TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » trieste,piazze,vie,e rioni » EL PAESETO IN VIA IMBRIANI Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Gio Feb 02, 2006 10:26 pm Rispondi citando
servolo
Registrato: 09/10/05 15:55
Messaggi: 2194
Località: trieste




andy ha scritto:
ok ,scusè tenterò de eser più elastico !! Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad, ridi ridi


.........scuseme amici,ma verzer un logo per parlar de questi argomenti che se pol sviluparli tanto......forsi Andrea no gà tuti i torti........
Servolo

_________________
se no guanta cambia
Profilo Trova tutti i messaggi di servolo Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Gio Feb 02, 2006 11:28 pm Rispondi citando
Luther Blisset
Registrato: 30/12/05 19:13
Messaggi: 470




Posto una roba che forsi gavevo zà messo de un'altra parte, ma penso che a Aurio e anche ai altri ghe farà piazer.... Very Happy

Viva

http://img401.imageshack.us/img401/5899/coop3vz.jpg

_________________
"Non c'è critica più feroce della minuziosa descrizione dei fatti" (Von Moltke)
Profilo Trova tutti i messaggi di Luther Blisset Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Feb 02, 2006 11:37 pm Rispondi citando
micel
Ospite




No la gavevo mai vista( tropo truco sui oci)
Bela!


Ultima modifica di micel il Ven Feb 03, 2006 1:06 am, modificato 1 volta in totale
MessaggioInviato: Ven Feb 03, 2006 12:49 am Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




Surprised 'Ssai bela sta foto ciapada da Palazo Diana : semo nei primi ani Cinquanta e no ghe xe ancora gnanche el capolinea delal 15 e dela 16 davamti de Toso.......
Grazie!!!!!!!


Ultima modifica di aurio il Ven Set 12, 2008 9:19 pm, modificato 1 volta in totale

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Feb 03, 2006 9:50 am Rispondi citando
Karolina
Registrato: 06/10/05 10:05
Messaggi: 1354
Località: trieste




adesso xe zona pedonale, i autobus i passa per via giacinto gallina verso via carducci e non xe più el capolinea de la 15 nè 16. In compenso sul canton vizin Toso xe el GranMalabar, ottima enoteca!!!!

_________________
..che l'A vadi ben, che l'A vadi mal, sempre alegri mai passion!
Profilo Trova tutti i messaggi di Karolina Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Feb 03, 2006 7:32 pm Rispondi citando
macondo
Registrato: 03/12/05 22:37
Messaggi: 344




aurio ha scritto:
Surprised 'Ssai bela sta foto ciapada da Palazo Diana : semo nei primi ani Cinquenta e no ghe xe ancora gnanche el capolinea delal 15 e dela 16 davamti de Toso.......
Grazie!!!!!!!


No podesi esser un poco piú tardi? Fine Cinquanta o adiritura primi Sesanta? No so, xe qualche 600 in giro e anca una 500 (me par)...E anca quel furgoncin Volkswagen dovessi esser relativamente 'moderno'
Profilo Trova tutti i messaggi di macondo Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Feb 03, 2006 8:03 pm Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




he scrivi

Citazione:
No podesi esser un poco piú tardi? Fine Cinquanta o adiritura primi Sesanta? No so, xe qualche 600 in giro e anca una 500 (me par)...E anca quel furgoncin Volkswagen dovessi esser relativamente 'moderno'


Difati xe per quel che go dito "primi ani cinquanta", e son quasi sicuro che la 15 e la 16 passsava per via Imbriani prima del 1960. Ma sicuramente Giacomin saverà dirne de più.......

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Feb 04, 2006 1:07 am Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




SETIMA PUNTATA

Tornando in via Imbriani 12 al primo pian, la vita se svolgeva regolarmente, col sotoscrito sempre butà per tera sui palcheti davanti la finestra a leger o a zogar cole costruzioni de legno o a becar quei pici pici inseti che veniva fora dei palcheti in primavera, lustri ,grassotti, che i caminava pian e ogni tanto i svolava: mi li ciamavo mussolini, no so perchè, ma co iero picio che davo nomi strani un poco a tute le robe: el phon iera "la catta",le bole de acqua iera "le cloce", el matarel iera "el tarì tarì"\e cusi via! Ogni tanto ciapavo una zigada tipo "Cossa te sta sempre a casa solo?? E va un poco fora a zogar con qualchedun!!"ecetera. Mi però iero un picio poco catalogabile, e 'ssai me piaseva star coi veci, che i diventava tuti cocoli co i vedeva che un pisdrulin gaveva voia de star con lori.
Me iero afezionà tanto a due sorele anziane che viveva in terzo pian, e che tuti, con un poca de cativeria, ciamava "le signorine". Pareria che una dele due, de giovane, gavesi avù una grosisima delusion de amor, e che l'altra gavessi rinuncià a aver morosi per farghe compagnia ala sorela.Le se ciamava Elena e Emilia Perthen, a sta ora de lore no ghe sarà gnanche più i osi, povarete.
Un dopopranzo vado su e ghe sono la porta: lore le me verzi, tute careze e baseti, e le me porta in cusina dove che una subito comincia far el cacau e l'altra me dà i biscoti: in un tun, se senti la vose de mia mama che me ciama dala finestra dela corte perchè no la sa dove che son, e mi, in totale ingenuità vado in finestra e zigo : "Son qua su dele signorine!" Bisogna dir che le ga avù 'ssai autocontrolo, tanto più che mi no me imaginavo gnanche lontanamente che el "signorine" fusi malignamente derisorio. Tuti le ciamava cussì e mi cussì le go ciamade, però col torto de averlo fato davanti de lore. Co son tornà a casa mia mama me ga zigà, e dopo la me ga spiegà che a lore ghe dispiaseva de sentirse ciamar cussì: alora me son sentì 'ssai in colpa, ma go anche avù un dei primi avisi sula cativeria dei grandi Sad
Comunque a un certo punto, dopo qualche giorno Pupa, la gata de mia nona (che fantasia coi nomi, noi triestini) partorissi, e i mii decidi de farme lezion de educazion sessuale e i me porta a veder el parto. Curiosi dele mie reazioni davanti ala gata che se sgrava, i me fa "Te ga visto come che sucedi?" e mi per tuta risposta " Ma la li sta cagando!!!".
Subito me impunto che voio portarme a casa un gatin: tira e mola, ala fine , completado el svezamento, me vien concesso de sceglierghene uno e portarlo a casa. Iero felice come una pasqua, e sto gato se ga conquistà l'amor de tuti perchè, oltre a eser de un'inteligenza sconcertante, el "capiva" sempre de che umor che ierimo: no me dimenticherò mai el giorno che mia mama,tornada a casa dopo esser stada borseggiada per strada, la se ga butà su una sedia in cusina pianzendo, e lu 'l xe saltà sula tavola e 'l ga comincià a farghe le cocole, strofinarse,passarghe la zatina sula man, lecarla, insoma a un certo punto pianzevimo tuti!
Però co 'l iera picio el iera un teremoto: un giorno iero in saloto che legevo: vien dentro lui e, un du tre!, el se rampiga de scato su per una tenda de sciantung sbregandola tuta;de lasù el se buta sul lampadario , che vien zo .insieme con lu, sora el tavolin de cristalo che gaveva de sora una vaso de porcelana che mia mama ghe tigniva come la luce dei sui oci. Insoma in un momento, del saloto restava praticanente solo che le macerie, e subito dopo, riciamada dal fracaso orendo, vien dentro mia mama e la comincia subito a bastonarme a mi. "Ma xe sta el gato!!" "Vergognite, incolpar el gato che no se pol difender!" e zò sberle. Bon, xe pasà mezo secolo da quel giorno, e ancora mia mama xe convinta che 'l dano lo go fato mi e che 'l gato, povero, iera un anzoleto!Un giorno però a una vedova che abita in corte che scampa dela gabia el canarin, che se vien a pozar sula nostra finestra. Mia mama lo ciapa , la lo sera in saloto e la ciama la siora che, tuta contenta, la vien de noi, disendo che ghe sarìa dispiasso ssai de perder l'useleto perchè iera un caro ricordo de su marì.Mia mama verzi la porta del saloto e, in due secondi, el gato sgataiolai dentro, el ciapa el canarin fra i denti e lo copa. I pianti dela signora no se pol imaginarli! E xe stada una dele pochisime volte che el gato le ga ciapade, prima de riusir a scampar soto el leto: ma povera bestia anca lù, el gaveva fato solo el suo mestier, e tante robe nol podeva saverle....
(continua)
_________________


Torna in cima


Ultima modifica di aurio il Sab Feb 04, 2006 1:09 am, modificato 1 volta in totale

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Feb 06, 2006 10:57 am Rispondi citando
servolo
Registrato: 09/10/05 15:55
Messaggi: 2194
Località: trieste




[quote="aurio"]

Difati xe per quel che go dito "primi ani cinquanta", e son quasi sicuro che la 15 e la 16 passsava per via Imbriani prima del 1960.[/quote

Salve la 15 iera la prima linia de Trieste,linea dei colli, i la ciamava, dal 30-3-1935 iera la 12 fin al 45,dopo fin al 1951 linea A per diventar infin 15. De piaza goldoni la andava in galeria Sandrinelli,piazza Sansovino,Vico,
via Bramante, Tiepolo,Segantini,navali,Besenghi, de Amicis, Combi, Franca, Hermet, per rivar al capolinia de campo Marzio.
La 16 fata nel marzo 1952 se pol dir che iera un dopion dela 15 perchè la fazeva la stessa strada fin in via Combi de dove per le vie Colautti e Schiaparelli la rivava in viale campi elisi.Per tute 2 el capolina de Goldoni el passa in piazza s.Giovanni e la fà un percorso a anel pel corso, via Imbriani, Gallina, iera maggio !956.
Saluti Servolo

_________________
se no guanta cambia
Profilo Trova tutti i messaggi di servolo Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Feb 06, 2006 12:08 pm Rispondi citando
macondo
Registrato: 03/12/05 22:37
Messaggi: 344




Si, peró la 600 la xe vegnuda nel 1956. Lasando qualche mese extra per cominciar la distribuzion (ghe xe almeno 3 o 4 nela foto) podessimo rivar ala fine del anno...

No xe importante. Mi zercavo de slongar un poco almeno fin quando son vignudo a lavorar de Tamaro (primavera 1960)...E in quel anno de 600 ghe ne iera anca troppe!!
Profilo Trova tutti i messaggi di macondo Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Feb 11, 2006 1:43 am Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




OTAVA PUNTATA

Nel 1954, eco che mio papà finalmente finissi de strucar e un bel giorno el compra la machina!
Fin a quel momento, per una scarozada, dovevo andar ala Croce Rossa de piaza Vitorio Veneto ( che adeso no ghe xe più, nè la piaza nè la Croce Rossa ) dove che el papà del mio amico Franco (el compagno de scola con cui andavo co fazeva scuro a cucar in te le finestre dela famosa villetta de via Bonomo 5) fazeva l'autista dele ambulanze e ogni tanto (ogi saria impensabile) co i fazeva un intervento el ne rucava anca a mi e al fio , cola sirena e tuto quanto.Confesso che iero sempre là che speravo che qualchedun stassi mal per farme el giro in ambulanza, un poco come Pierino che copa i genitori per andar in gita coi orfani.
El furgon iera marca Alfa Romeo, i famosi Romeo che iera piutosto numerosi perchè i mati che li guidava i iera tuti contenti de dir che i andava in giro co l'Alfa, e lassando tuto un poco sul vago, i pasava per gagà! Mad
Insoma, per farla curta, eco che mio papà anuncia che el comprerà la machina: iero felice come una Pasqua, anche perchè el me gaveva dito che iera un novo modelo e che sariimo stai fra i primi a averlo (mio papà lavorava ala FIAT). Za vardavo in giro le machine più bele, pensando " la sarà come quela" o "la sarà come quel'altra" e iero 'ssai imborezà. De conseguenza, co me son trovà davanti ala 600, nova quanto che te vol ma una 600, go sbotà "Questa qua!!??!? Cusì bruta!! Senza le code!!No la ga gnanche el baul! Questo bruto color verde scuro!!La ga le rode storte! La xe curta! La xe strenta"
Co se xe fioi certe robe no se le capissi, e quindi co me se rivà una s'ciafa de mia mama son rimasto ancora più mal
In via Imbriani nel '55 de machine ghe ne pasava pochete, e poche se fermava : de conseguenza no ghe iera problemi de parchegio, ma mio papà, se no la gaveva piazada esatamente davanti el porton, nol gaveva pase.Iera un caroselo continuo su e zo intorno l'isolato. opur tuto un andar in finestra a veder se se gaveva liberà el posto, per giunta in concorenza con una baba che la ne abitava visavì e che la gaveva una 600 identica ala nostra - l'unica diferenza iera che la nostra se ciamava TS 22148 e la sua TS 22187, tute e due co la bela targa bianca e l'alabarda.
Iera fatale che una sera i due, zercando de fregarse vicendevolente el posto, i finissi per scontrarse, no verbalmente ma proprio materialmente, una rucada insoma. La baba ghe ga molà una s'ciafa a mio papà e dopo qualche giorno i se ga scontrà anche in tribunal: no me ricordo come che la xe finida, e probabilmente no son sta gnanche informà, perchè mio papà gaveva, credo, torto marzo!! Del resto un'altra volta el ga tamponà una machina per eserse voltà a dirghe m o n a a un altro, e andar in machina con lui iera el modo più eficace per distirar i cavei rizi , per el spagheto che ogni tanto se ciapava Surprised
L'ano dopo gavemo fato un viagio impegnativo, per l'epoca co la 600: de Trieste a Napoli, senza un chilometro de autostrada a parte la "cosideta" Mestre Padova, in quatro nela 600 e con i bagagli per quindici giorni e sigarete sconte per tuti i busi (ghe iera ancora el bloco al Lisert). Fantozi in confronto iera un diletante!
Insoma mio papà in Abruzo xe riusì a superar un carro de quei a due rodone grandi tirà dal mus nel momento perfeto in cui un altro caro uguale lo incrosava in direzion oposta, riussindo a becarse un tiro dai mozi dele rode da tute e due le parti : e meno mal che no iera domenica perchè gavemo dovù andar a Sulmona in zerca de un'oficina ,dato che se gaveva mastruzà tute e do le maniglie e no se podeva più vegnir fora dela machina.
Vizin a Napoli gavemo incrosà una Topolino cola targa TS che, essendo bianca co l'alabarda se riconosseva de lontan : gran strombetamenti, fermata, basi, abraci, comozion, a quei tempi iera davero un avenimento, e se se sentiva dei eroi a andar oltra Mestre ( sempre calcolando de no pasar per de là ale zinque co serava le fabriche perchè, se no, se se trovava in un mar de biciclete).Ma questa no xe più via Imbriani: ghe tornaremo nela prossima puntata! Cool

(continua)


Ultima modifica di aurio il Ven Set 12, 2008 9:30 pm, modificato 1 volta in totale

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2006 12:05 am Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




NONA PUNTATA

Purtropo per mi, son una persona 'ssai distrata, e questo me xe passà traverso el dna familiar a partir de mia nona paterna, nona Maria, che in quanto a distrazion la me dava agevolmente straze.
Un giorno la se ciapa e la va zo per svodar le scovaze nel botin, che quela volta iera in corte: in casa la le tigniva in una cassetta de legno, un vecio cassettin riciclà. Perciò, con sta cassetta in man, la va zo, ma , rivada in porton inveze de zirar a destra per andar in scovazon in corte, la volta de l'altra parte e la va fora in strada. In vestaia, zavate e scovaze in man la se avvia per via Imbriani fermandose a vardar le vetrine, finchè la incontra un conossente che ghe domanda cossa che la fa in strada in quei orori. Povera nona, la xe tornada a casa de corsa. Un'altra volta la se alza la mattina per andar al lavoro e, preparandose, la senti come un senso de disagio, ma inspiegabile.La se meti 'l capel in testa, la sera la porta, e la se avvia ai volti de Chiozza per ciapar el tram. Solo quando che la monta sul tram e la fa per cior i soldi per pagar el biglieto, la se acorzi che inveze dela borsetta la ga in man le zavate: per forza che qualcossa che intrigava!
Ma la più bela xe stada un giorno che iero in cusina co ela, che la stava preparando la zena per mia cugina che doveva tornare entro un'oreta dal lavoro. La ga preparà un bel brodin de galina, un bel frullato de banane, e dopo, tranquila, la ciapa e la svoda el frullato nel brodo : mi, perfido, stavo zito perchè volevo veder la faccia de mia cugina co la tacava a magnar el brodo. Difatti ,rivada a casa e messa in boca la prima cuciarada, la fa una smorfia disendo "Ma cossa ga sto brodo,stasera?El xe come dolze! Nol me piasi: nona, dame el frullato!" E qua se ga visto mia nona saltar per aria perchè in un lampo la se gaveva reso conto de quel che la gaveva combinà.
In via Imbriani e dintorni, nele ore più tranquile ogni tanto passava un personaggio abastanza particolar: iera un mato, un mato vero, che ogni tanto alzava el comio o la ghe girava storta, e alora el se piazava in mezo ala strada zigando "Triestiniiii...SPORCHI! Babeeeeee....SPORCHE!" : el suo nome no se lo saveva, ma tuti lo ciamava Toio e lu se lassava ciamar cussì, opur in alternativa i lo ciamava "Dio mio" per el suo intercalar. Forsi Sergio che abitava la vizin se lo ricorda anche lu. Purtropo el iera anche inamorà de mia nona.e el se meteva soto la finestra a zigar "MARIAAAAAAAAAA!Vien zo, dèi"!!! al infinito, e a mia nona questo 'ssai ghe secava Confused Confused
Iera mio compito precipuo, verso sera, co gavevo oto o nove ani, andar a comprar robete per conto de mia mama co ghe serviva qualcossa al ultimo momento, o le sigarete per mio papà al bar Astoria. A mi sto fato me secava assai, perchè iero timidissimo, e entrar in una botega per comprar qualcossa me iera la morte! Adiritura certe volte me pindolavo avanti e indrio fora de la botega e dopo tornavo a casa senza la roba , coi risultati che se pol imaginar!.
Però, con la mia solita propension per i veci, gavevo fato amicizia con una veceta picia picia tuta bianca che domandava la carità sul canton de via Mazzini, e che co la me vedeva la se iluminava tuta anche perchè la ciamavo "noneta". Zercavo sempre de far "vanzar" 10 o 20 lire per darghele, e no capivo perchè da mi no la le voleva mai , e per farghele cior dovevo sempre insister. Un giorno con un soriseto complice la tira fora un fazoleto ingropà, la lo disgropa, la tira fora una caramela e la me la ofri : mi go fato leteralmente un salto indrio ,perchè ciorghe una caramela a una povera me pareva no digo un delito, ma comunque una porcheria. Go visto però che ela la iera rimasta asai mal e alora pian pianin la go ciolta, ma iero assai turbà. E comunque da quel giorno go comincià a vardar i mendicanti con un altro ocio, e a capir che anche lori qualche volta i pol eser contenti de dar qualcossa, e rifiutando se li pol umiliar. E a capir cusì meio un pochetin tuti i raporti co le persone.
Comunque no tuti i veci iera uguali: un giorno a dieci anni iero in cine , al Azzurro da solo, e me se senta vizin un vecio, che comincia a dir che bel che xe el film, che bravo e che cocolo che son mi, e -zac!- el me da una caramela. Mi la ciogo, lo ringrazio e lui me disi che a casa el ghe ne ga tante altre e che el me le darà se ghe vado,e che là ghe xe anche tanti zogatoli belissimi. Mi iero picio ma mia mama me gaveva informà asai ben e proibido soto pena de orende minacce, de andar con chichesia, per cui ghe digo"Sì, vegno, ma prima devo andar un momento a far pissin e torno subito".Lui me soridi,el me dà un'altra caramela, mi me ciapo su, vado verso la corte, ma inveze de zirar verso 'l tananai ciapo rapidamente l'uscita de sicureza, e via mi, a casa! E cola caramela . E el vecio xe ancora la che el speta! Laughing Laughing Laughing


Ultima modifica di aurio il Ven Set 12, 2008 9:45 pm, modificato 1 volta in totale

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2006 12:47 am Rispondi citando
Falstaff
Registrato: 14/10/05 17:36
Messaggi: 467
Località: Drysdale




aurio ha scritto:
NONA PUNTATA

Purtropo per mi, son una persona 'ssai distrata,.......


Xe per questo che te ga messo 'sta puntata due volte, signor Tomich? Laughing Laughing

Grazie per i tui scriti (prosa e poesia). Un giorno co me metero` el cul in marcia, te spieghero quanto che i tui raconti val per mi.

_________________
Ciau Giacomin....
-------------------------------------------------------
Condenadme, no importa, La historia me absolverá. Fidel Castro Ruz
Profilo Trova tutti i messaggi di Falstaff Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2006 2:11 am Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




Caro Lucio, te xe mai capità de postar qualcossa e de veder aparir la scrita "NON PUOI POSTARE DI NUIOVO DOPO AVER APPENA POSTATO UN MESSAGGIO - RIPROVA FRA POCO"
Eco, mi go riprovà e el me lo ga postà do volte.Qualunque comento xe superfluo Twisted Evil
Grazie mulo,son contento che le mie monade te sia de conforto nela lontananza!!!

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Mar 10, 2006 8:10 pm Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




DECIMA PUNTATA

Spesso le notti de via Imbriani risonava selvagiamente de canti sgangherai de imbriaghi provenienti da un Bifè che iera praticamente soto le nostre finestre e che se ciamava "Piccolo Continentale": iera un posto assolutamente trucido, de quel trucido de altri tempi che no se vedi più a Trieste gnanche in Rena ( a parte che anche Rena xe praticamente sparida, dopo l'arogante scempio de via dei Capitelli : par mi i sta fazendo una Disneyland finto-antico, e me se strenzi el cuor a no veder più le straze impicade vizin ale gabiete col canarin, e la spuza/profumo de pesse frito che se spandeva in strada). Tornando in via Imbriani, anche là, nel Bifè,i mii ga mandà la polizia de note, perchè i andava vanti finchè anche l'ultimo imbriago no gaveva intrapreso la ricerca dela strada de casa. Dentro i gaveva dele grandi boti, coi cartelini "trebbiano", "merlot", "valpolicella" e, me par de ricordar, "terrano". Però certe notti, come per incanto, i zighi dei imbriaghi se trasformava in strugenti canti de montagna, quando che se riuniva là un coro de una bravura indescrivibile, e alora tuta via Imbriani andava in finestra a scoltar e qualchedun bateva anche le man! Tutavia a mio papà, che se alzava tute le matine ale zinque e meza per andar a lavorar, la qualità del canto no ghe interesava un clinz dopo una certa ora, e cusì, ale, polizia! Very Happy
In fondo ala strada, vizin el canton con via Mazzini, ghe iera una picia, ma proprio picia lateria, dove che una baba coi cavei rossi tronegiante in alto sora un bancon de marmo tipo maceleria, la dispensava el late col pignatin dai bidoni. Un bel giorno, comunque , xe comparso un cartelin che diseva "Latte S.A.L.P.A.T", e xe viceversa scomparsi el pignatin e i bidoni, lassandoghe el posto ale botiglie de vetro co le costine e la boca larga, come quele che prima se vedeva solo nei fim americani, otanta lire al litro. E po, meraviglia dele meraviglie, sto late se vendeva fredo iazà, e el diventava cusì ancora più bon, anche perchè finora la iazera de casa iera el spazio tra i dopi vetri dela finestra dela cusina, e solo de inverno per giunta! Zerto che una volta a Trieste i inverni iera più fredi: me ricordo de una volta che mia mama ga volù tirar dentro per forza un lenziol impicà a sugarse, che el iera diventà duro come un bacalà e el se ga roto in due!
Mia nona materna, che viveva in vicolo San Fortunato, una salita de quele micidiali ai margini de Gretta, ghe afitava una camera a un grego che gaveva una fabrica de balonzini a Salonicco: un giorno de bora, sto mato gaveva de andar fora lo stesso nonostante per tera fossi iazzà come una lastra , e mia nona, co 'l ga averto el cancel del giardin per andar nel vicolo precipite, la ghe ga dito "La staghi atento, sior Vassì (che iera per Vassilis), che se sbrissa" e lui fermandose sula soglia "La staghi tranquila siora, che cola camomila calda che la me ga apena fato, stago saldo e sicuro!" e, voltandose per andar fora, el ga fato una piroeta veramente fora del ordinario e quindi el se ga fato tuto vicolo San Fortunato col cul a velocità de razzo finindo a gambe per aria in Salita de Gretta dove che in quel momento, per fortuna, no passava machine e gnanche la coriera dela Sergas che andava a Casa Gialla!
Intanto in via Imbriani 12 una famiglia che stava in terzo pian sora de noi , ga comunicà che i andava via, e cusì el quartier lo gavemo ciolto in afito noi , cavandose dal primo pian dove che no ghe iera luce, e dove che dovevimo condivider el cesso con una impresa de costruzioni che ocupava due camere (poco esaltante). Per el resto el quartier iera identico a l'altro, co la grande cusina e i due camerini, un dei quali xe diventà la mia camereta de lavoro e de studio. Una sera iero serà là dentro che studiavo dopo magnà, e rientra mio papà in ritardo dal lavoro con un diavolo per cavel. Mia mama quela sera no gaveva (come molto spesso) voia de cusinar e la ghe servi una fetina tubercolosa e tropo cotta: mi questo no lo savevo fin a quando, nel mio camerin, no go sentì improvisamente un scianto contro la porta seguì da un rumor de piati roti. Verzo la porta ( che iera piturada a oio) e vedo una bisteca stampada su, che pian pianin la sbrissa verso 'lbasso senza distacarse. Potenza adesiva dela rabia de un marì furibondo, che la gaveva smacada con tuto el piato!El gato naturalmente iera scampà via soto el leto, sicuramente!<br />
Mia mama gaveva una bambola negretta che iera la sua passion, e che come che se usava a quei tempi, la gaveva el suo posto sul leto matrimonial. Quela pupa ghe dava un fastidio tremendo al nostro gato: ogni tanto se sentiva el "uaua!" dela pupa seguido da un colpo, e via, in camera se trovava la bambola per tera e el gato cufolà al suo posto sul leto! Sto sempio po', che come a tuti igati ghe piaseva star in finestra a vardar fora, el se piazava adiritura sul vetro del sburto ( i famosi sburti a verandina che prolungava de 10/15 centimetri l'aggetto dela finestra verso l'esterno) , per niente intimorì de aver el svodo soto de sè, finche un giorno (e per fortuna iero là) el vetro se ga spacà soto i 12 chili dela creaturina, che xe rimasta leteralmente impicada per le onge finchè no la go tirada su mi! E quela xe stada anche la fine del sburto, che dopo quela disaventura gavemo fato tirar via.
(continua)


Ultima modifica di aurio il Sab Mar 11, 2006 2:04 pm, modificato 1 volta in totale

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
EL PAESETO IN VIA IMBRIANI
Indice del forum » trieste,piazze,vie,e rioni
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 3 di 5  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015