TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » musica e canzoni de trieste » Canzoni istriane: solo testo Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Canzoni istriane: solo testo
MessaggioInviato: Sab Set 05, 2009 9:27 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




MAR ISTRIAN

Un mar più bel al mondo no go visto,
xe el specio preferido dalla luna
le stele che se culla sora l’onda
par tante spose col suo velo bianco

Quando de qua ti passi, vento te raccomando,
fa che il tuo soffio sia una carezza
come una mamma fa col suo anzoleto… (bis)

Un mar più bel al mondo no vedrò mai più…

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Set 05, 2009 9:39 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




IL PESCATORE

L’ultimo raggio scompar, cala la sera sul mar,
il pescatore si appresta con la barchetta a salpar…
Voga, voga, voga sul mar la barchetta; voga, voga, voga lontano sul mar…
La luna in cielo riappar, si vedon l’onde brillar,
lontano è ormai la barchetta, si può la rete calar…
Voga, voga, voga sul mar la barchetta; voga, voga, voga lontano sul mar…
Ritorna l’alba a spuntar là sulla quiete del mar,
il pescatore felice ritorna al casolar…
Voga, voga, voga sul mar la barchetta; voga, voga, voga lontano sul mar…

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Set 05, 2009 9:41 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




LE MULE POLESANE

‘Sta mia cara e vecia Pola,
la se fa sempre più bela
la me par proprio una stela,
piena de italianità…
un soffion de vita nuova,
se ghe senti per le strade
per le rive tue bagnade
da ‘sto vecio nostro mar!

Le mule polesane,
xe tanti botonzini,
de rose senza spini,
fatte per far l’amor
se in questo mondo mato,
zità trové più bela
de Pola la mia stela,
vorìa morir d’amor.

Oltre a tute s'se beleze
De sta picia Capitale
Xe l'Arena colossale
La gran Roma à ricordar.
xè latini i nostri colli,
xè latini anche i pineti.
soto i rustighi mureti
xè dolcezza far l'amor

Le mule polesane,
xe tanti botonzini,
de rose senza spini,
fatte per far l’amor
se in questo mondo mato,
zità trové più bela
de Pola la mia stela,
vorìa morir d’amor.

Se in questo mondo mato
cità trovo più bela
xè Pola -la mia stela-
e là voio tornar.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Set 06, 2009 8:33 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




IN VIA MINERVA

Disi un proverbio "Mòlighe!",
quando che imbianca el crin,
lassila andar la femmina
e tàchite al buon vin,
se te se suga l’ugola,
drio de quel canton
te troverà una bettola,
che vendi de quel bon!

Ritornello:

In via Minerva xe un’osteria,
xe l’allegria del polesan,
se vado esule la porto via,
quell’osteria con mi lontan!

La xe Giovanni Màndola,
xe Pieracota e Gin,
tutti avventori nobili
el popolo più fin,
dopo un tressette e briscola,
un goto de nostran,
do’ canzonette celebri
del vecio Polesan!

(Ritornello)

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Set 07, 2009 3:53 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




ADDIO A POLA

I disi che bisogna far valise,
che in primavera dovarò pompar,
con quatro fazzoletti e do’ camise,
e con do’ brazzi che sa lavorar,
se devo andar
te vojo dir addio,
come sa dir addio un Polesan,
per saludarte come un vero fio,
che el parti per andar assai lontan…

Solo do’ lagrime,
una per ocio,
e po’ in zenocio
questa terra baserò.
Solo do’ lagrime,
el cor in gola,
mia cara Pola,
mi te saluderò!

Addio vojo dighe a ‘sta caseta,
dove che go passà la gioventù,
addio a questa terra benedeta,
perché se vado, no te vedo più!
Con la coscienza più che mai serena,
do’ robe vojo cior per ricordar
In t’un scartosso un tochetin de rena,
in ‘na fiaschetta un fià del tuo bel mar!

Solo do’ lagrime,
una per ocio,
e po’ in zenocio
questa terra baserò.
Solo do’ lagrime,
el cor in gola,
mia cara Pola,
mi te saluderò!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Set 08, 2009 4:37 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




L'OROLOGIO

Quel orologio che bate le ore,
Quel orologio che bate le ore
Aspeto il vapore
bisogna partir.

Addio o Zara,
o Zara mia,
mi parto via
mi parto via.
Ma se ritorno,
ritorno col fiore,
eviva l'amore,
la liberta!

La carozina coperta di fiori
La carozina coperta di fiori
con tuti i colori
del tuo giardin.

Addio o Zara,
o Zara mia,
mi parto via
mi parto via.
Ma se ritorno,
ritorno col fiore,
eviva l'amore,
la liberta!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 09, 2009 3:55 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




SON POLESAN SICURO

Vedendote mia Rena
io mosso sento il core
l'anima sento piena
de patrio santo amor.

Pensando la to storia
d'un tempo 'sai lontan
mi calcolo sia gloria
ciamarse polesan.

Son Polesan sicuro
son Polesan, cossa ghe xè da dir
son nato drio la Rena
e là voio morir.

Al fogo la manasa
col mio lavor la foi
e quando vado a casa
in mezzo dei miei fioi

me meto e là ghe insegno
de amar questa città
se i ga 'l zervel de legno
capir i dovarà.

Son Polesan sicuro
son Polesan, cossa ghe xè da dir
son nato drio la Rena
e là voio morir.

Mia Mare m'ha insegnado
col sì e col nò a parlar
per esser rispetado
bisogna rispetar.

Le ciacole g'ha dito
fritole non le fa
Ognuno al sò partito
sarà quel che sarà.

Son Polesan sicuro
son Polesan, cossa ghe xè da dir
son nato drio la Rena
e là voio morir.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Set 10, 2009 4:52 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




VA IN MALORON

E le mule zaratine… va in maloron!
Le xe proprio un tipo fino… va in maloron!
Le te offri el maraschino… va in maloron!
E el tabaco de quel bon!

Va in maloron, va in maloron, va in maloron, le sartorelle
Va in maloron, va in maloron, va in maloron col suo paron!

E le mule polesane… va in maloron,
le te sgnaca tutto in fora… va in maloron,
le te gioga alla mora… va in maloron,
a tressette e a briscolon!

Va in maloron, va in maloron, va in maloron, le sartorelle
Va in maloron, va in maloron, va in maloron col suo paron!

E le mule fiumane… va in maloron,
le cammina passo passo … va in maloron,
con la "strussa" sotto il brasso … va in maloron,
ogni tanto le ghe mola un morsigon!

Va in maloron, va in maloron, va in maloron…

E le nostre belle mule… ostregheta!
le va tutte in bizicleta… ostregheta!
E per fare la curva streta… ostregheta!
Le finisse tutte quante in un buron!

Va in maloron, va in maloron, va in maloron…

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Set 11, 2009 3:26 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




VAL PIÙ UN BICER DE DALMATO

Val più un bicer de Dalmato
che l'amor mio,
che l'amor mio,
che mi tradisce.
No vojo amar più femmine
perché son false,
perché son false
in t'el fare l'amor

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Set 12, 2009 8:19 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




DIME RITA (1906)

Quando argento zo piove la luna
sora i tremuli flutti del mar,
e che tutta de stele la bruna
quieta note se vede brilar.

Quando soto el soriso del cielo
che l'inverno non riva imbrociar,
se distende un bel candido velo
zo dai monti a la riva del mar.

Quando spiega la nostra bandiera
dala Tore el suo bel Tricolor,
che xe prova de fede sincera
che ne stringe in un patto d'amor.

(Ritornello)

Dime Rita, no xe una beleza
el Quarnero e un amor, un incanto,
che te sveia nel seno un'ebrezza
che dal cor te fa scioglier un canto?

Cantime Rita, cantime bela,
nela soave, dolce favella
che xe l'orgoglio de ogni Fiuman,
cantime Rita in Italian!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Set 13, 2009 9:24 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




GAVEMO L’AQUILA (1908)

Gavemo l'Aquila
là su la Tore,
che le signore
gà regalà.
Gloriosa e splendida,
con l'ala tesa
pronta a difesa
dela zità.

Coi oci ardenti
maestosa e altera
se impone fiera
sopra el stranier.
Custode vigile
del nostro idioma
la mira Roma
oltre el Quarner!

O grande Aquila
un patrio afeto,
palpita in peto
d'ogni Fiuman!
E dighe ai popoli
anche lontani
che qua i Fiumani
parla Italian!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Set 14, 2009 4:03 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




TRAM FIUMAN (1907)

Nineta, ascoltime
no aver paura,
nel tram, sicura
ti pol andar.
I antichi scrupoli
lassa da parte,
le vecie carte,
se pol sbregar.

El sol medesimo,
col suo bel ragio,
ghe da coragio,
ghe da morbin.
Ogi sto tranvai
xe nostro amico
e l’odio antico
deve aver fin.

Nel tram autonomo,
va assai più gente,
e la corente
no ferma più.
Nineta, guardilo
come che ‘l cori,
poveri e siori,
fila con lu.

El tram elettrico
No ‘l xe più un mostro
ogi el xe nostro,
tuto fiuman.
Ogi el va libero
senza più intoppi
dal ponte ai Pioppi,
col suo: dan, dan.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Set 15, 2009 3:27 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




LE BELLE SARTORELLE FIUMANE (1892)


Quando che vado in Corso
No so dove guardar:
Ghe xe quei bei visetti
Che me fa bazilar.

Belle le xe e modeste
Tutti le sta a guardar,
ed elle serie, serie
le va senza badar.

Le xe gentili e care,
Le guarda el proprio onor
Ghe piasi a far figura
Coi frutti de lavor.

Le nostre sartorelle
Finìo de lavorar
Le gira un poco in Corso
Il fresco a respirar.

Viva le sartorelle,
Fiori del nostro mar,
Tutti per loro spasima
Nessun le pol toccar.

Le xe gentili e care,
Le guarda el proprio onor
Ghe piasi a far figura
Coi frutti de lavor.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 16, 2009 3:51 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




LA TABACHINA (1909)

De mestier son tabachina
Poverina e laboriosa
Ma la vita assai noiosa
Me la sento al imbrunir.
De matino fino a sera
Me sacrifico la vita
Per alogiar in una sofita
Quel xe tuto el mio gioir.
Co sona la campana
Me levo el traverson,
la scufia camufada
la buto in un canton!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Set 17, 2009 5:45 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




LA VIECIA BATANA DI ROVIGNO

Sta viecia batana
cun quatro paioi
meî pioûn ch'i la vardo,
pioûn ben i ga vuoi.
Oûn rimo zì coûrto,
quil'altro ligà,
ma poûr cu la fiaca
avanti la và!
I siè la zì longa
da qua feînt'in là,
par meî la zì oûn rigno:
lasimala stâ!
Sta viecia batana
cun quatro paioi
meî pioûn chi la vardo,
pioûn ben i ga vuoi.
Da sira o su l'alba,
cu suna miteîn
i ciugo oûn paneîto
e oûn quarto da veîn.
I 'ugo cantando
na viecia canson
e i calo li arte
cu zì la stagion!
Li ride, li nasse,
li tieste cul sal;
d'agusto a satenbro
sa ciù el parangal.
Sta viecia batana
cun quatro paioi
meî pioûn chi la vardo,
pioûn ben i ga vuoi.
E quando stu fondo
da pissi 'l zì pien,
vardìla ch'aligra
ca in puorto la ven!
Ma quando ch'i turno
cul muzo sbassà,
sta viecia batana
ca pian ca la và...!
Mi sì i ma racuordo
bei tenpi, fardai,
ca trate nu gira,
nu gira farai!
Sta viecia batana
cun quatro paioi
meî pioûn chi la vardo,
pioûn ben i ga vuoi.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
Canzoni istriane: solo testo
Indice del forum » musica e canzoni de trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 4  
Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015