TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » musica e canzoni de trieste » Solo canzoni triestine: testo. Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... , 48, 49, 50  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Gio Ott 15, 2009 10:27 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




LA TABACHINA

Averto a l’alba el casotin ristreto,
un’onda de velen ghe sera el peto;
e là, impalada, come in caponera.
Ghe toca matizar fin tarda sera.

Ma pur la tabachina,
graziosa e col dolze suo far,
de vera triestina
diversi la fa ingaluzar.
Con quei che più ghe piasi
la scherza, la parla d’amor;
se i piziga la tasi. Savè perché?
Per no disgustar l’aventor!

Chi vol giornai, chi boli, chi tabaco,
chi spagnoleti e zigari de saco;
chi tenta na careza co le bele
chi vol moneda e chi ramar le mele.

Perfin i spiantai che i fa de milionari,
strucandoghe le ponte dei zigari,
e quei che per ronzarghe sempre atorno,
i spendi un soldo diese volte al zorno.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 15, 2009 10:32 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




La Canzon dei speleologi

Noi che del Carso semo i esploradori
e andemo per tuti i busi e cagadori.

Quassù sul nostro Carso
xe grote in quantità
per esplorarle tute
dirò come se fa.

Oilè grotista, olè
che el vecio xe in canon!

Basta coragio
e bona volontà
e co 'na bona scala
sul fondo se riverà.

Oilè grotista, olè
che el vecio xe in canon!

E co se riva in fondo
bisogna zigar "Daghe!"
e aver tanto coragio
per no impinir le braghe.

Oilè grotista, olè
che el vecio xe in canon!

E per l'esplorazione
una lampada a carburo
quel tanto per no sbater
i corni contro el muro.

Oilè grotista, olè
che el vecio xe in canon!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 15, 2009 10:37 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




DE SOTO DE LA FLAIDA

De soto de la flaida
le braghe i ga straponte
i ga ‘l capoto al Monte
ma i vol far Carneval.
Se no ghe xe luganighe
i magna pan e aio
do croste de formaio
ma i vol far Carneval.
Se l'acqua de Ambrosina
la costa massa bori
i ghe la lassa ai siori
che el vin ghe pol far mal!

La bora xe in scarsela,
no la xe in piazza
le babe le se iazza
ma i vol far Carneval
Cavado el porto franco
xe l'oio sula fiama
ma i va al Politeama
per goder Carneval.
Più giorni che luganighe
più sorzi che formaio,
i magna pan e aio
ma i vol far Carneval!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 15, 2009 10:39 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




SIGNOR IDIO, CHE NE VUOI

Signor Idio, che ne vuoi
Dar orzo e fasoi;
Udirti a nominar:
E polenta per magnar.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 15, 2009 10:40 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




TASI, MOMOLO

Tasi, tasi, momolo,
Che te darò luganiga,
Luganiga de porco.
Porco e porcazo,
Ladron del mio palazo.
Ladron d’i miei zichini,
De tre ossi d’armilini.
Tre cici che porta carbon,
Tre cici che porta aqua.
Cossa te vol? bareta, lizier o culata?

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Ott 15, 2009 10:41 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




XE ‘L GOBO VENDERIGOLO

Xe ‘l gobo venderigolo,
Che vendeva ‘l zimbolo;
El zimbolo [xe] de carta [...]
[E ‘l] gobo salta in barca. […]

La barca xe de pegola,
E ‘l gobo xe una fregola,
Una fregola de pan:
Gobo fiol d’un can.

Gobo, gobo fregola,
Gobo, gobo fregola,
Con un tantin de pegola
Te stroparemo ‘l [cul]. [fià]

Mi se son un gobo
Son un gobo de spale;
Xe colpa la comare,
Che mal me ga infassà.

E se mi go la goba,
Mi me la tegno cara,
Perché la xe cossa rara,
Che tuti no la ga.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Ott 16, 2009 9:43 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




GIGETA LAMPO

E no te pensi, cara Gigeta,
che te gà quatro filioli
e te li lasi la note soli
pa' ‘ndar a bever con chi che xe?

Cosa te pensi, cara moreta?
Quei muloni no’ te li lasi?
Pa’ la gola de ‘ver i terazi
i stramazi te gà vendù!

“E la lana del mio stramazo,
e la lana dei mii cusini…
e l’amor del mio caro Nini,
mai più lo scorderò!”

E no te pensi, cara Gigeta,
che l’amor te costa caro
e che l’amor deventa amaro
quando manca de magnar?

Son pasà par Rena Vecia,
la gò vista su la finestra,
che la jera cusì soleta,
co’ un fior in peto e un fior in man!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Ott 16, 2009 9:48 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




SONADORI AMBULANTI

Porton per porton
cantemo la nova canzon,
perché za se sa
che solo savemo sta qua.

La vita xe bela,
Trieste xe una stela
e ‘l mondo un giardin …
L’amor xe birichin!
Miseria in scarsela,
tralalaralarela!
Che fame, ‘ol d’un chin
zò un soldo in tel piatin!

Patidi, afamai,
ne toca girar i locai,
l’odor de stufà
aumenta quel mal che se gà ...

Dovemo zigar,
sbregarse la gola e stonar
con arte e pasion,
fin che ne caluma in preson.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Ott 16, 2009 9:52 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




LE DUE LUNE

Sposeve, puti! Sposeve, pute!
Sposeve tuti! Sposeve tute!
Dopo sposadi ve acorzarè
el matrimonio che bel che ’l xe!

El matrimonio xe una fortuna,
dele più grande che pol tocar;
fin che ga fame de miel la luna,
in ciel fra i angeli par de svolar.
Luna de miel! Oh Dio, che bel!
Vien qua, mio ben! Strenzime al sen!
Angelo! Cocola!
Strucolo! Titola!
Amime, basime!
Strenzime, struchime!
Tuto per ti! E ti per mi!
El matrimonio prinzipia cussì!

Laseve, puti! Laseve, pute!
Negheve tuti! Negheve tute!
Dopo sposadi ve acorzarè
el matrimonio che bel che ‘l xe!

El matrimonio xe una disgrazia,
dele più grande che pol tocar.
Co ben la luna de miel xe sazia,
in mezo ai diavoli par de piombar.
Luna de fiel! Verzite, ciel!
Va via, vilan! Va via lontan!
Tanghero! Stupida!
Gnampolo! Crodiga!
Lassime, molime!
Copite, neghite!
Mai più per ti! Né ti per mi!
El matrimonio finissi cussì!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Ott 16, 2009 9:56 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Piero Pomiga

Xe capità la guera:
tuti persi e confusi,
no i gaveva più testa.
Passando per bariera,
una guardia me aresta,
la me mena in preson.
Che noa, paron?
E con tuto che son vecioto,
mezo orbo e malandà,
un primario, quel muso roto,
in Galizia 'l me ga sgnacà!
"Eins zwei!". Pasi de fero!
"Eins zwei!". Sàlvite, Piero!
E co te càpita 'l morbin,
fàghela vèder de bon triestin!
Ma in mezo a'ste disgrazie un tuo ricordo
me s'gionfa tuto 'l cuor de nostalgia,
e la me fa sperar e tuto soportar,
pensando a ti lontan, Trieste mia!
Vestì con quatro straze,
'na bareta cragniosa
i stivai senza siola,
un leto de scovaze,
senza 'ver'na parola che te
pol confortar: Che bruto afar!
Con do rave e un crostin de pagnoca
e un brodazo mal consumà, trenta mesi 'sta
vita ghe toca al fantasma de un vecio soldà.
"Eins zwei!" Sàlvite, Piero!
E co te càpita 'l morbin,
fàghela vèder de bon triestin
Po' càpita 'l sergente,
el me dà 'na filada
o el minacia 'na piada;
"Verfluchter Irredente!
Du marschierst so schlecht!".”Sior,
go le gambe de pek!
Salamelèk!".
Po' ghe digo con bela maniera
che a Trieste i la pensa cussì:
se altramenti no i vinzi la guera,
no i pol vinzerla gnanca con mi!
"Eins zwei!". Ara che truchi...
"Eins zwei!". ...de mamaluchi!
Onzili pur col lustrofin,
basta che a casa te porti el cupin!
Un giorno i me caluma
quatrozento patrone,
un fusil e 'na spada;
ma mi che no i me luma,
go petà 'na cascada,
me son fato "maròd",
"Mein Gott! Mein Gott!".
Frega e lustra, Pierin mio caro:
la tua pele ga un gran valor,
no sta venderla come un somaro,
ma combati de "pomigador"!
"Zik-zak!". Daghe de oio!
"Zik-zak!". Xe tuto un imbroio!
Qua, per poderla scapolar,
no resta altro che "pomigar"!



Link

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Ott 17, 2009 9:26 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Se ti te son sul leto

Se ti te son sul leto longa e larga
e mi son qua per farte la domanda:
«Te amo, te adoro, mio ben!»
Se ti te son sul leto, lerà,
e mi a ciel seren!

Se ti te son sul leto, bionda e bela,
e mi son qua per farte la sentinela...
«Te amo, te adoro, mio ben!»
Se ti te son sul leto, lerà,
e mi a ciel seren!

Se ti te son sul leto fra i cussini
e mi son qua con l'anima sui spini!...
«Te amo, te adoro, mio ben!»
Se ti te son sul leto, lerà,
e mi a ciel seren!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Ott 17, 2009 9:28 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Le cotole strette

Xe tuto sforzi inutili, te ga cossa sufiar
le cotole sto' anno no ti le pol alzar.
Te zerchi el lato debole fis'ciando in tuti i ton
ma te fa fiasco, cocola: sbassa resta el tendon:

Con tuta la bora che gira qua e là
le bele donete che streta la ga.
La moda stavolta xe stada moral,
po' i dixi che 'l mondo va sempre più mal!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Ott 17, 2009 9:29 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Vola colomba

Dio del Ciel se fossi una colomba
Vorrei volar laggiù dov'è il mio amor,
Che inginocchiato a San Giusto
Prega con l'animo mesto:
Fa che il mio amore torni
Ma torni presto.

Vola, colomba bianca, vola
Diglielo tu
Che tornerò
Dille che non sarà più sola
E che mai più
La lascerò.

Fummo felici uniti e ci han divisi
Ci sorrideva il sole, il cielo, il mar
Noi lasciavamo il cantiere
Lieti del nostro lavoro
E il campanon din don
Ci faceva il coro.

Vola, colomba bianca, vola
Diglielo tu
Che tornerò.

Tutte le sere m'addormento triste
E nei miei sogni piango e invoco te
Anche il mi vecio te sogna
Pensa alle pene sofferte
Piange e nasconde il viso tra le coperte.

Vola, colomba bianca, vola
Diglielo tu
Che tornerò.

Diglielo tu
Che tornerò.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Ott 18, 2009 10:16 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Viva l’ A. e po’ bon

La gallina con do’ teste
la go vista svolazzar
sora i colli de Trieste
l’alabarda sventolar.

Qua se magna, qua se bevi
qua se vivi in abondanza
pastasuta no ne manca
e viva l`A. e po’ bon.

E viva l’A. e po’ bon
xe questo el moto triestin
che la vadi ben, che la vadi mal
sempre alegri e mai passion
viva l’A. e po’ bon!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Ott 18, 2009 10:47 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2619




Le nostre mule

E negli amori
siam falsi e traditori:
le mule che impatemo
le pol butarse in mar!
La mula rizza no la voio, no!
Soto i rizzi
la ga i caprizzi,
la mula rizza no la voio, no!
La dona xe come una vipera:
bisogna saverla ciapar!
E l’omo xe come un angelo:
bisogna saverlo trovar!
E noi cantemo la canzon: Siora Filipa!
Cantemo senza confusion: Siora Filipa!
Co’ mi dirò un verseto bel: Siora Filipa!
Voi ripeteme ‘l ritornel: Siora Filipa!
Siora Filipa, Siora Filipa
xe una dona original!
Chi lava i piati col petès? Siora Filipa!
Chi magna crote in maionès? Siora Filipa!
Chi porta a spasso el porcospìn? Siora Filipa!
E chi fa el brodo col perlìn? Siora Filipa!
Siora Filipa, Siora Filipa,
xe una dona original!
Senza un sol’, moretina tu mi lassi
senza un sol’, senza un sol’!
Bionda, mia bela bionda,
bionda sì, bionda sì, la mora no!
Ragazze belle che noi vogliamo aver
per poterci a divertir,
quando mai sarà quel giorno
che ne tocherà partir?
Ragazze belle!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
Solo canzoni triestine: testo.
Indice del forum » musica e canzoni de trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 49 di 50  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... , 48, 49, 50  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015