TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » musica e canzoni de trieste » Solo canzoni triestine: testo. Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 48, 49, 50  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Ven Mar 27, 2009 2:02 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Ecove un'altra, spero 'sai che le ve piasi - almeno a quei che le legi - e speto sempre fiduciosa che qualchedun me disi se ghe ne gà riconosudo qualcheduna.

SPUNTA IL SOLE

Spunta 'l sole a la matina,
il tamburo l'è già suonà.
Bela non piangere se parto via,
al mio ritorno ti sposerò...

Dami un ricio d'i tuoi capeli,
che portarli li voglio con me;
e alora io mirerò queli,
quando lontan sarò da te.

Forse tu piangi la mia partenza,
e note e dì no' ti scorderò!

Ciau, Auriel,
MessaggioInviato: Ven Mar 27, 2009 2:22 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Mi vado 'vanti cò stà quà:

TUTE 'STE NOTI

E tute 'ste noti che vado zercando,
che vado zercando, morosa inozente!
Guai se te trovo co' qualche studente:
e zo del muro mi te vojo butar!

Ma quel fazoleto che mi te gò dà,
moreta, lerà (no gò trovado la spiegazion de sta parola), ti te lo devi pagar!
Te lo devi pagar co' sangue e sudor,
moreta d'amor, ti te lo devi pagar!

E se volè vederle,
le xe sul puntal de Rena.
Le xe tute senza zena,
no le fa che criticar

E ciumbalerilelà
in malora lo go mandà!
E ciumbalerilolailelile!
E ciumbalerilelà,
in malora lo go mandà!
E ciunlalarilolalà!

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Ven Mar 27, 2009 2:29 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Ecove l'ultima par stasera:

VADO IN ZARDIN

Vado in zardin,
trovo el piazer:
fazo l'amor
col zardinier!

O zardinier,
non mi tradir!
Son verzinela,
poso a morir!

Poso a morir,
poso a restar...
Tre ani in carzere
me toca a far!

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Sab Mar 28, 2009 1:40 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Son quà anca stanote, par propinarve qualche vecia canzon triestina, me dispiasi che dispono solo del testo parché sentide cola musica - esendo canzoni - le rendi 'sai de più, ma nò sò proprio indove 'ndar a zercar i spartidi.
Mi le gò sentide tute e, se me credè sula parola, le xe una mejo de l'altra, naturalmente par chi che ghe piasi el folclor triestin!

NEVIGA LE MONTAGNE

Neviga le montagne,
casca la biancolina, (neve)
l'inverno se avizina,
no' se pò travaiar. (lavorar dal francese "travailler")

Co' le cadene ai pìe
me trovo inarzerado.
Vojo a domandarghe altro:
se questo xe el mio sofrir,
in carzere morir.

Son soto i tui balconi,
son distirà sui sasi.
Butime zò i stamazi,
che dormirò più ben!

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Sab Mar 28, 2009 1:53 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Continuo:

VOJO 'NDAR SUL'ALTE MONTAGNE

Vojo 'ndar sul'alte montagne
a sentir cantar i usei,
canarini e po' fringuei,
Ogni speze de qualità!

Non te vedi che l'albero pendi
e le foje le casca zò?(sta strofa me ricorda una dela canzon "La Ribos e Maffei")
Per contentar ste femine
ghe vol la zoventù!

Come bala ben quela là sul sofà! (altra strofa che ricorda 'naltra canzon)
Ancora quatro salti,
le suste in malora adarà!

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Sab Mar 28, 2009 2:03 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Sempre 'vanti:

QUANDO EL MORETO

Co' el moreto
a la sagra lù 'ndava,
e la pistoleta
in scarsela 'l portava.
Ma lù se zirava,
ma lù se voltava
e dela paura
ma di eser tradì.
Co' el moreto
me vien a trovr,
e tuto 'l mio sangue
se jaza in te le vene.
O cara mama,
me trovo 'sai in pene
co' el moreto
lù el me vien abrazar!
Indove xe ogi
che mi no lo vedo?
Sarà morto de fredo
e in qualche canton?
Ma lù sarà a Muja
che 'l zoga le carte:
e sta qua xe l'arte
e che lù ga imparà!

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Sab Mar 28, 2009 2:16 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




E po' ancora:

JERA 'NA PICOLA BAVISELA

Jera 'na picola bavisela,
sventolava i sui biondi cavei:
jera rizi e biondi e bei,
che i me fazeva inamorar.

E la dormiva sui mii brazi,
ogni tanto la se svejava,
dele sue pene la me contava
e po' tronavasi a indormenzar.

Le undizi e meza xe zà sonade,
se avizina la mezanote.
Cari siori, felizi noti!
E noi andemose a riposar!

"Canzone che ricorda i versi della celebre "Biondina in gondoleta":'Una sola bavisela/sventolava i so cavei.../La dormiva su sto brazo,/mi ogni tanto la svegiava/ma la barca che ninava/la tornava a indormenzar'."

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Sab Mar 28, 2009 2:43 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Ancora una:

OGI UN ANO A VALLE LONGA

Ogi un ano a Valle longa
senza fliche, senza pagnoca,
senza una cica
nemeno per fumar!
Ein Garaus!
farghe la guardia
a quei quatro muri,
a ciò che de note i Cici
no porti via i scuri!
Numero uno:
no pasa mai nisuno,
numero due:
deposito rochete,
numero tre:
xe pien de vache e armente...
El posto ch 'l xe là,
el ghe ziga: - Alberdà!
E a bordo la "Belona"
i disi dale brande:
-Nostrome de la paura
se la ga fa' in mudande!
Chirlie, chirlie!
chirlie, no son chirlie!
Chirlie, chirlie,
chirlie i sòn!
E a bordo la "Radetzky"
xe nata una confusion:
condiva le patate
co' l'oio del cnon!
Ei Garaus!
Ogni ano i ghe ne fano,
sia di mare sia di tera...
Eviva la bombardiera,
Canoni in quantità
Ei Garaus!

"Strofette che ricordano i tempi in cui i triestini prestavano il servizio militare a Pola e sulle navi da guerra Ausro-Ungariche. 'Ein Garaus!': Mi venga un colpo! -'Alberdà!': storpiatura di Alt! Wer da? (Alt! Chi va là?) -'Chirlie isòn: 'Kirie eleison' (Signore abbi pietà!); questa canzone ha almeno un'altra simile, in una versione solo di poco più moderna."

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Dom Mar 29, 2009 11:36 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Sta... note ve ghe ne meto 'ncora un par:

E TI CO' LA BARCHETA

(Tute le strofe de sta canzon le và ripetude do volte)

E ti co' la barcheta
e mi col timonzel
andaremo a pian, bel belo
là sule rive del mar

Là sule rive de mar
ghe xe un ponte de pasar;
varda de no' cascar,
che l'aqua la fa morir!

E l'aqua la fa morir
e 'l vin fa alegria!
Bevemo in compagnia!
Bevemo in sozietà!

"Sta canzon, se vardè ben ben la prima strofa, la xe 'na canzon a "sfondo erotico!"

Ciau, Auriel.


Ultima modifica di Auriel il Dom Mar 29, 2009 11:50 pm, modificato 1 volta in totale
MessaggioInviato: Dom Mar 29, 2009 11:49 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Sta canzoneta quà, son sicura che qualchedun de voi la conosi: nò la xe famosisima, ma gnaca sconosuda.

VA A L'OMBRA

Va l'ombra, va l'ombra , Nineta,
che el sol, che el sol te fa mal!
Le tue, le tue beleze
voi goder, voi goderle mi!
Sì, voi goderle mi!

Co 'l pasa, co 'l pasa el me varda,
'l mi leva, el mi leva el saludo.
Lù pensa, lù pensa de tuto,
dei giorni, e dei giorni pasai.
Sì, dei giorni pasai!

Col quatro, col quatro, col zinque,
col zinque, col zinque, col sei
amarte, amarte vorei,
sposarte, sposarte mai più!
Sì, sposarte mai più!

"La melodia di questa canzone è la stessa di quella di "Sior Popel"
MessaggioInviato: Dom Mar 29, 2009 11:59 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Un'altra ancora:

TANTE STELE

Sono orfana di padre e di madre,
sono stanca di far questa vita!
Su nel cielo sta scrita la mia vita:
che la mia sposa sarà lassù nel ciel!

Tante stele che brilla su nel cielo,
tanti baci che mi te daria!
Uno solo par mi me basteria
per consolare 'sto misero cuor!

"Come avrete potuto notare, questa è una delle poche canzoni triestine cantate un po' in italiano e un po' in dialetto! Si tratta di una canzone ultraromantica cara alla gente di Rena Vecchia."

Ciu, Auriel.
MessaggioInviato: Lun Mar 30, 2009 12:13 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Continuo:

CHI VINCE LA PARTITA

Portè le camice bianche,
fiochi dela nazione!
Portè le camice bianche,
fiochi de la nazion!

Portè un mazo de carte,
che noi dovemo a zogare!
Portè un mazo de carte,
che noi dovemo a zogar!

Chi vince la partita
xe un bravo giocatore,
chi vince la partita
xe un bravo giocator.

Mi go zogado set'ani
per guadagnare l'amore,
e mi go zoga set'ani
per guadagnare l'amor.

"Anche di questa canzone, come per la precedente, non si può dire che sia prettamente in dialetto. Ricorda il canto narrativo noto come "Il marinaio" o "Tre marinai, nel quale un marinaio, per aver in sposa la ragazza i cui si è innamorato (la figlia dell'ostessa), deve giurare di non toccarla per sette anni."

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Lun Mar 30, 2009 12:41 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Proseguo ancora par un fià de tempo;

LA MIA GALINA

Mi gavevo una galina
Co’ la piuma, co’ la piuma molisina,
che la sera e la matina
la fazeva cocodè.
Cocorocò, cocò, Corococò, codè!

La gaveva el suo bel covo
Soto el vecio, soto el vecio fogoler,
ma co la faceva l’ovo,
la cantava de piazer.
Cocorocò, cocò, Corococò, codè!

Vegno a casa un bel giorno,
trovo zita, trovo zita la cusina:
più no iera la galina
che faceva cocodè.
Cocorocò, cocò, Corococò, codè!

A mia moglie ghe domando:
“Dove xe, dove xe la galineta?”
“La xe in tecia, povareta,
fra ‘l butiro e ‘l pan gratà.”
Cocorocò, cocò, Corococò, codè!

Mi ve giuro, amici cari,
che go pianto, che go pianto a sta parola,
Ma co la go vista in tola,
anca i dedi me son lecà!
Cocorocò, cocò, Corococò, codè!

“Canzone umoristica di Adolfo Leghissa (1875 – 1957), pubblicata nel 1943 dalle Edizioni Musicali ‘Gong’ di Trieste.
A. Leghissa fu capocoro al Teatro Verdi, giornalista, poeta, compositore, commediografo, artista di varietà, ecc. Scrisse numerosi lavori per Angelo Cecchelin. Notevoli per la notizia sulla vecchia Trieste, i suoi due volumi ‘Trieste che passa’ e ‘Un triestino alla ventura’.”


Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Lun Mar 30, 2009 12:58 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




L'ultima par stà note:

A LA "MADALENA"
(Tute le strofe de stà canzon le và ripetude 2 volte.)

E sono entrata in spedale
col furgone municipale,
e la sortita la voglio fare
co' l'impresa del capelan.

La prego tanto, signor dotore,
ma di dirme la malatia!
Il tuo male, picina mia,
il tuo male è la tebecè.

La prego tanto, signor dotore,
de cambiarme la medicina,
e chè le sponte le me rovina...
Fero-china me fa 'sai ben!

E ma prima dela mia morte
voglio fare una rica zena,
invitar tuta la "Madalena",
l'infermiere e anche lei, dotor!

"Anche di questa canzone c'è almeno un'altra versione un po' più moderna, ma che ripete più o meno le stesse parole. E' il dialogo fra un dottore ed una giovane ricoverata affetta da tubercolosi e prossima a morire. La 'tebecè' è la TBC, la tubercolosi; il 'fero-china' un liquore tonico."

Ciau, Auriel.
MessaggioInviato: Lun Mar 30, 2009 2:59 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Come ve gò dito ieri, esisti almeno un’altra version dela canzon che gò postado prima de questa, visto che la gò trovada ve la riporto:

A LA MADALENA
(Tute le strofe de stà canzon le và ripetude 2 volte)

Ma la prego, signor dotore,
el mio male, che male xe?
Si dia coragio, mia signorina,
il suo male è tebezè.

Grazie tanto, signor dotore,
dela sua sinzerità,
E gnente, gnente, signorina,
devo dire la verità.

E la prego signor dotore,
de cambiarme la medizina,
perché le sponte le me rovina,
fero-china me fa ‘sai ben.

Il mio male va sempre grave,
pei dolori sono sfinita,
e a fianco al prete che mi asiste
io mi tocherà morir.

E avanti di morire
Voglio fare ‘na grande zena,
e invito tuta la Madalena
e anche lei, signor dotor!

Ciau, Auriel.
Solo canzoni triestine: testo.
Indice del forum » musica e canzoni de trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 2 di 50  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 48, 49, 50  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015