TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » trieste,piazze,vie,e rioni » EL PAESETO IN VIA IMBRIANI Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Sab Mar 11, 2006 10:03 am Rispondi citando
Luther Blisset
Registrato: 30/12/05 19:13
Messaggi: 470




...Very Happy Very Happy ....spetacolo puro, Aurio... Very Happy Very Happy

_________________
"Non c'è critica più feroce della minuziosa descrizione dei fatti" (Von Moltke)
Profilo Trova tutti i messaggi di Luther Blisset Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Apr 21, 2006 1:40 am Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




UNDICESIMA PUNTATA
Econe de novo in via Imbriani 12 , dove che la famigliola viperina se gaveva trasferì da poco al terzo pian. Iera 'ssai più bel vardar zo in strada dal terzo pian che dal primo, specialmente in corte, dove che in cusina rivava anche 'l sol, mai visto al primo pian! El pavimento de sta cusina no iera in matonele bianche e celesti balerine come in quela precedente, ma iera una getada unica de graniglia , con una strica rossa bela larga che la coreva atorno a circa due terzi dela larghezza.
Questa strica iera la mia pista privata quando che zogavo coi autini. quei pici pici de metalo che dandoghe el ruc giusto i coreva come mati, e che ogni tanto portavo anche in trasferta in Giardin Publico a farli corer sul asfalto, e sula pista che disegnavo mi col gesso. Qualchedun iera dela Dinky Toys, ma per lo più i iera de una marca più scalfa che costava 'ssai de meno. Insoma iero sempre butà per tera in cusina a far corer ste machinete, e una volta ghe go dà quasi fogo ala casa perchè volevo farle pasar tra le fiame come che gavevo visto in un fim e alora ghe go dà una bela spruzada abondante de alcol sula strica rossa e go passà un cerin impizado sul tuto. E chi andava a imaginar un fogo compagno tuto in un momento? Me go anche brusà qualche cavel e go avù par fortuna la pronteza de spirito de spostar la tavola perciò che no la ciapassi fogo, el tuto con una spuzza de alcol brusà che consolava. Meno mal che in casa ghe iero solo mi, e go fato in tempo, co le fiame se ga spento a netar, spalancar tute le finestre, e co' xe rivado mio papà disendo "Cossa xe sta spuzzatta de brusà?";,a far la faccina Wink : sì, proprio questa qua.
El gato in casa nova stava 'ssai ben, anche se el continuava a ribaltar la pupa zo del leto e a farne i dispeti anca a noi. Co qualcosa nel nostro comportamento ghe gaveva secà, el iera capace de tuto. Una volta el ga roto un paco de zuchero sula tola, lo ga sparso fora e el ghe ga cagà su!! La sua passion iera le teste de galina, che el sgranochiava metodicamente dopo averle fate svolar per tuta la casa. Un giorno mia mama la va fora dopo aver distudà soto 'l pignatin dove che gaveva apena boì el late. Co la xe tornada a casa, dal mio camerin go sentì i sui passi in cusina, el rumor de la napoletana preparada e messa sul fogo, la cichera messa sula tavola, e son andà anche mi in cusina, in tempo per veder mia mama che va a ciapar el pignatin del late e la lo smaca subito zo corendo come una mata in cesso a vomitar l'anima sua : Cossa iera nato? Me son avicinà al pignatin e dentro, smoiada nel late ancora caldo, ghe iera la testa dela galina che la me vardava co l'ocieto un poco apana' dala panna! Cossa volè, me son messo a rider come un mato e mia mama co la xe riemersa dal cesso la rideva anche ela: ma del gato no ghe iera traccia, perchè lu saveva benissimo co 'l combinava qualcossa , che iera 'ssai meo sparir prima che rivassi la tempesta! Ma el iera bel , quasi tuto bianco con qualche maceta grigia.
Ogni tanto però se vedeva per casa un gato nero sconossù che ne vardava con aria colpevole: chi iera? Sempre lù, che el se infilava nei sportelini del spargher lassai verti e che el tornava fora nero de calizine.

Un bel giorno riva l'anunzio del ritorno de mia zia Olga da l'Argentina, dove che la iera andada quindici ani prima a tentar la fortuna verzendo un salon de paruchiera a Buenos Aires. Là ghe iera anche mia santola che gaveva sposà un milionario del posto: le se ga incontrà, le ga fato subito barufa, e no le se ga parlà più per quindise ani, tanto per celebrar la triestinità nel altro emisfero. De lazò , mia zia ogni tanto ne mandava dei pachi come se fosimo aluvionai, con dentro maie, savoni, roba de magnar, francoboli per mio papà e dolci per mi: in particolar me piaseva 'ssai el "dulce de leche";, una crema de late tipo mou che iera paradisiaca (nove ani fa co son andà a cantar a Buenos Aires me go cavà la voia per i diese ani successivi, sbafando quel fato in Argentina,o in Paraguay,o in Brasil, e via scassando!!). Sopratuto la mandava riviste, tante riviste, in cui no se vedeva altro che la Lollobrigida che andava a trovar Peron, che la visitava ospedai, stazioni radio,locai noturni, insoma la imperversava pezo che in Italia, ela cola sua petinadura ";ala Lollo" coi rizzetti voltai intorno al viso!In
Italia in quel periodo tute le babe imitava sta petinadura, e ala drogheria Baschiera de Via San Lazzaro ghe iera una comessa che se ciamava Laura, che la pareva una Lollo con un poca de sbessola e qualche brufolo, ma che, a tete, la bateva de quatro distanze tute le maggiorate che ghe iera in giro,. Qualchedun per ciorla pel qul fazeva finta de scambiarla per la Lollobrigida, e ela la iera tuta contenta e la ghe lo contava a tuti!
Insoma a un certo punto, però,tornando in Argentina, le robe là ga comincià a no andar più ben e, come tanti triestini, furlani e veneti, mia zia Olga ga dovù serar el salon de paruchiera, far le valigie e tornar a Trieste.Ma qua ve lasso col fià sospeso e ve dago apuntamento ala prossima!!Ciau, fioi


Ultima modifica di aurio il Ven Set 12, 2008 10:03 pm, modificato 2 volte in totale

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Apr 21, 2006 7:30 am Rispondi citando
servolo
Registrato: 09/10/05 15:55
Messaggi: 2194
Località: trieste




e dentro, smoiada nel late ancora caldo, ghe iera la testa dela galina che la me vardava co l'cieto un poco apana' dala panna! Cossa volè, me son messo a rider come un mato e mia mama co la xe riemersa dal cesso la rideva anche ela: ma del gato no ghe iera traccia,.........................

Sior Aurio la zerchi de no farme rider tropo, a momenti me tombolo zò dela carega.
L'ocio apanà dela pana, ma dove te le trovi. Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

I dinky toys, dove te li compravi de Orvisi o in cartoleria Roma che gaveva una vetrineta tuta de stì autini e anche scavadori, camion de late, de coca cola,ancora desso li vedo, e cartoleria Roma Come anche Orvisi, fà parte dei ricordi...................

Saluti
Servolo

_________________
se no guanta cambia
Profilo Trova tutti i messaggi di servolo Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Ven Apr 21, 2006 9:03 am Rispondi citando
vic
Registrato: 30/01/06 12:29
Messaggi: 482
Località: Padriciano TS




Caro Aurio, mi penso che ti te podesi ingrumar insieme tute ste puntade che te sta scrivendo e publicar un libreto. El tuo stile xe cusì direto e simpatico che credo che no te dovesi ver trope dificoltà per trovar un editor locale. Cusì, no per diventar rico, ma per cavarse la sodisfazion...e per far rider tuti i fortunai che lo legerìa!

_________________
LSMT
to boldly go where no man has gone before (compleanno: 18 gennaio)
Profilo Trova tutti i messaggi di vic Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Ven Giu 02, 2006 10:25 pm Rispondi citando
micel
Ospite




Ciao aurio,
gavevo dito co'l ciaro( e jera una promessa )
Ogi, giornada festiva, poche anime in giro, bisognava aprofitar.

El link, el formato più grande ( 290 KB )

¡ hasta la vista !



http://img175.imageshack.us/my.php?image=imbax2xm.jpg
MessaggioInviato: Ven Set 12, 2008 10:16 pm Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




Inviato: 14 Mar 2003 22:09 Oggetto: Re:El paeseto in via Imbriani

--------------------------------------------------------------------------------

** DODICESIMA PUNTATA**de "El paeseto de via Imbriani" Il periodico di storiettistica che vanta innumerevoli tentativi di imitazione

E insoma eccone qua a saludar mia zia Olga tornada del'Argentina cola coda fra le gambe, povereta, sistemandose al primo pian de via Imbriani dove che prima abitavimo noi. La parlava un linguagio strano misto ormai de triestin e de "castellano" argentin, e ogni tanto la saltava fora col "frigorifico", col "coche"(la machina), opur la me zigava "miercoles" co la se rabiava, che iera el modo educato in Argentina per far capir che se voleva dir "mierda" Ghe iera dele serate che la vegniva fora con ricordi dei tempi de marcocaco, come quando che nei ani venti la fazeva la bagnina al Bagno Feroviario e la ne mostrava anche le fotografie de ela in costume de bagno che scominziava al colo e terminava ala caviglia, davanti al casoto dove che la tigniva le ciave dele gabine. Fato sta che una sera, davanti a ospiti de riguardo, la ga comincià a parlar de quando che la lavorava "i casoto" a Barcola e, quando che la ga visto che la signora nostra ospite sbiancava in facia, la se ga reso conto de cossa che la gaveva dito e la xe diventada rossa come un peveron: mi me iero messo a ridachiar e la se ga voltà contro de mi con un "Che m**a che te son!" che ga fini l'opera de candegio de la facia de l'ospite, che no la saveva più de che parte guardar.Povera zia mia, che figura! Tornando ala fauna domestica, oltra che el gato gavevimo anche due pesci rossi in boccia, Vecio e Negron (perchè el gaveva qualche macia nera) e, prima ancora un canarin con un ciufeto nero sula testa. Ogni tanto (prima de aver el gato, naturalmente) ghe verzevimo la gabieta e lu svolava per la casa tuto contento per po' pozarse sula mia testa e zucarme i cavei col beco. Morto lui, gavemo adottà sti do pesci ingrumai in Ponziana al parco dei divertimenti, butando le balete de ping pong nei vaseti col pesce dentro. Ve ricordè el Luna Park de Ponziana? Noi partivimo la sera da via Imbriani e, a pie, se fazevimo la Galleria Sandrinelli e la Galleria San Vito ( la prima iera ancora rivestida de matonelle bianche, con una fassa de ceramica lavorada in rilievo a altezza de omo - mentre inveze la seconda iera solo piturada) .: ancora se ghe podeva caminar dentro senza corer el ris'cio de crepar 'sfisiai, perchè le machine iera poche. E in Ponziana, dove che adeso xe via Tacco, ghe iera sto teren sterà dove che iera piazà sto miserabile parco dei divertimenti che, quela volta, per mi iera come el Prater. E insoma una sera semo tornai a casa co sti do pessi vinti cole balete. Bisogna dir che i ga avù una convivenza asai tranquila,col gato, che anzi, co 'l gaveva sede el saltava sula credenza dove che ghe iera la bocia coi pessi dentro, e el beveva l'acqua de là: dopo un poco i pessi se stufava e i tornava su,e lu' alora, quasi schifà, el se tirava indrio! Very Happy Intanto in via Imbriani el trafico dele machine diventava sempre più pesante, e prima i ga introdoto el senso unico e dopo, infine, i ga meso el divieto de sosta da una parte, butando nela costernazion mio papà che no podeva più postegiar la machina, che nel fratempo iera diventada una 850, davanti el porton. Mi go finido le elementari e go comincià a andar ale medie, e infine anche la television ga fato la comparsa in casa nostra : iera un Minerva 17 polici che andava in parte eletricamente, e parte a colpi de manigo de scova, perchè ogni tanto el perdeva la sintonia e alora bisognava darghe un tiro, e per no alzarse ogni volta, tinivimo una scova vizin le poltrone e, co iera el momento, sbam! un colpo ben asestà e el rifonzionava!Me ricordo la prima puntata del varietà "Giardino d'Inverno" cola nova atrazion le gemele Kessler, una nova canante "ragazza di fuoco" che se ciamava Dalida, una mata scadenada che cantava "Nasu-huno ti giu-huro nasu-huno" che se ciamava Mina e che mio zio Romano ciamava m**a. Insoma cusì pian pianin ga comincià a morir la Trieste dele passeggiate de sera tardi in Marina, dele rutilanti insegne de via Carducci, del Viale affollà fin a tardi, e ancora no se ne rendevimo conto e stavimo la incocaidi a vardar la maledeta television, E dopo xe sta tropo tardi! Confused (continua)AURIO

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Set 12, 2008 10:35 pm Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




** TREDICESIMA PUNTATA **
Ecome de novo qua a contarve cossa che sucedeva in via Imbriani 12, dove che in terzo pian abitava una famiglia (noi) 'ssai nervosa! Un bel giorno, dato che iera sopravignui dei problemi de svanziche, i mii ga deciso che iera una bona idea quela de afitar una camera (la più picia dele cinque) a qualchedun de fiducia per lunghi periodi. Quel che ga resistì più a lungo xe sta un cornista del Teatro Verdi, che iera una persona 'ssai cocola che xe stà con noi quasi tre ani e dopo el se ga sposà.
Prima de lui però ghe iera stada una procesion de personagi che, per un motivo o per l'altro, a un certo punto i telava. In particolare, xe rimasto memorabile un tizio de cui no dirò el nome e che el lavorava per la Deagostini. Sto mato e mia mama no i se ciapava proprio per niente e, dopo varie scaramucce casalinghe, un giorno i ga comincià a sbarufarse per le scale e, dopo un crescendo rossiniano de rimbecade reciproche el mato xe sciopà in un "INSOMA BASTA! NO LA ME STAGHI PIU' ROMPER I C O I O N I !!!". Mia mama se ga ciapà su e la xe vignuda a casa come un refolo, e quando che anche mio papa xe tornà dal dal lavor , el ga ricevù imediatamente un resoconto fedelissimo dela question. Dopo un poco de scagaz perchè el voleva andar subito in uficio a spacarghe 'l muso, i se ga risolto inveze per una denunzia, e là ga comincià i problemi perchè, rivadi ala descrizion del crimine, nisun iera sicuro de come che se ciamava i c o i o n i in italian: mia zia Olga sugeriva de scriver "bale" perchè l'altra , par ela, iera una parolaza proprio bruta, ma alora, eliminada questa, finiva el scopo dela denuncia.Ala fine el risultato xe stà :".....gridava alla signora di non rompere più i c o l i o n i " - e questa xe stà la version che, una volta rivada in tribunal, ga fato rider mezo Foro Ulpiano. Ghe xe stà anche un'udienza in cui el giudice, coverzendosa la boca perchè ghe scampava de rider, ghe ga dà al mato una multisina picia picia e ghe ga racomandà ai mii de lasar perder el tribunal per ste robe.
Intanto Radio Sponza e Mario Chicco gaveva comincià a vender microsolchi, che iera la novità del momento.Sicome che i iera piutosto cari, noi per un bon toco gavemo continuà a comprar 78 giri che, per i primi festini de noi muleria, iera sempre un problema portarli da una casa a l'altra in quantità perchè i pesava una tonelata e guai se se li rompeva! Gavevimo una bona colezion, finchè un giorno, scoltade un poche de canzonete, me go dimenticà per tera un album pien de dischi e mio papà, vignà dentro, el ghe ga monta su ridusendoli in fregole. Imediatamente son sta ridoto in fregole anche mi, dopo de che se ga comprà solo microsolchi. Comunque i 78 giri sopravvissui li go ancora tuti, insieme a tanti altri che go ingrumà ogni volta che sentivo che qualche parente o conossente voleva butar via i sui e alora corevo a ciaparmeli mi. E sti dischi da Trieste li go portai a Palermo e adeso li go a Roma dove che ogni tanto li scolto co un giradischi colegà al stereo.
Ciau muli ala prosima! (continua)
AURIO
_________________

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Set 13, 2008 12:56 am Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Fantastici ricordi e ben racontadai, proprio ala Aurio. Me xe vignudi tanti .... disemo fumeti in mente, la via Carduci con musica che sonava dai bar, el tram che la divideva in due, el bar Jolly, l'American, e drio i portici el Fenice e el Viale batù de gente....e le rive, Ponteroso, e in su el Corso, per no parlar dei Campi Elisi....

La picola Parigi la ciamavo mi a Trieste in quei giorni, e ghe contavo ai miei amici a Parigi (quela vera, in Francia), che dove che jera casa mia, a Trieste, anche noi gavevimo i Boulevards, come lori in Francia e che gavevimo ben poco de invidiarghe e lori, salvo forsi la grandeza enorme de Parigi - ma nel suo picio, Trieste no ghe mancava gnente.

Ani dopo go portà a casa due amici a visitar Trieste, e me jera vignù de pianzer. Trieste come che la gavevo conosuda mi la jera oramai solo nei miei sogni.

Orso

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Gio Apr 23, 2009 1:10 pm Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




* ANTEFATTO *

So che xe un poco strambo saltar fora col antefatto dopo la tredicesima puntata, ma me se vignù in amente adesso e cussì ve lo conto.
Dunque come che tanti de voi se ricorderà, dopo la fine dela guera, tanta gente se ga ritrovà lontan de dove che i viveva prima, e tra questi mio papà ( che gaveva trovà lavoro ala OMSA de Napoli) e mia mama che viveva con la famiglia a Bagnoli, sempre Napoli, dove che mio nono gaveva trovà lavoro al' ILVA. Mia mama durante la guera se gaveva mezo fidanzà con un mulo a Trieste , che se ciamava Romano e el gaveva un fradel che se ciamava Mario. Finida la guera e l'uno a mille chilometri dal'altra, Romano, aprofitando che el fradel Mario lavorava a Napoli, el ghe ga domandà de portarghe un mazzetto de fiori a Franca (mia futura mama) da parte sua. Mario se ga prestà volentieri a farghe sto favor: tanto volentieri che Franca dopo tre mesi iera incinta e ghe anunciava a Romano che la se sposava con Mario. Con mi za in viagio, el matrimonio se ga fato nela ciesa dela Madona a Bagnoli.
Passa qualche mese e mio papà trova un posto ala Fiat Motori Navali in Punto Franco a Trieste e, in freta e furia tuto vien organizà per el trasferimento a Trieste prima che mi nassessi e le poche robe che i mii gaveva, vien mandade in un grosso casson per ferrovia. A sto punto papà e mama, ormai tuta tete e panza, i passa i primi giorni in via Imbriani 12, spetando che rivi sto baul con dentro el coredo de mia mama e varie robe, tuto quel che i gaveva. Finalmente el baul riva e mio papà lo verzi. Sorpresa : inveze dele robe de famiglia , dentro ghe iera matoni, messi evidentemente da chi che gaveva rubà el contenuto. Dispiazer e costernazion: mia mama va in svenimento, mio papà se preecipita in cusina per ciorghe un bicer de qualcossa. El trova una botiglia con dentro acqua, la svoda nel bicier e el ghe la porta. Mia mama rinvien zigando subito dopo qualche sorso: nela botiglia ghe iera trielina!
E xe stà cussì che el 12 febraio mi go fato la mia comparsa in via Imbriani con un pochetin de anticipo, in una camera freda ma tanto freda che mia mama zercava de scaldarse co una candela. Iera davero altri tempi: ogi le done partorissi in clinica o in ospedal, ma quela volta podeva farlo solo i richi,e chi che no lo iera doveva arangiarse in casa, sperando che no nassi complicazioni.
Eco fato, e de qua podè tornar indrio, ala puntata numero UNO!!!

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Dom Apr 26, 2009 2:44 pm Rispondi citando
servolo
Registrato: 09/10/05 15:55
Messaggi: 2194
Località: trieste




aurio ha scritto:
* ANTEFATTO *

So che xe un poco strambo saltar fora col antefatto dopo la tredicesima puntata,
Eco fato, e de qua podè tornar indrio, ala puntata numero UNO!!!


.......dopo un pochi de giorni che iero poco in forum,trovo bele sorprese

Bravi tuti..........e anche Aurio col suo paeseto
Servolo

_________________
se no guanta cambia
Profilo Trova tutti i messaggi di servolo Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Dom Apr 26, 2009 6:06 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




servolo ha scritto:


.......dopo un pochi de giorni che iero poco in forum,
Servolo



Te gà un bel coragio sa ? meno mal che per ti "xe pochi giorni".!

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Dic 28, 2009 10:36 am Rispondi citando
servolo
Registrato: 09/10/05 15:55
Messaggi: 2194
Località: trieste




............ieri dopopranzo,sul tardi me sona el cell.e legio sul display Aurio Trieste.Rispondo,contento,disendo tuto de un fìa "Ciau Aurio, auguri, come mai a Ts,no te gavevi un concerto a Roma stì giorni?" Inveze de Lui, me rispondi la mama informandome che i lo gà trovado morto in leto...............
dopo averlo cremado i lo porterà a Trieste.
Ciau Aurio,
sentiremo la Tua mancanza

_________________
se no guanta cambia
Profilo Trova tutti i messaggi di servolo Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mer Dic 30, 2009 5:15 am Rispondi citando
Falstaff
Registrato: 14/10/05 17:36
Messaggi: 467
Località: Drysdale




Xe propio vero che un momento semo qua` e un secondo dopo...

No go mai avu` la posibilita` de conoserlo de persona, ma se gavevimo ciacola` su sto forum e sul vecio Trieste Mia, ma me dispiasi propio tanto saver che no'l xe piu` fra noi.

Condoglianze ala sua famiglia.

Lucio

_________________
Ciau Giacomin....
-------------------------------------------------------
Condenadme, no importa, La historia me absolverá. Fidel Castro Ruz
Profilo Trova tutti i messaggi di Falstaff Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Gio Dic 31, 2009 10:35 pm Rispondi citando
spelaoche
Registrato: 14/10/05 00:07
Messaggi: 153
Località: trieste




Lo go conosudo e poso dir che iera un" GRANDE". E me dispiasi tanto che nol xe più con noi.

Ciau AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di spelaoche Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Dic 31, 2009 10:35 pm Rispondi citando
spelaoche
Registrato: 14/10/05 00:07
Messaggi: 153
Località: trieste




Ga ragion Giacomin. Quà le robe xe sempre più incasinade: go scrito una volta e ghe ne xe veniù fora 4....


Ultima modifica di spelaoche il Gio Dic 31, 2009 10:42 pm, modificato 1 volta in totale
Profilo Trova tutti i messaggi di spelaoche Messaggio privato
EL PAESETO IN VIA IMBRIANI
Indice del forum » trieste,piazze,vie,e rioni
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 4 di 5  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015