TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » trieste, la nostra città » Un soldato Inglese a Trieste Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
MessaggioInviato: Lun Nov 12, 2007 10:14 pm Rispondi citando
Larry
Registrato: 13/10/05 22:43
Messaggi: 377
Località: Inghilterra




Smile Smile Eccomi di novo. Bona sera tutti. Se vuoi sapere piu, leggi qua sotto:
Un soldato inglese a Trieste – Punto 9.
Dove eravamo quando sono stato cosi bruscamente interotto da un bronchite e tosse che mi ha reso ‘hors de combat’ per piu di un mese? Grazie al cielo che sto guarendo – ma quando si diventa vecchio, diventa sempre un po piu difficile. Se non sbaglio, avevo arrivato al momento quando scoprai che ero diventato papa’!! non che non eravato sapiente dalla condizione della mia inamorata ma la piccia e` arrivata in sette mesi invece al nove mesi, ed io ero in Inghilterra per un paio di settimane di R e R. (Rest and ricupero – riposo e ricuperazione, si diceva, oppure ‘Leave’ come dicevamo nel esercito inglese – congedo in italiano?).
Allora, padre son diventado. Che regalo per l’anno nuovo 1951. data di nascita della bambina 10 gennaio 1951. Ora dovevo decidere che fare. Prima del tutto dovevamo battezare la bimba. O magari, prima del tutto dovevo registrare la nascita con i militari affinche la bimba potessi avere la nazionalita` inglese. E che ne savevo mi quanto difficile sarebbe attraversare questo ‘campo minato’. Quindi, al anagrafi per registrare la nascita e essere sicuro che la bimba avessi il cognome del padre e non il famoso ‘NN’ dalle leggi italiani. Poi registrarla sotto le regole militari. Questo un po piu dificile. Siccome non eravamo sposati, allora il militare non voleva sapere. Bisogna essere sposati e avere due genitori. Bon, allora, sposiamoci. Tanto facile! Si chiede la donna se ti volevi sposare, la donna dice si, ti va in cesa, ti vede il prete, ti prenoti il giorno, tutt’e due van in cesa, il prete pronuncia ‘ti son marito e moglie, puoi baciare la donna’, ed e` tutto la. Nessun problema? AH SI? Nessun problema? I genitori della donna non hanno nessun obiezione. Anzi! Beh, la donna se stessa. Oramai, lei ha messa alla luce una bimba che le dice e` tua, cosi, naturalmente lei volevi sposarti, no? NO, NO e poi NO! Ma che diavolo xe questo? Purtroppo la donna e` una dalla vecchia scuola. Va ben, si, ti amo, ma e` stato tutta colpa mia perche son rimasta incinta e ora, devo pagare io. Ma cosa vol dire inamorarsi di una mula triestina, e testarda anche. (Pero, oggi a piu di cinquanta sei anni di distanza, quasi quasi, se avevo saputo a quella volta come sarebbe stata la vita , l’avrai dato ragione e l’avrai lasciata alla sua fortuna!) Povera bestia, sposandomi non la potevi immaginare, neanche per sogno, come sarebbe stata la vita dopo. Eppure, una volta che l’avevo persuaso che la sua vita sarebbe stata trasformata completamente, lei ha detto di si (e siamo rimast assieme per cinquant’anni!). Ora, non rimaneva altro che fissare il giorno dello sposalizio. C’e` pero, una altro pero. La mia promessa sposa aveva un fratello piu vecchio – Bruno – che era anch’egli fidanzato con una bella donna – Nerina. Bruno non aveva niente contro che noi due si sposiamo, e, dopo qualche discussione, ci siamo messi d’accordo per fare uno sposalizio a due coppie. Buon idea perche si risparmiava anche tanto soldi che in quell’epoca – 1951 -ci mancava. La chiesa piu vicina era quella di Servola. Andiamo di la, va ben? OK, andemo.Vedemo il prete, nessun problema con uno sposalizio a due coppie. C’e` pero, un piccolo problema. Uno degli uomini e` un soldato inglese ed e anche protestante, e la cesa di Servola e una cesa cattolica. Se non cambiavo la mia religione (roba che non potevo per nessuna ragione contemplare), dovevo avere il permesso e dispensa da Papa a Roma, e per avere questo dovevo avere un certificato dal prete protestante dal paese dove abitavo in Inghilterra, che sono stato battestato e magari ancora meglio, che sono stato anche confermato. Io, povero, non avevo nessun idea cosa si intendeva con ‘confermato’, solo che non ero mai stato ‘confermato’. Cussi, ho dovuto scrivere alla chiesa dal paese dove abitavo in Inghilterra – una chiesa nel quale non avevo mai messo piede dentro – per contattare il prete – che non avevo mai visto – per rilasciarmi un certificato che sono stato battestato. L’ho communicato tutti i miei dettagli e posto di nascita, ecc, e alla mia sorpresa, fra non tanto tempo mi e` arrivata tale certificato. Finalmente potevo scrivere al Papa per chiedere il suo permesso da sposare una cattolica. Permesso concesso. Ma nel frattempo dovevo andare con la mia fidanzata nelle serate per istruzione di come comportarsi durante la ceremonia e ogni volta il prete cercava di persuadermi di cambiar religione. E come dovevo tenermi la bocca chiusa per non offenderlo che forse avrebbe avuto qualche effetto sgradevole sullo sposalizio. L’ufficio delle relazione pubbliche del esercito mi aveva promessa di inviare un fotografo alla chiesa per prendere delle fotografie e il cuoco della cucina della mia caserma mi aveva promessa di fare una bella torta e pareva che, finalmente, tutto andava liscio. Avevamo fissato la data della ceremonia per il 25 Marzo 1951 e credo, senza rendere conto che quella data sarebbe stata la Domenica del Pasqua. Cosi, abbiamo dovuto stare seduti al fianco dell’altare mentre l’alta messa della Domenica Pasqua fu recitata e cantata. A me, pareva ore che eravamo li a prendere parte in quella ceremonia solenne. C’era un momento umoresco nella ceremonia e questo fu quando il prete, che aveva, durante la messa consumata parecchie bicchieri di vino, chiamo` il nunzolo e lo disse sottovoce ‘non c’e piu vin, va ciol un altra bottiglia’. Il nunzolo parte ma rientra subito per dire ‘non c’e piu una bottiglia’, al quale il prete rispose, ‘beh, vai subito al bar davanti e compri una bottiglia di chianti’. Via di nuovo lo nunzolo per riaprire fra qualche minuti con un fiasco di chianti, il quale il prete lo benedissi e riassume la messa come se niente fu accaduta. Quasi quasi, scoppiai da ridere. Ma, alla fine ci siamo sposati e ci siamo usciti dalla chiesa. E il fotografo? Non c’era nessuno! Si vede che si ha stuffato restare li fuori durante tutto il tempo della messa e si ha ritornato al suo ufficio. E siccome avevo detto io che ci sarebbe stata un fotografo militare per prendere delle fotografie nessun degli ospiti e famiglie aveva pensata di portare una macchina fotografica. Cussi, non abbiamo, nessuno delle due coppie, una fotografia del matrimonio.
Poi, dopo una piccola celebrazione e una cena alla casa dei genitori, c’era tempo da cominciare la nostra vita coniugale. Ora, non ero solo un soldato inglese ma facevo parte anche di una famiglia italiana e triestina.
Per fortuna, una grande fortuna, avevo trovato un alloggio nella Via Donadoni, stessa via dalla caserma dove lavoravo. Questo era al numero 2, Via Donadoni, camera con uso cucina, presso una famiglia di profughi dall’Istria. I Signori Meyer, di Fernando e Dina e la madre di Dina, Natalizia, con un piccolo figlio di due anni, Claudio.
E di egli, Claudio, c’e`anche una piccola storia. Col passar degli anni Claudio ha dovuto fare la leva ed ha scelto la Marina. Mentre che era di stanza a Roma e stato premiato con una medaglia d’argento del valore civile per il suo coraggio, assieme da un amico, quando si sono tuffati nel fiume Tevere per salvare la vita di una donna che aveva tentato il suicidio. La donna, apparentemente, era una figlia di un ambasciatore straniera di stanza a Roma.
Oggi, 10 Novembre che scrivo questo capitolo, e` il giorno che segna l’inizio di una fine settimana di commemmorazione dai caduti di guerra della guerra Mondiale 1914-18 e anche dal 1939-45 e tutte le guerre passati e presenti e domani dappertutto nella Gran Brittania ci saranno delle parate militari e civili con delle messe particolari attorno ai monumenti commemorativi in ogni citta e villaggio del paese. Io non saro presente. Non ho mai partecipato in queste scene da quando mi son dimesso dal esercito. Come, anche, non ha mai preso parte il famoso generale Montgomery.
Ma diciamo qui in GB:
“They shall not grow old,
as we that are left grow old.
Age shall not weary them
Nor the years condemn,
At the going down of the sun
and in the morning,
We will remember them”.
(Non diventeranno vecchi come noi che rimaniamo diventiamo vecchi.
L’eta non li faranno apassire ne gli anni condennare.
Al tramonto del sole e nella mattina,
Noi gli ricorderemo.)
Larry (con tanti scusi per non esser stato qui gia da troppo tempo. Ora, pero, son torna. Ci rivedremo e leggeremo piu spesso ora)

_________________
Larry the Lamb
Profilo Trova tutti i messaggi di Larry Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Nov 12, 2007 11:10 pm Rispondi citando
aurio
Registrato: 14/10/05 23:54
Messaggi: 850
Località: Roma - Trieste




Caro, caro Larry, che storia....
E quanto viva che xe ancora nel tuo cuor, la tua mula triestina. Pensa che nel 1951 magari gaverè incontrà per strada un bambin che zogava e quel bambin podevo esser mi a 4 anni......

_________________
AURIO
Profilo Trova tutti i messaggi di aurio Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Nov 13, 2007 9:50 am Rispondi citando
servolo
Registrato: 09/10/05 15:55
Messaggi: 2194
Località: trieste




Ciao Larry, bentornado e auguri per la salute, ultimamente se domandavimo dove che te ieri sparido.Xe sempre bel legerte......
Servolo

_________________
se no guanta cambia
Profilo Trova tutti i messaggi di servolo Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mar Nov 13, 2007 12:18 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Gavevo dito che prima o dopo te gavessi fato de novo "cù cù" sul forum.!
Forza Larry che el mal xe de passaggio, semo sempre pronti a leger le tue "avventure". Very Happy

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
Un soldato Inglese a Trieste
Indice del forum » trieste, la nostra città
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 5 di 5  
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015