TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » musica e canzoni de trieste » Solo canzoni triestine: testo. Vai a pagina 1, 2, 3 ... 48, 49, 50  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Solo canzoni triestine: testo.
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 12:42 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Visto che xè vignudo fora un grando rebelot, preferiso meter i testi dele "Canzoni solo triestine" in sto topic: le prime tre o quatro, xe 'na ripetizion che gò meso ieri e una anca prima soto"Musica e canzoni de ts", ma visto che me gò inacorto che in quel'altro topic - anca par colpa mia, lo ameto - ste canzoni le 'ndava perse in mezo a altre robe che nò zentrava gnente, le voio rimeter quà, dopo vedarò se rivo cavarle via mi del'altro topic, opur ghe demanderò aiuto a qualchedun che sà come far.
Scuminziemo dal'inizio alora:

RICORDO
(canzon del 1920 de Flaminio Cavedani e Giorgio Ballig)

Tanti ani xe pasadi,
ma scordarme mai no poso
de quei basi desperadi
che meteva el fogo adoso
Sul mio sen, lasù, al Boscheto,
te posavi la testina;
iera l’erba el nostro leto,
l’erba fresca, molisina…

Ritornel:

Faseva i grili: cri, cri, cri cri
e i useleti: ci ci,ci ci
e le ranete: cra cra, cra cra
e i nostri basi:
s’ciche s’ciac, s’cic s’ciac


Come mai sìa terminado
Quel’amor, no so spiegarme:
te gavevi pur giurado,
moro mio de no lasarle!
“Prima morta e soto tera
che lasarte” te disevi.
Che bugiarda! Epur sinziera,”
mora mia, te me parevi!

Ritornel.

Lasù, adeso, tuto tasi,
xe una gran malinconia;
più la musica dei basi
no la sona, moro mio!
Ma fra i zemiti del vento
Che dispoia tuti i rami,
la tua vose ancora sento
e me par che te me ciami…

“Com’erano belle le passeggiate al Boschetto, tanti anni fa… sia dal lato romantico che da quello naturalistico! La vena sentimentale e il tono scherzoso convivono armoniosamente in questa simpatica canzone, vincitrice del secondo premio al del ‘Marameo’ del 1920, che il pubblico cominciò a cantare già dal Loggione del Politeama. Il successo continuò a crescere, perché ‘Ricordo’ (meglio noto come ‘Fazeva i grili)è un canto assai orecchiabile e, oggi si direbbe, ‘ecologico’… che fu adottatodai cori e dalle allegre comitive con entusiasmo."

Ciau a tuti, Auriel.


Ultima modifica di Auriel il Gio Mar 26, 2009 3:00 pm, modificato 4 volte in totale
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 12:50 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Eco la seconda dele quatro "vece":

LE DUE LUNE
(Canzon de Flaminio Cavedani e Giorgio Ballig, del 1924)

Sposeve, puti! Sposeve, pute!
Sposeve tuti! Sposeve tute!
Dopo sposadi ve acorzarè
El matrimonio che bel che ’l xe!

El matrimonio xe una fortuna,
dele più grande che pol tocar;
fin che ga fame de miel la luna,
in ziel fra i angeli par de svolar.
Luna de miel!- Oh Dio, che bel!
Vien qua, mio ben! – Strenzime al sen!
Angelo! – Cocola!
Strucolo! – Titola!
Amime, basime!
Strenzime, struchime!
Tuto per ti! E ti per mi!
El matrimonio prinzipia cusì!

Laseve, puti! Laseve, pute
Negheve tuti! Negheve tute!
Dopo sposadi ve acorzarè
El matrimonio che bel che ‘l xe!

El matrimonio xe una disgrazia,
dele più grande che pol tocar.
Co ben la luna de miel xe sazia,
in mezo ai diavoli par de piombar.
Luna de fiel! – Verzite, ziel!
Va via, vilan! – Va via lontan!
Tanghero! – Stupida!
Gnampolo! – Crodiga!
Lasime, molime!
Copite, neghite!
Mai più per ti! Né ti per mi!
El matrimonio finisi cusì!

“Al concorso di canzonette triestine del 1924 ebbe il secondo premio una canzone esplosiva, dell’affiatata coppia Cavedali-Ballig: “Le due lune”. Il ritornello divenne subito molto popolare, ma lo stile è piuttosto quello di un duetto d’operetta che di una canzone. Di quali lune si parla? Di quelle del matrimonio, naturalmente: all’inizio splende la “luna di miele” ma dopo… esplode quella “di fiele”! E le conseguenze le lasciamo immaginare… a discrezione degli interpreti, che possono dare a questa ‘pièce’un tono decisamente cabarettistico e spiritoso.”

Ciau a tuti, Auriel.


Ultima modifica di Auriel il Gio Mar 26, 2009 3:52 am, modificato 1 volta in totale
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 12:54 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




E sta quà dovesi eser la terza de quele "vece":

SERENATA
(Canzon de Raimondo Cornet e Publio Carniel, del 1920)

El vento me ga dito in confidenza
Che quando son lontan te se disperi
E che te bagni i tui oceti neri
De lagrimete fate de pasion.
No pianzer più, no perder la pazienza…
Te vedi? Son tornado e no te laso;
son qua che speto che te vegni abaso,
son qua che canto soto el tuo balcon

Ritornel:

Trieste xe magnifica
E tuto ‘l firmamento
Ga palpiti de argento
Che invita a far l’amor.
Vien zo, che speto l’atimo
De dirte coi mii basi
che quando el labro tasi,
alora parla el cuor.


Sì, son tornado e con ‘sta serenata
Mi te ripeto che te amo tanto
E l’eco za te porta col mio canto
la musica del cor inamorà.
E canto ancora le tue man de fata,
i tui cavei de seda e i labri rosa,
la tua parola semplice e amorosa,
le tue careze fate de bontà.

Ritornel.

“Una delicata e dolce melodia, frutto dell’incontro tra due sensibili poeti di Trieste, una gemma sconosciuta nel firmamento delle canzoni triestine… è questa “Serenata”, che vide la luce nel 1929 ma rimase inedita. “Trieste xe magnifica” dice il ritornello, mentre nella musica sembra di sentire un tremolio di stelle in una notte serena, un palpito d’amore che si accende sulle rive di una città incantata.”


Ciao a tuti, Auriel.


Ultima modifica di Auriel il Gio Mar 26, 2009 3:01 pm, modificato 2 volte in totale
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 1:00 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




E semo rivadi a quatro:

SONADORI AMBULANTI
(canzon del 1903 de Edoardo Borghi)

Porton per porton
Cantemo la nova canzon,
perché za se sà
che solo savemo sta qua.

Ritornel:

La vita xe bela,
Trieste xe una stela
e ‘l mondo un giardin…
L’amor xe birichin!
Miseria in scarsela,
Tralalaralarela!
Che fame, ‘ol d’un chin [i](fiol de un cagnolin)

Zò un soldo in tel piatin![/i]

Patidi, afamai,
ne toca girar i locai,
l’odor de stufà
aumenta quel mal che se gà..

Ritornel.

Dovemo zigar,
sbregarse la gola e stonar
con arte e pasion,
fin che ne caluma (i ne sgnaca) in preson.

“Questa canzone ci descrive la vita dei suonatori girovaghi che, agli inizi del secolo, si esibivano negli angoli di una città colorita e chiassosa… Ed era veramente grama la vita di questi artisti, sempre in giro, di porta in porta, nelle corti, nelle piazze, per le osterie dei rioni popolari a sollecitare la misera offerta di… ‘una soldo nel piattino’! con la sua melodia facile, dal ritmo saltellante, fu il cavallo di battaglia dei cantanti-cabarettisti che furoreggiavano sui piccoli palcoscenici dei caffè concerto, numerosi a Trieste.”

De novo ciau a tuti, Auriel.


Ultima modifica di Auriel il Gio Mar 26, 2009 3:03 pm, modificato 3 volte in totale
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 1:31 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




E questa dovesi eser l'ultima - o la prima, visto che la gavevo meso de tuta 'naltra parte - dele canzoni "vece":

EL TORTO DE MIA NONA
(Adolfo Leghissa, 1922)

Me ricordo che mia nona,
nel cusirme la scarsela,
ga trovà de una putela
un bilieto profumà.
Iera el primo e lo tignivo
caro come la mia vita;
iera un nome, Margherita,
e un cognome sbagazà.
Seria seria, la veceta
la me disi el giorno drio:
"Massa furia, caro mio,
no stà corer tanto in là.
A disdoto inamorado!
Te ga ancora el late in boca!
Se te scherzi, la te toca
de restar mal imbarcà.

L'amor a disdoto
xe un lampo, una fiama
e l'omo che ama
no 'l sa coss che' 'l fa.
Apena sui trenta,
co 'l perdi ogni vizio,
ghe vien el giudizio
per esser papà.

Go risposto "Nona cara,
con rispeto ai cavei grisi
farò quel che te me disi,
molo tuto in abandon.
Za go tempo! Spetaremo
senza perder la pazienza
che me vegni l'esperienza.
Forsi qua te ga ragion!"
Ma se ogi la vivessi,
voria dirghe: "Mia veceta...
te ga torto, benedeta,
la tua predica no val!
Arivadi a un zerto punto,
quanta gente, nona mia,
meza vita i pagaria
per aver quel zerto mal!

A vinti se svola,
a trenta se canta
e 'torno i quaranta
se stona un fiatin...
I ani purtropo
fa un bruto servizio:
i porta el giudizio
ma i ciol el morbin!

"Una canzone che ha tutto il fascino del tempo che fu! Autore del testo e della musica è 'Adolfo Leghissa', che seppe trasfondere in questa elegante e delicata composizione la nostalgia del passato, il rimpianto della giovinezza insieme a un senso, tutto triestino di vivace auto-ironia. Presentata al concorso del Politeama Rossetti nel carnevale del 1923, si aggiudicò il terzo premio."

Ciau, la prosima sarà 'na nova. Auriel


Ultima modifica di Auriel il Gio Mar 26, 2009 2:56 pm, modificato 1 volta in totale
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 2:40 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Gaverià ancora un do "vece2 de inserir, ma prima devo trovar indove che le gò ficade e, visto che gavevo dito che gaverìa meso una "nova", meto prima questa:

LA TABACHINA
(Canzon de Edoardo Borghi del 1901)

Averto a l’alba el casotin ristretto,
un’onda de velen ghe sera el peto;
e là, impalada, come in caponera.
Ghe toca matizar (darse de far) fin tarda sera.

Ritornel:

Ma pur la tabachina,
graziosa e col dolze suo far,
de vera triestina
diversi la fa ingaluzar.
Con quei che più ghe piasi
La scherza, la parla d’amor;
se i piziga la tasi. Savè perché?
Per no disgustar l’aventor!

Ritornel.

Chi vol giornai, chi boli, chi tabaco,
chi spagnoleti e zigari de saco;
chi tenta na careza co le bele
chi vol moneda e chi ramar le mele (rubar le ciche).

Ritornel.

Perfin i spiantai che i fà de milionari,
strucandoghe le ponte dei zigari,
e quei che per ronzarghe sempre atorno,
i spendi un soldo diese volte al zorno.

“Fra i molti ritratti femminili che uscirono dall’estro di ‘Edoardo Borghi’ -come ‘La venderigola’, La sesolota!, ‘La metamorfosi de Rosina, ecc. - questa meno nota ‘Tabachina’ ha un fascino tuto suo, dovuto alla schiettezza dei versi e alla fresca e scattante linea melodica. Il personaggio a cui si ispira è realmente esistito: era una certa ‘siora Pepina’, che gestiva la sua popolare tabaccheria in Acquedotto.”

Ciau, Auriel.


Ultima modifica di Auriel il Gio Mar 26, 2009 3:04 pm, modificato 3 volte in totale
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 3:22 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




E questa xe un'altra; pò, se gaverè voja, me farè saver quanti de voi conoseva ste vece canzoni triestine:

LA BORA E EL CAMPANON
(Canzon de Umberto Damiani e Giorgio Ballig del 1932)

Dindòn, dindòn, dindòn!
Xe note scura, va su a San Giusto
Un ambo a brazo (‘na copia a brazeto) co’ sto bel gusto:
la bora sufia qua,
la cori e la fis’cia là…
I do se strenzi, lù xe in afani
Con tuto el fogo dei vinti ani,
e in alto el campanon
ridi de bon vecion.

Ritornel:

Dindòn, dindòn!
Ridi e canta el melon...
Dindòn, dindòn!
Rispondi el campanon...
Dindòn, dindòn!
Baseve pur, mii fioi!
San Giusto el tasi e ‘l scolta
sta canzon…
Dindòn!


I do sentasi xe sul mureto
E i bati i denti con quel frescheto,
ma pur i resta là
col cuorisin scaldà…
La bora fis’cia, la li remena,
la pasa svelta, corendo in Rena,
basando el campanon,
che ‘l trema a quel sufion.

“Una canzone in perfetto stile anni Trenta: sullo sfondo una storia carina e sentimentale, ambientata a San Giusto, ma la linea musicale è decisamente brillante e trascina con la sua ritmica. ‘Giorgio Ballig’ si dimostra un compositore sempre vicino alle nuove tendenze musicali, dotato di grande gusto e senso dell’umorismo, pronto alla caricatura e alla macchietta, fu per molti anni il musicista di Cecchelin. Al concorso del 1932 ‘La bora e ‘l campanon’ ebbe il secondo premio, ma in quell’anno anche il primo era toccato al ‘maestro Ballig’.”

Ciau, Auriel.


Ultima modifica di Auriel il Gio Mar 26, 2009 3:05 pm, modificato 1 volta in totale
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 3:46 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




E sta quà xe l'ultima par ogi: se nò và a finir che ve se imbala i oci sìa a voi che a mì!

MORETINA LA SERA XE BELA
(Canzon de Vittorio E. Berle e Silvio Negri del 1896)

Moretina la sera xe bela,
e le stele se parla de amor!
Dame el brazo, de brava putela!
Dame el brazo e col brazo el tuo cuor!

Ritornel:

La tua bocuza voio basar,
tanto in Montuza che in riva al mar!


Pasegiar andaremo in marina,
cantaremo una bula (bela) canzon
e la luna su in ziel, moretina,
ridarà de la nostra pasion.

Ritornel.

Povareta, ela ridi e la tasi,
ma stà zerta, nisun savarà
se una meza dozina de basi
noi se semo, per caso, scambià!

"Questa serenata di fine secolo, dedicata a una delle tante 'moretine' che popolano la canzone triestina, possiede una linea melodica di squisita fattura, ma anche un ritmo scorrevole che le procurò un lunga popolarità. Il 'maestro Silvio Negri' - autore di molte canzoni di successo e di un'operetta - faceva parte attiva del 'Gruppo Mandolinistico'."

Ciau a tuti, Auriel.
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 3:38 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Bon, son rivada a trovar le altre tre che le se gaveva perso in giro par el forum - anca se sempre soto sto sito - e, portè pazienza, ma volendo meterle tute insema le riporto quà soto, una de seguito al'altra.

LA MIA BELA SE CIAMA SOFIA
(Canzon popolare)

La mia bela se ciama Sofìa,
note e sorno la sta sul balcon...
La gà el naso che par un'arpia,
grassa e grossa, la par un balon!

Ritornel:

Come se fa? come se fa?
Co go visto Sofìa me son incantà;
Come se fa come se fa
co go visto Sofìa me gò inamorà .


La gà i denti che par una sega,
tuti negri, gnanca uno de bon!
E la boca la par 'na botega,
più de quele che vendi carbon!

Ritornel.

La sua testa la par una zuca,
senza gnanca un cavel che sia bon,
e la porta una zerta piruca
che ghe gà fato monsiù Lavagnon.

Ritornel finale.

"E' uno dei canti più antichi e sembra che risalga al Settecento venziano. La melodia graziosa e raffinata - che doveva essere certamente d'autore - è in contrasto con il testo, che rivela intenti chiaramente parodistici. Diffuso anche in Istria, è entrato a far parte del repertorio dei cori. La figura dell'innamorata 'capolavoro di bruttezza' è una creazione antiromantica e scherzosa che rientra nel gusto per la caricatura, tipico di molte canzonette del patrimonio triestino."

A "imediampresto", Auriel.
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 5:37 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Son qua, sempre par chi che gà voja de lezer, naturalmente:

BORDIZANDO COL TRABACOLO
(Canzon de Vittorio Steinbach del 1896)

Bordizando (navigar a zig-zag par risalir controvento) col trabacolo(picio velier de pesca o de carigo, dito anca bragozo)
da San Bortolo (vecia denominazion de Barcola) a San Roco,
mi me fermo sempre un poco
a vardar la mia zità.
Dove come un angusigolo (in 'talian el pese "aguglia")
se destira in aqua el molo,
verzo i oci, tiro el colo:
mama mia xe sempre là.

Ritornel:

Quando a note 'rivo el sabato,
la se là che la me speta,
cufolada (ranichiada) a la scaleta,
pronta a stenderme la man.


E co parto, la xe l'ultima
a molarse dala riva.
"Fa bon viagio, Toni! Viva!"
la me ziga de lontan.
Che sia ciaro o che sia nuvolo
o bonaza o bora o piova,
sempre sempre se la trova,
bebedeta, a star cusì.

Ritornel.

E ogni volta che 'l trabacolo
passa el molo, mama mia,
una bona avemaria
su dal cuor me vien per ti.

"Questa barcarola, che risale alla fine dell'800, rappresenta bene il gusto musicale dell'epoca, orientato verso lo stile elegante della romanza ma già aperto ad una rappresentazione più realistica, a uno schizzo popolare della vita marinara. Fu presentata ad uno dei concorsi del 1896, ma ben presto scomparve senza lasciare traccia."

Ri-ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Gio Mar 26, 2009 6:19 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




E stà quà la dovesi - anzi, la xe - l'ultima dele "vece" canzoni zà mese sul forum de tuta 'naltra parte. Portè pazienza e, pò - se gavarè voja de lezerla - ghe ne metarò una mai postada prima.

LA GIORNATA DEL ZINQUE DE MARZO
(Canzon popolare del 1899, che trata de un fato suceso par bon)

E la giornata del zinque de marzo
sei giovinoti voleva festegiar.
Ala matina presero una barca
e contro Zaule si mise a vogar.

E dopo avere mangiato e bevuto
il ritorno volevano far,
ma un pilota (de solito e usava dir "piloto) li dise "Giovinoti,
questa sera non 'ndare per mar!"

I giovinoti no vole ascoltare,
tosto il ritorno volevano far.
Apena giunti al Valone di Mugia
e la barca scuminzia a rolar.

E lentamente scendeva la sera,
rischiarava di tuto un chiaror
e si faceva una grande bufera,
strepitando un tremendo dolor.

E da lontano si vide una barca
contenuta da sei marinar.
Combateva i più forti, lotava
per le onde fugaci del mar.

Antonio Bucher più forte lotava,
rivolgendo uno sguardo sul mar,
e confortava gli amici pianzendo
e saludava i sui cari genitor.

Ogni tanto mancava un amico,
ogni tanto mancava qualcuno
e a la fine rimase sol uno
che può dir dei perduti sul mar.
(in un'altra version la canzon la termina cusì: "alaa fine rimase sol uno, ma anche lui ala fine perì")

"Il 5 marzo 1899 nel golfo di Trieste avvenne una disgrazia che fece molta impressione. Sei giovani erano andati fare una gita in barca, ma al ritorno, al largo di Muggia, li sorprese un fortunale che capovolse la fragile imbarcazione; malgrado gli sforzi per tornare a riva a nuoto, cinque morirono annegati. Uno solo, 'Antonio Bucher', si salvò, dopo essere rimasto per diverse ore in balia delle onde. Per molti giorni a Trieste non si parlò 'altro, finché il fatto non entrò, come altri episodi di cronaca nera, nel repertorio dei cantastorie, Ne nacque questa dolcissima, struggente ballata."


Acora ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Ven Mar 27, 2009 12:27 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




E ecome quà con 'na canzon che nò gavevo mai postado prima:

GIGETA LAMPO
(Canzon popolare)

E no te pensi, cara Gigeta,
che te gà quatro filioli
e te li lasi la note soli
pa' 'ndar bever con chi che xe?

Cosa te pensi, cara moreta?
Quei muloni no te li lasi?
pa' la gola de 'ver i terazi (pronunzià "ala renaiola: "terasi", tipo de orecini a forma de cercio che in tempi 'ndai jera de moda tra le "popolane")
i stramazi te gà vendù!

"E la lana del mio stramazo,
e la lana dei mii cusini
e l'amor del mio caro Nini,
mai più lo scorderò!"

E no te pensi, cara Gigeta,
che l'amor te costa caro
e che l'amor deventa amaro
quando manca de magnar?

Son pasà per Rena Vecia,
la go vista su la finestra,
che la jera cusì soleta,
co' un fior in peto e un fior in man!

"E' un canto popolare nato nell'ambiente delle 'sesolote', che nelle pause del loro lavoro intonavano strofe semplici ma espressive e stornelli satirici. Una di loro era 'Gigeta', soprannominata 'Lampo', donna di facili costumi, maritata e con quatro figlioli che non esitava ad abbandonare a casa, soli, per dedicarsi alle sue avventure. Abitava in 'Cittavecchia' e tutti la conoscevano, anche perché un giorno fu protagonista di un episodio clamoroso, che attirò l'attenzione di tutto il vicinato, Poiché non poteva permettersi di acquistare i vistosi oreccini allora di moda (i cosidetti terazi') si trovò ridotta al punto di vendere... i materassi di casa ('stramazi'), suscitando critiche e discussioni a non finire."

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Ven Mar 27, 2009 12:54 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




'Ncora un'altra canzon, sempre popolare:

LA RIBOS E MAFFEI
(Canzon popolare)

In piaza Saan Giovani
xe sta fato un gran delito:
ga mazado Enrico
la Ribos e Maffei.

La xe rosa de capeli,
petena a la Duse Chechi (l'atrice 'Eleonora Duse' sposada con 'Teobaldo hecchi', el suo compagno 'd'arte')
e davanti la ga i rizeti
per comparirghe al suo Maffei.

Lù xe palido de zera,
el se biondo de mustaceti
e 'l ga scrito sui coleti
"asasin de la zità".

E 'Mosettig' xe sta invitado
la ghe ofri la caregheta:
lù ghe disi: "Cara Marieta,
no la se stia a disturbar!"

La lo ciapa a brazocolo,
la ghe disi do parolete,
e fra mezo a le sue piete
la gaveva el rasador...

'Mimì Rosa' , dami un bacio,
che a la forca mi toca 'ndar!
Ma se tu mi volevi bene,
non mi avesi abandonà!

No te vedi che l'albero pende
e le folie le va, le va?
E la 'Ribos' xe 'ndà in galera
e 'Maffei' i lo ga impicà.

E 'Maffei' xe sta impicado
e la 'Ribos vinti ani:
'sti qua xe i bei guadagni
che ghe toca ala gioventù!

"Questa ballata, tipica dei cantastorie, appare in varie versioni e nell'ultima strofa crea una contaminazione con un canto popolare di origine lombarda o veneta [i]('No te vedi che l'albero pende?'). Il fatto di sangue avvenne nel 1887: 'Maria Ribos' soprannominata 'Mimì Rosa') e il suo amante 'Vittorio Maffei' attrassero in casa e uccisero 'Enrico Mosettig'."[/i]

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Ven Mar 27, 2009 1:32 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Nò son 'ncora stanca de fracar tasti e parciò, continuo:

ANTONIO FRENO
(Canzon atribuida al cantastorie Paolo Razza)

'La scusi siora guardia,
che mi no go fato gnente,
in mezo a tanta zente
la me fa vergognar'.

'Sta zito, o bel moscardin!
Te ciapo pel cupin
e te meto in preson'!

'Alor andai a casa
e gò ciolto el cortel
e go fato un macelo
di quel traditor'.

Un sabato de sera,
le diese za sonade
vegnia comeso un fato
de grande serietà.

'na guarda de patuglia
de posto in via Crosada
vigniva asasinasa
da un nostro zitadin.

Tuti lo conoseva:
se ciama 'Antonio Freno'
e col cortel al seno
zirava la zità.

In punto a mezanote,
la man insanguinada,
co' l'anima turbda,
zercava de scampar.

Dopo comeso el fato,
a Isola el xe 'ndado
e là i lo ga arestado,
pasado i Criminal.

Tuti lo conosemo:
se ciama 'Antonio Freno'
e col cortel al seno
zirava la zità...

"Attribuita al cantastorie 'Paolo Razza, detto 'Paolo l'Orbo'. Era il cavallo di battaglia di 'Toni Pastrovicchio'. 'Antonio Freno' nacque a Trieste il 4 dicembre 1876 da 'Rocco', un 'musicante' di sangue meridionale e da 'Maria Mladinovich'. All'epoca del delitto commesso la sera del 24 settembre 1904, era celibe. Fu dapprima condannato a morte, poi graziato, all'ergastolo. Passò lunghi anni in carcere, a Capodistria e Marbugo (Maribor). Nel 1922 la condanna all'ergastolo gli fu tramutata in trent'anni di carcere e successivamente, nel 1924, in ventidue. Messo in libertà nel 1926, visse in miseria a Trieste. Il 10 giugno 1932 sposò una vedova, 'Maria Ghersel' nativa di Monte di Capodistria da cui non ebbe figli. Morì a Trieste il 10 marzo 1936."

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Ven Mar 27, 2009 1:54 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Dele prosime canzoni, nò sò nè l'epoca de quando che le e stade fate e gnanca de chi; sò solo che le xe cantade tute de 'Toni e Guerrina Pastrovicchio', cantori popolari portatori de "folclore autentico".

LE BABE DE RENA VECIA

La sta de casa in una sofita
e tuta piena de ragnatele;
ma le mobilie sempre quele,
e senza un toco de lustrofin.

Ritornel:

Va in maloron, va in maloron,
va in maloron le sartorele!
Va in maloron, va in maloron,
va in maloron de sior paron!


E le babe de Rena Vecia
e le se senta su le scale;
ma coi cavei zo per le spale
e no le fa che criticar.

Ritornel.

E vegno casa a mezogiorno
e sul fornel no trovo fogo;
e mi me toca far de cogo
e se un bocon vojo magnar.

Ritornel.

E i mii fioi no li conoso
parchè i ga tuti el muso sporco.
E ma le straze che i ga adoso
e tuti roti, tuti sbregai!

Ciau, Auriel.
Solo canzoni triestine: testo.
Indice del forum » musica e canzoni de trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 50  
Vai a pagina 1, 2, 3 ... 48, 49, 50  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015