TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » musica e canzoni de trieste » Solo canzoni triestine: testo. Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 26, 27, 28 ... 48, 49, 50  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Mar Set 22, 2009 9:24 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




PARTÌ PER L’AFRICA ‘L MIO AMORE

Partì, partì per l’Africa ‘l mio amore,
qui sola nel pianto ei mi lasciò.
Il suo ritrato, i suoi capeli, un bel fiore
quale pegno d’amore ei mi lasciò.
Era baldo, era giovane, era belo
col piumato capelo de bersaglier.
Ardente il guardo, bruna aveva la chioma,
il suo sguardo soave e lusinghier.

Partì, partì per l’Africa ‘l mio amore,
ecc.

Diceami il cor, quand’ei partì lontano:
Forse che un giorno ti rivedrò.
Ma non tornò né tornerà giamai,
ah, purtropo, il mio sogno s’averò.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Set 22, 2009 9:26 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




QUANDO I TEDESCHI XE ‘RIVAI ROIAN

Quando i tedeschi
xe ‘rivai Roian
de le nostre tessere
i ne ga cavado el pan.
E no se trova più fasoi,
poveri noi,
cossa farem?
De fame morirem,
con te, Lili Marlen.

Prima de la guera
noi stavimo ‘ssai ben
magnavimo capuzzi
e luganighe col cren,
e inveze adesso a lavorar
ne toca ‘ndar
senza magnar.
Cussì ne morirem,
con te, Lili Marlen.

Soto la defonta
se stava tanto ben,
se magnava ovi
e luganighe col cren.
‘Desso che i gnochi xe rivai
se magna poco
e squasi mai.
Lerai, semo fregai.
Lerai, semo fregai.

Fora de la caserma
stemo ad aspetar
co’ la pignata
un poco de magnar.
Gnanca ai soldai no i ghe dà più
e li fa star
de più a digiun.
Cussì ne morirem
con te, Lili Marlen.

Quando a mezzogiorno,
stanco de lavor,
mi torno a casa,
i me canta el Trovator.
Per zena monto in tranvai
e vado su
de i sfratai
con te, Lili Marlen,
con te, Lili Marlen.

Se sero i oci
me par de magnar
come una volta
polenta e bacalà,
ma co li verzo vedo che
no ghe xe più
gnanca cafè.
La guera vinzerem
per te, Lili Marlen.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:23 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




POVARO CAN

Povaro can,
che garba che per lu
ghe xe la vita.
Povaro can,
ghe toca andar dormir
suso in sufita.
Povaro can,
cossa sarà de lu
senza de Anita?
Povaro can.
In maloron, in maloron,
in maloron le sartorele, 3 x
colpa xe tute, colpa xe tute,
colpa xe tute del suo mal.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:24 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




POVERE LE MIE TRUPE

Povere le mie trupe,
son fate prigioniere.
Go perso le bandiere
sui campi de l’onor.

Domani parto via
per l’isola Sant’Elina,
e arivederci, o femina,
quando che il ciel vorà.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:25 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




QUANTE TRUPE CHE VANO IN BATAGLIA

Quante trupe, quante trupe che vano in bataglia,
le somiglia, le somiglia a la nova recluta.
Se per sorte, se per sorte le gambe ne iuta,
mile mosche, mile mosche faremo scampar.
Se i mosconi, se i mosconi voria far forza,
anche lori, anche lori faremo scampar.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:31 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




RUSSIA FATALE, CHE ALTRO DI BUONO NON HAI

Russia fatale
che altro di buono non hai,
kleba, magorka e čaj.
Russia fatale
che altro di buono non hai,
kleba, magorka e čaj
e bolše ničevo.

Russia fatale
che altro di buono non hai,
fame, pedoci assai.
Russia fatale
che altro di buono non hai,
fame, pedoci assai,
miseria in quantità.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:37 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




SE ‘L PAPA PIANZI, SOLDATI NO ‘L GA PIÙ

Se ‘l papa pianzi,
soldati no ‘l ga più,
el ga perso la Romagna
e no ‘l aquista più.



SU E ZO, SESSANTANOVE

Su e zo, sessantanove
case nove de afitar.
Deghe la papa al vecio,
deghela col cuciar.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:39 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




SON ‘DADO PER TRIESTE

Son ‘dado per Trieste
e go visto un bel giardin,
un bel giardin.
Dentro iera Teresina,
la [fazeva un mazzolin], [sonava el mandolin]
[un mazzolin]. [el mandolin]

Teresina, Teresina,
per chi fai quel mazzolin,
quel mazzolin?
E io lo facio ai miei soldati
per mandarghelo a Franceschin,
a Franceschin.

Oh, soldati, oh, miei soldati,
quanti passi l’abiam da far,
l’abiam da far?
Abiam da fare centomila.
Teresina no la pol più,
no la pol più.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:40 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




SONO UN POVERO DISERTORE

Sono un povero disertore,
abandonai le mie bandiere,
e che destino scelerato
che mi vien perseguitar.

Mama mia, perché sei morta,
ma perché non vivi ancora?
Il tuo figlio a la malora
va finir ‘n una prigion.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:44 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




SON VENUTO DA PARIGI PER PAGAR EL CELIBATO

Son venuto da Parigi
per pagar el celibato,
cento lire mi han fregato.
Son venuto da Parigi
per pagar el celibato,
cento lire mi han fregato,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar con quele bionde,
le xe tute vagabonde.
La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar con quele bionde,
le xe tute vagabonde,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar con quele more,
le xe false e traditore.
La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar con quele more,
le xe false e traditore,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

Se la bionda non mi vuole
e la bruna non mi piace,
pagherò trezento tasse.
Se la bionda non mi vuole
e la bruna non mi piace,
pagherò trezento tasse,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

Con ‘sta crisi che xe ogi,
no se fa più matrimoni,
‘legri, ‘legri, giovinoti.
Con ‘sta crisi che xe ogi,
no se fa più matrimoni,
‘legri, ‘legri, giovinoti,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar coi militari
perché i fuma Popolari.
La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar coi militari
perché i fuma Popolari,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

La mia mama me ga dito:
no sta ‘ndar co’ la finanza
che te cresserà la panza.
La mia mama me ga dito:
no sta ‘ndar co’ la finanza
che te cresserà la panza,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

La mia mama me ga dito:
No ‘ndar fora de le striche,
che i te guanta le tue fliche.
La mia mama me ga dito:
No ‘ndar fora de le striche,
che i te guanta le tue fliche,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

La mia mama me ga dito:
Xe rivà la cartolina
per andar in Abissinia.
La mia mama me ga dito:
Xe rivà la cartolina
per andar in Abissinia,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar in Abissinia,
che le negre te ruvina.
La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar in Abissinia,
che le negre te ruvina,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar in Abissinia,
i te fa ‘l cul come ‘na simia.
La mia mama me ga dito:
No sta ‘ndar in Abissinia,
i te fa ‘l cul come ‘na simia,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

La mia mama me ga dito:
che polenta e pesse frito
fa vignire l’apitito.
La mia mama me ga dito:
che polenta e pesse frito
fa vignire l’apitito,
no me sposarò mai più,
resto celibe.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:45 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




SU E ZO PEL CARSO, MA DIRETI IN TRINCEA

Su e zo pel Carso,
ma direti in trincea,
andove si combatono gli amici
frateli miei.

[Causa] i nemici, [Era]
[ma che son] inumerevoli, [che son forti e]
cadeva mio fratelo co’ una pala
ferito al cuor.

Piangete, oh, madri,
spose e sorele,
ed asciugatevi
gli ochi del pianto,
che i nostri morti
son coperti di un manto
di rose, di fiori,
di lacrime di dolor.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:47 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




SU IN GALIZIA SVOLA SRAPNEL

Su in Galizia, su in Galizia svola srapnel,
no xe miga mal, ma gnanca tanto ben,
e che co i s-ciopa i maza mezi,
no xe miga mal, ma gnanca tanto ben.



SUL PONTE DE GORIZIA GHE XE DEI CORPI FRANCHI

Sul ponte, sul ponte, sul ponte de Gorizia
ghe xe, ghe xe, ghe xe dei corpi franchi
che i vendi, che i vendi, che i vendi furminanti,
tre mazzi, tre mazzi, tre mazzi un carantan.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:49 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




TERESINA, PER CHI FAI QUEL MAZZOLIN?

Teresina, Teresina,
per chi fai quel mazzolin,
quel mazzolin?
Lo facio per i miei soldati,
per portarghelo a Franceschin.



DAI, PEL CORSO VA EL TRANVAI

Dai, dai, dai,
pel Corso va el tranvai,
se paga poco poco poco
e no se riva mai.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:50 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




TUTI ME DISI CHE FUMA I CAMINI

Tuti me disi
che fuma i camini,
vardè Tomasini
che naso che ‘l ga.

‘Sto qua no xe un naso,
ma xe una nasopia,
che guai se la scopia,
Trieste xe andà.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 23, 2009 9:52 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2626




UN DÌ DA NAPOLI, FRA SUONI E CANTI

Un dì da Napoli, fra suoni e canti,
partiva d’idoli due cari amanti.
Sul porto stavano a ragionar,
principia il giovane così a parlar:

Bela, non piangere, se vado via,
cara, non ardere di gelosia.
Fra tante femine che incontrerò,
tu sarai quel angelo che in cuore avrò.

Le done d’Africa son tute nere,
non m’inamorano le brune cere.
Vado a ragiungere il mio drapel,
che guadagnarono città e castel.

Le done d’Africa son tute nere,
non m’inamorano le brute cere.
Sarà ridicolo, misero me,
per una barbara lasciare te.

Le piume sventolan sul mio capelo,
vado a ragiungere il mio drapelo.
Le trombe squilan, io partirò,
bela, ramentati di chi t’amò.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
Solo canzoni triestine: testo.
Indice del forum » musica e canzoni de trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 27 di 50  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 26, 27, 28 ... 48, 49, 50  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015