TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » c'era una volta ... a trieste » QUARTA Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Mer Set 17, 2008 4:19 am Rispondi citando
york
Registrato: 18/12/05 18:14
Messaggi: 1417
Località: Victoria, BC, Canada




Orso,costevol pian pianin sparisi tuti e a 72 anni xe ancora piu ovio... Anca per ti, dal tempo nela foto con le tirache, te ga fato bastanza strada e xe inevitabile che se perdi amici e gente che se ghe voleva ben... Per quanto naturale xe sto processo, piu vecio che divento meno me piasi... Smile

York Very Happy

_________________
".......And whether or not it is clear to you, no doubt the Universe is unfolding as it should."
Profilo Trova tutti i messaggi di york Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Set 18, 2008 7:39 pm Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




york ha scritto:
Orso,costevol pian pianin sparisi tuti e a 72 anni xe ancora piu ovio... Anca per ti, dal tempo nela foto con le tirache, te ga fato bastanza strada e xe inevitabile che se perdi amici e gente che se ghe voleva ben... Per quanto naturale xe sto processo, piu vecio che divento meno me piasi... Smile

York Very Happy


Invitabile si, York, ma anche inevitabilmente triste... Embarassed Crying or Very sad Embarassed Crying or Very sad Embarassed Crying or Very sad

Orso

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Gio Set 18, 2008 8:32 pm Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




Il treno corre
e il cimitero si dilata
sulla rotaia.
Campana. Campana.
Sempre più lenta
vibra.
Il rintocco del cuore
spaventa la luce.

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Set 19, 2008 8:31 am Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Grazie, Aurio. Belisimo poemin, che, per concluder sto ultimo pasagio de Quarta, el pasa a penel ....

Pensar che da un episodio dela vita che go pasà la su, un incidente, mudandine celesti ecc., xe diventà prova inconfutibile che, "no se devi mai andar fora de casa con le mudande sporche in caso che sucedi un incidente o qualcossa!" xe una teoria valida ogi come che la jera valida sesant'ani fa, el forum se ga svolto int'un scambio de idee completamente inaspetado.

Xe questa la beleza de sto forum.

Adeso xe mezanote, ma domani ve conterò perchè in Quarta e fin Kaciun e Kolokovec el mio nomignolo jera Petaci. Chisa cos'che spunterà de quel.

Orso Smile Smile Smile Smile Smile

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Ven Set 19, 2008 11:35 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Sì, Orso, va ben... Però no se fa cussì, ostia: te ne lassi co' la curiosità e dovemo spetar. SADICO!!!! Very Happy Very Happy

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
Petaci
MessaggioInviato: Ven Set 19, 2008 9:52 pm Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Come promeso....



De Trieste nel’imediato dopogueara, de esperienze personali no go – cioè no più de quel che se legeva nel Giornale di Trieste (se la memoria me servi, el Picolo se ciamava cusì in quei giorni) e nel Primorski Dnevnik, perchè in cità mia mama no la me portava mai, amenoche no fusi stade robe serie. Go dimenticà de dirve che sicome mi gavevo gavudo la fortuna o sfortuna de gaver imparado a leger e scriver za al’età de cinque ani, de alora in su un dei miei compiti jera quell de legerghe el giornal a mio papà e ai altri “veci” mentre che ligava I pomidori ai pai o se fazeva l’otavo preparando la verdura per el mercato, e dunque certe robe me restava imprese nela mente.

I adulti i parlava sempre del’Armistizio de qua e del’armistizio de la. Per mi, sta parola gaveva asunto un poder magico. No savevo esatamente cos’che la voleva dir, ma de quel che I contava, gnente piu Tedeschi che vegniva cior la gente e portarla via, gnente piu el Pipo che zercava de far saltar l’Aquila, gnente bombardamenti e, Franzel, l’anziano e el più sagio dei “Quartani” me gaveva ditto tante svolte, che dopo rivà l’Armistizio, le fabriche gavaria comincià a far zogatoli inveze de sciopi e bombe a man. Imagineve dunque la rivelazion el giorno che gavevo portà Nina a pascolar in Patok, drio de Quarta, sul trozo, fra I sasi gavevo trova la prima pagina del giornal, che, come se fusi la fasa de una bandiera, la gaveva la parola ARMISTIZIO scrita de una parte al’altra. Niente più scampar dele bombe, gnente piu paura de Tedeschi fasisti o de partisani…insoma tuto un fotio de gnente più, in più, sempre secondo Franzel, co jera tuto dito e fato inveze de nose, qualche pistacio o mandarin involtizadi in stagnola carta colorada per San Nicolò, zogatoli! Veri zogatoli fati de aciajo, legno...insoma quela roba vera!

Imagineve anche la sorpresa che me spetava. Tuto de un colpo in Quarta, inveze de portarne zogatoli a noi fioi, ogni omo el gaveva un s’ciopo, I parlava tuti de comizii (un’altra parola nova che suscitava strane ramificzioni nela testa de un fiol de sei ani), i jera tuti sai, sai importanti, durante sti comizii e i se fazeva la gara a montar sul palco e cior el microfono parlarr, parlar e ancora parlar… noi fazeva altro che ripeterse un dopo l’altro (e jero perfin acorto de un fato che me gaveva fato schifo: tanti de lori i parlava cusi a lungo che ghe vegniva una baveta bianca fra i cantoni dei labri).

Inveze noi, fioi, bisognava sempre taser, no parlar ne de questo ne quel’altro. Volevo saver perchè la gente che pasava pel klanz la vegniva fermada de sti Quartani importanti coi s’ciopi, senza nesun motivo… no capivo un tubo mi! E se donadavo spiegazioni, un scorlon per le spale e un "Tasi!" jera la risposta. Dove jera sto sogno dela vita dopo l’Armistizio?.

Un aspeto dei Comizi che me piaseva però, jera quel dele “Veselice” o recite e spetacoli che speso li compagnava. Bei grupi corali che cantava con tuta la pasion che i gaveva, de sera, ala luce de una o due lampadine provisorie, scenete teatrali, che magari i gavesi podudo farghene de meno, perché no se tratava de altro che dele stese parole che gavevo sentido di tuto el giorno, spiferade de quei con la spiumeta bianca fra i labri.

Quel che me piaseva de più a mi però, jera la musicai, gente che sonava l’armonica, el clarineto, el violin, bande o grupi de “muzikanti” che bateva granchè de polke e de mazurke... insoma bel.

Un giorno, anzi ala vigilia de una dele più grandi Veselice (o produzioni teatrali) mio papà, Stanko, Danilo e Bruno, el papà de Laura, che voi la conosè za de fama, i gaveva deciso che oramai Quarta gaveva bisogno de un star teatrale. Lori i saria stadi i ideatori, produtori e poeti dela produzion, mentre el progetado star saria scelto mi.

Decision ciolta, dopo tuta una serada, un sete ore de lavor, due poemi jera emersi, un de sete o oto strofe in Sloven, “Moj Poklon” (Il mio inchino) che jera l’introduzion che verzeva la Veselica, e l’altro in italian, “La Petaci,” che jera el caval de batalia - de una decine de strofe che, dulcis in fundo, la terminava. Mi, el protagonista, dovevo impararle tuto a memoria, man man che le vegniva scrite, perché l’indomani gavevo za el “booking” ala Veselica de Kolonovec.

Me ricordo ancora qualche verso dela Petaci:

La Petaci con la sua dote
resta in cotole tute rote,
perché al **** de Musolini
questa volta i lo ga fregà.

Musolini non voglio il piombo,
voglio il pane pei miei bambini...

…el resto no me ricordo più. Ma tanto no ga importanza. No se trata de poesia che gavesi cusì tanto in comune col Carduci, Pascoli o D’Annunzio; dunque lasemo andar. L'importante jera jera imparar tuto a memoria, inclusi i moti e le varie mose mentre i due tochi vegniva recitadi. E mi gavevo imparà. Col entusiasmo de sei ani, mi JERO PRONTO... prima de andar a dormir.

Riva l'indomani sera, monto sul palcoscenico a Kolonkovec, in corte del’osteria dei Soci pronto de farghe gloria a tuta Quarta.

Ben, ale volte le robe no le va come predite . Per cominciar i me gaveva inegnà tuto, fora che el fato del microfono, sto stangolin con una zavata coverta de una rede che i me gaveva ficado davanti el naso tre secondi prima de cominciar “Moj Poklon.” Pena verta la boca el ga molà un fis’cio che me gaveva stordì… Ferma la scena e agiusta el microfono. “Forza, Bruneto! Adeso xe tuto aposto.”

Infati gnente no jera aposto! E mi comincio denovo, sta volta meno sicuro de mi steso, canto, parlo, ma no me sento... come se la vose la fusi ingiotida de sta zavata, no me sento. Stordido de sto fato, adeso salto una strofa e me imbrojo su quela cominciada… A sto punto crola tuto: no solo no sento più tubo, ma no so gnanche dove che son con la poesia o cos'che dovevo dir.

I fioi, benedeti lori, devi eser la forza darwiniana che li protegi come che i cresi, perché lasadi che i fazi, i sa come salvarse co l’aqua ghe riva soto el cul. Istintivamente, smeto de cantar fazo un moto come se scazasi una mosca e, rabiado, zonto una frase che me jera vignuda in mente al momento e che me ga lancià nela mia breve ma intensa cariera:

“ Drek! Sem pozabil ! ” (Merda! Go dimenticà!)

Bon, el scopio de rider e l’aplauso iera una sorpresa, tantopiù che no i finiva mai, El me gaveva ridado forza, devo dir.

Dopo qualche minuto go recità el Moj Poklon da maestro, guadagnandome un aplauso ancora più forte, che per mi jera aqua per un esule del deserto. Ma no jera gnente comparado al suceso del tocheto sula “Petaci.” Le ridade e le lodi no finiva mai.

E cusì, via mi, de fama ...ahemmm!!! internazionale… Kaciun, Servola, Domio, Dolina e una volta perfin in un teatro in cità. E dopo de quel, gnente piu veselice, gnente più comizi e nesun no parlava più de ste robe.

Solo el nome, Petaci o el diminutivo “Petac(h)ko” xe restadi… per quei che ancora i se ricorda dei tempi, ancora fin ogi.

Orso


Ultima modifica di Ursus Canadiensis il Dom Set 21, 2008 9:17 pm, modificato 8 volte in totale

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Sab Set 20, 2008 10:52 am Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste





Ma bravissimo Orso, cos'che me son divertida, me pareva de vederte, te gà descritto la scena cussì ben.!
Qua sul forum dovessi esser ancora un per come ti, e la ridada la saria assicurada più de qualche volta.....xciò se te gà ancora , contine pur. Very Happy

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Set 22, 2008 11:05 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Meritava spetar, Orse. Complimenti. Very Happy Evil or Very Mad

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
Franzel
MessaggioInviato: Mer Set 24, 2008 6:27 am Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Incoragiado come che son, un'altro episodio:

Quarta, in quei ani, consisteva de cinque familie. Le familie jera formade de tre tipi de individui – anzi quatro – distinti l’un del’altro come se fusimo quatro raze de quatro cantoni del mondo:

a) I omini
b) Le babe
c) I fioi e....
d) Franzel, el patriarca.

No xe facile spiegar sto conceto de diferenza senza montarghe sui pie (per cusì dir) dele done de ogigiorno, ma me dovè perdonar sta volte, perchè quele de quel giorno e in quela chiusa medievale che jera Quarta no jera le done che pretendi giustamente eugualianza coi omini. In quel posto quela volta, I omini i beveva el litro insieme, i se fazeva la partidina de carte o de dama o magari la cantada, i se sentava fora, su quele piastre de piera carsica che serviva de sedili che, scartazadi dai culi e dele bragese za de un par de centinaja de ani le jera stade lustrade come se qualchedun ghe gavesi pasado la cera. Se jera barufa per un motivo o per l'altro, la partiva e la finiva la, con la fine dela serada.

Le babe, inveze, le pasava ore e ore sognando cos’che voleva dir l’altra co’ la gaveva risposto “Speremo che el sia bon!” co’ la prima la ghe gaveva dado el “Bongiorno,” perchè, evidentemente qualche roba la scondeva, ela. Vojo dir che le babe le se rosigava l’una con l’altra senza nesun motivo. Magarin mia mama e Pierina le andava dacordo come cul a camisa ma col resto, jera sempre sta forma de chi-va-la...peta-peta che no le me freghi.

Franzel, inveze, jera aldesora de tuto questo.

In tuti i ani che lo gavevo conosudo no lo go inteso mai alzar la vose. Col jera veramente incazà con su molie, Maria (che la gavaria savù come farghe girar le bale al più santa de santi), inveze de zigar come che la fazeva ela, la piantava in aso, dove che la barufeta jera comiciada e l’andava far qualche altro lavor, dove che el podeva eser solo e el se meteva cantar, pia-pianin, sotovose, ogni strofa che cominciava con una “prekliete babe...” (Maledete babe, per italian) e el resto dei poemini... ben, no oso tradurli che se no riva un altro teremoto a Trieste. Ma mai un zigo o una mosa rabiada però, sempre un gentiluomo lui.

El jera un genio, Franzel. Sloven, Tedesco, Francese, ben inteso Talian, Ungherese e perfin Roma jera lingue che el parlava corretamente, come se el fusi un nativo del paese; la matematica, storia, geografia, la politica discusa inteligentemente jera tuto pan e mortadela per lui, però con tuto quel bagalio inteletuale, con tuta la sua rafinateza comparà ai altri, nol se gaveva mai dado l’aria de superiorità. Un vero gentiluomo.

Verso i due ultimi ani de guera la magior parte dei omini dela zona che jera soto le armi i gaveva abandonado le unità militari echi qua, chi la i jera tornadi a casa. Tanti jera diventai partigiani, altri i viveva una vita de paura de un giorno al’altro, scondendose de note in note per evitar de eser becadi o dei tedeschi cola “guida” che jera la camisa nera, o dei carabinieri.

Mio papà un de lori, jera scampado nel 45 per no finir prigioniero in Germania come che ghe jera suceso a un dei miei zii. Tra l’altro, el suo ritorno jera la prima volta che mi lo gavesi mai incontrado, perchè no gavevo gnanche un ano co'l jera partì. Gavevo becà una fifa co’ lo gavevo visto, alto, con sto cinturon e la bajoneta, che me jero rifiutado de andarghe gnanche vizin. Per mi divisa voleva dir paura, papà o no papà.

Tornando al fil dela storia, mio papà nol gaveva dormì nel suo leto per due mesi dopo tornà. Un giorno, el se gaveva deciso de meter fine ala sua odisea e de viver a casa. El gaveva zercà de cambiar la data de nascita dela carta de identità, in caso che i venisi zercarlo la polizia, mo nol ghe la gaveva fata. La data de nasita jera diventada un pastroc.

Mi gavevo oservà la seguente scena dala finestra dela camera, in primo pian, drio i scuri, pianzendo de paura, ma senza osar gnanche singhiozar però. Due guardie tedesche jera comparse in corte, che nesun le gaveva sentide vegnir. La camioneta jera parchegiada de fianco de Quarta. Mio papà jera davanti el pozo che el tirava aqua per darghe de bever a Nina e anche ale cavre de Sofia e Filipo, e forsi, in retrospetiva quela jera la sua fortuna, perchè se el gavesi zercà de scampar i lo mazava.

I ghe ga fato mostrar i documenti e co' i ga visto la carta de identità col pastocio sula data de nascita, al punto de no poderla leger, i lo ga ciapado per i brazi e el polso pronti de portarlo via.

A sto punto mi volevo zigar. Jero solo, perchè mama la jera in campagna, ma son sta zito... son sta zito, perchè del ceso che jera in fondo ala corte a destra, vien vora Franzel, cantichiando una canzoncina e avicinandose ai Gnochi come che fusi ora de andar dirghe bongiorno al vizin.

Segui tuta una conversazion; scambio de zigade dei Gnochi contro la vose calma ma decisa de Franzel, tuta roba tedesca per mi che scoltavo, serà in camera e de un colpo, come un miracolo, i militari i ghe torna la carta de identità a mio papà, e con un tanto de racomandazioni e ordini che ne lui ne mi capivimo, i mola un saluto, i gira i tachi e i torna via per dove che i jera vignudi.

"Ghe go spiegà che la carta de identità te jera cascada nel secio del'aqua, Armando," ghe spiega Franzel.

Mio papà, el ghe mormora un "ben, hvala, Franzel!" e trabalando un tantin, el va pian-pian a sentarse su quel scagno de piera, la testa fra le mani e i labri che ghe tremava.

Franzel inveze xe tornà a sentarse soto el noser, tacà el ceso, a continuar a tajar e netar un faso de venchi che serviva per riparar le cofe dela verdura e ligar le vide.

E la storia dele le babe?

La prosima puntata.

Orso

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mer Set 24, 2008 3:49 pm Rispondi citando
york
Registrato: 18/12/05 18:14
Messaggi: 1417
Località: Victoria, BC, Canada




Orso, paure del genere bisognia viverle per capirle, la muleria che xe venu dopo sai fortunada e davero no se ghe augura l'esperienza....
Bel toco...

York

_________________
".......And whether or not it is clear to you, no doubt the Universe is unfolding as it should."
Profilo Trova tutti i messaggi di york Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Set 24, 2008 6:05 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Te gà proprio ragion York .
E adesso sentimo la storia dele babe, forza Orso.! Very Happy

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
Le Babe
MessaggioInviato: Lun Set 29, 2008 5:33 am Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Le babe.

In Quarta, discordia (se se pol ciamarla discordia) jera sempre quel elemento de ansia che de un momento al’altro scopii el batibeco, ergo: barufa fra una baba e l'altra.

Noi altri, fioi, no rivavimo mai capir perché lore le se becava sempre come galine davanti un pugno de formenton, ma dotadi de quel senso pratico che la mularia la ga, savevimo come utilizar la situazion a scopo nostro. Adeso no vojo dir che noi gavesimo chisà che piani de conquista o sogni de grandeza. Quel che ne piaseva a noi jera rider - posibilmente ale spale dele babe - che, visavì de noi le se comportava de vere tirane. Per esempio, co’ savevimo che una de lore la saria ala portada de orecia giusta de sentir quel che disevimo, un de noi gavaria menzionà cusì, per caso, che: “Tanto la ga dito che Maria la dovesi piutosto netarse el quartier che misiarse….” Inutile dir che prima gnanche de finirla la frase, Maria la jera la, el viso roso de gaver paura, oci stravolti che zà spudava velen, “Chi ga dito? Cosa la ga dito?”

Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad “TACERE BISOGNAVA E ANDARE AVANTI” Surprised Surprised Surprised Razz Razz Razz Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

Noi negavimo tuto e lasavimo che la spontina de spin che ghe gavevimo dado la se infeti e la diventi una piaga. Dopo un per de giorni, se no la stesa sera, jera garantida una barufa in Quarta, perchè se jera un punto fin, che no bisognava mai traspasar jera quel dela pulizia del “quartier.” Ma per noi, muleti, sconti in cusina o drio la casa jera una bona ragion per rider a mal de panza.

La corte de Quarta doveva eser terazo, no so come se disi, tera calpestada da centinaja de piedi con l’andar dei deceni, ma piu che altro jera terazo a forma de onde de mar, oramai frugà de tanti colpi de scova, perchè la corte se la scovava almeno due o tre volta al giorno. Talmente fanatiche le jera, ste babe, che se una la mandava un fregolin de tera sula corte davanti ala casa dela vizina co’ la scovava la sua parte, jera sicuro che naseva un un pandemono de casoto. Quela volta che mi e Mario gavevimo deciso de seminar una scovazera piena de tera propio zo per la riga de demarcazion tra un “quartier” e l’altro dela corte, le due parone de casa le se gaveva ciapado per i cavei acusandose de no scovar “come che se devi, inveze de butar le scovaze sula corte mia.” Quela volta magari me jero becà un fraco, ma valeva la pena.

Inutile dir che dade le circostanze de altissima pulizia, i cimisi in Quarta no i jera de casa. Nesuna dele familie gaveva cimisi in leto, anche se Trieste la jera impestada de lori. E anche inutile dir che de sto fato le babe le jera sai, ma sai fiere. Finchè un bel gorno, Maria de Franzel la se gaveva meso in testa che la gaveva bisogno de una serva, perché..... cosa savevimo noi...la gaveva tropo de far sola, eco! Bon! Riva Jole…Jole, 22 ani, un fisico e una cavelada de farghe vegnir le bave a Giobe… insoma gnanche due giorni dopo, tute le babe de Quarta, oto de lore le jera convinte che i omini se la fazeva con ela e….bon, insoma, el resto ve lo laso imaginar, che se no qua no la finimo più.

Una roba che ghe jera scampada al’atenzion de tuti, fora che a Maria, che la la gaveva assunta, jera el fato dei cimisi. Jole no la jera sporca, per l’amor dei santi, "ma xe posibile che dove che la dormiva prima ghe fosi stadi i cimisi." perchè che no se capiva, in Quarta perchè Jole la fazeva sempre dopia lisiva, una settimana dopo che la jera rivada. E dopo la la faceva la lisiva anche due volte ala settimana. Solo quando Sofi e mama e Santina e Pepca e Juzka le gaveva reso publico el fato che chisa come, lore le gaveva sti invitati in leto che no i jera mai stadi invitadi, la serietà del reato la jera emersa: Jole la ga portà i cimisi. O almeno quel jera un fato, sul quel che le babe le jera tute dacordo. Conveniva eser dacordo cusì quela volta.

Curiosamente, jera za setimane prima che rivi Jole che anche in mezo del’ estate, de note i scuri de tute le camere de Quarta i jera seradi, perfin con un con un sugaman de drio, che no se vedi le luce de candela (almeno cusì jera a casa mia) e, probabilmente come mama e papa, armadi con la candela che i brusava i cimisi nela susta de rede de aciajo, che jera parte integra de tuti i leti quela volta, anche i altri i gaveva le stese rogne. La diferenza xe che col’arivo de Jole el genio el podeva eser liberado dela botilia: se ghe dava la colpa a ela e finida la baraca.

Jera cativeria fra de lore quela volta? Si! Devo dir, e anche tanta! E la jera dovuta più al’ignoranza che de altro. Ma con turo quel, co’ se tratava de corer al’adunata e risponder, se qualchedun se malava o succedeva qualche roba de grave, tuto pasava; nesun no se ricordava più ne de barufe ne de de niente altro, fora che del fato che un de noi aveva bisogno de ajuto, e se diventava denovo una famiglia.


Orso

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Set 29, 2008 8:44 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Ciò, Orso: ma ieri propio un fiatin fiolduncini, che ghe fazevi vignir le catarigole a ste babe!
Tropo de rider, complimenti!! Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Set 29, 2008 9:05 am Rispondi citando
servolo
Registrato: 09/10/05 15:55
Messaggi: 2194
Località: trieste




Very Happy Very Happy e Jole,come xe andà finir?
Servolo

_________________
se no guanta cambia
Profilo Trova tutti i messaggi di servolo Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Set 29, 2008 5:55 pm Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Jole xe un altro episodio, servolo

...e la saga continua.


Orso

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
QUARTA
Indice del forum » c'era una volta ... a trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 2 di 3  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015