el torna a dir.

E sui banchi della scola
se fadiga e no s’impara
nela lingua la più amara
ben più amara del velen.

Lasè pur che i canti e i subi
e che i fazi pur afronti
nela patria de Bajamonti
no se parla che italian.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Set 29, 2009 9:34 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




EL “SÌ” - COME SE CANTA A SEBENICO

Lasè pur che i canti e i subi
e che i beva pur asego
nela patria de Tomaseo
no se parla che italian.



EL “SÌ” - COME SE CANTA A TRIESTE

Lasè pur che i canti e i subi
e che i fazi pur dispeti
nela Patria de Rossetti
no se parla che italian.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Set 29, 2009 9:36 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




EL “SÌ” - COME SE CANTA A ZARA

Lasè pur che i canti e i subi
e che i fazi pur la spia
nela Patria de Paravia
no se parla che italian.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 30, 2009 9:06 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




LA XE CUSSI (1910)

Lassè che i... stupidi
Pianti tabele
Per dir che Fiume
No ne apartien,
Tuto xe inutile!...
Sconder le stele
Non se pol miga,
Capirè ben!

Che zighi e brontoli
Pur el governo
Che ‘l ne combata
Come ghe par.
Magari i fulmini
Del padre eterno
A casa propria
Se pol sfidar!

Fiume xe nostra,
Credeme fioi,
La piazza Dante
Parla per noi.
E se per caso
Non la capì
Nessun ga colpa:
La xe cussì.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 01, 2009 10:09 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




SANGUE FIUMAN (1904)

Son fiumana sangue puro
Son mattona de cor bon
Ma ai sfazadi muso duro
So mostrar se go ragion.
E no voio un signorotto
Che per mi no va lo so
Ben per questo ciaro e neto
Mi in fiuman ghe digo "ai no".
Son fiumana e no m'importa
S anca lussi mi no go
No son gobba, no son storta
Dunque sposo trovarò.
Ma no voio un signoreto
Che per mi no va lo so
Ben per questo ciaro e neto
Mi in fiuman ghe digo "ai no".
Son fiumana me ne vanto
Carneval me voio spassar
Divertirme tanto e tanto
E più d'un far bazilar.
Ma no voio un signorotto
Che per mi no va lo so
Ben per questo ciaro e neto
Mi in fiuman ghe digo "ai no".
Son fiumana e la mia Fiume
Più che tuto voio amar
Mi l'adoro come un nume
Col suo Corso, tore e mar.
Ma no voio un signorotto
Che per mi no va lo so
Ben per questo ciaro e neto
Mi in fiuman ghe digo "ai no"
Son fiumana e dunque fina
Scegliarò come convien
Esser voio la sposina
D'un che m’abbia voler ben.
Ma no voio un signorotto
Che per mi no va lo so
Ben per questo ciaro e neto
Mi in fiuman ghe digo "ai no".
Son fiuman e ja no più
Che un par mio voio trovar
Che da Fiume el sia anca lu
Ch el sia bon de lavorar.
Mi no voio un signoreto
Ecco quel che voio mi
Solo a un tal mi ciaro e neto
Che dirò in fiuman "ai no".

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
Canzoni istriane: solo testo
Indice del forum » musica e canzoni de trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 2 di 4  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015