TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » trieste, la nostra città » Cesa dei Padri Mechitaristi armeni
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Cesa dei Padri Mechitaristi armeni
MessaggioInviato: Gio Mag 04, 2006 8:12 pm Rispondi citando
vic
Registrato: 30/01/06 12:29
Messaggi: 482
Località: Padriciano TS




In via Ciamician, girando per via Giustinelli o de via Tigor per la scaleta che porta sempre in via Giustinelli (n. 7), se trova una picia cesa triestina piutosto dimenticada.

La Chiesa dei padri mechitaristi armeni, ogi catolica, xe una cesa del 1858, ma i iti ga comincià nel 1859. Costruida dal architeto Colnhuber su progeto del Bernardi, la ospita anca el colegio-convito (ospizio) del architeto De Puppi (1846). La xe edificada su un teren regalado de Giorgio Giustinelli, triestin armeno a cui xe dedicada la via. La xe stada voluda dal patriarca dei armeni catolici de Costantinopoli. Dedicada a Santa Maria delle Grazie, la contien un quadro regalà del "vizin de casa" Massimiliano d'Asburgo e un bel organo regalà da Julius Kugy. Se la pol veder del mar e de qualche parte dela cità. El portal ga un granda bifora e do campanileti con guglia a bulbo. Ogi drento se tien ogno tanto qualche conzerto de musica profana.

Posso anca zontar che ani fa, nel ambito dele ricerche che fazeva la Società Adriatica di Speleologia sui Sotterranei di Trieste e che ga prodoto quel bel libro de Guglia e Halupca (anca ogi in nova edizion), ricerche ale quali go partecipà anche mi, semo andai drento la cese e po nel ospizio perché se pensava a una dele uscite dela famosa Camera Rossa del Inquisizion.

La matina del apunamento coi respnsabili dela cesa, ale 7.30, quei abiatnti matinieri che pasava per via Giustinelli strabuzava i oci. Una masnada de gente stramba se stava spoiando in strada, metendose el terliss e cascheti cola luce sora. Trombini e strani afari come lampade de miniera (xe quel che iera, le "carburo"). Una volta pronti semo ndai drento e i ne ga lasa soli in una cantina dove che nisun meteva pie de ani. Gavemo bagolà un poco e po' gavemo trova un muro de matoni veci sconto drio de un armeron straze vece. Cossa femo cossa no femo, gavemo deciso de butarlo zo...solo che no gavevimo autorizazioni per farlo...ma lo gavemo butà zo losteso e, trepidanti, semo ndai oltra.

Meraveia: cossa gavemo trovà? El coridoio segreto per la Camera Rossa? Maché...semo finidi in una vecia cantina privata delaltra parte dela cesa...Se gavemo vardà e tutintun gavemo ingrumà i matoni roti per tera, li gavemo sitemai ala meno pezo, gavemo rimeso el armeron al suo posto e semo filai...

No go savù più gnente e xe pasai bastanza ani ormai...Wink

_________________
LSMT
to boldly go where no man has gone before (compleanno: 18 gennaio)
Profilo Trova tutti i messaggi di vic Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mer Mag 24, 2006 10:10 pm Rispondi citando
Luther Blisset
Registrato: 30/12/05 19:13
Messaggi: 470




..ghe son passà davanti ogi. La xè frequentada dala comunità cattolica di lingua tedesca de Trieste. Bel posto, particolare (visto de fora).


Saluti

_________________
"Non c'è critica più feroce della minuziosa descrizione dei fatti" (Von Moltke)
Profilo Trova tutti i messaggi di Luther Blisset Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Mag 24, 2006 10:39 pm Rispondi citando
Babu
Registrato: 15/10/05 15:42
Messaggi: 609
Località: Trieste




Qualche anno fà (giusto una trentina...o poco meno...) gò visto el plastico del progetto (no tanto differente de quel attuale) de la baia de sistiana nel studio de un che dopo iera diventà un parlamentar de la DC.
Me jera stado dito che i paroni iera ... i mechitaristi (che mi gavevo capì come "carmelitani chitarristi" ...)
Progetto naufragà prima nelle correnti (morotei, dorotei e chi più ne ha più ne metta ...) e dopo con tutta la DC (vedi Fin.Tur = cava Faccanoni = Centro Giulia = Baia de Sistiana ... ecc. ecc.)

Pol eser vero ?

_________________
Babu
Profilo Trova tutti i messaggi di Babu Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Nov 02, 2009 2:57 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




In quela cesa me son sposado la prima volta nel lontano 25 Giugno 1977.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Nov 02, 2009 5:45 pm Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




L'ultima volta che jerimo a Trieste, l'Orseta e mi se gavemo godudo un magnifico concerto de vari tochi de Bach e Pachelbel sonadi da un studente de musica che, de quel che el ne ga contado, el pratica la sua musica su quel organo. Jerimo solo lui e noi due. Mi go serà i oci e me son imaginà de gaver un artista che sonava solo per noi. Egoista mi, no? Ma in mancanza de realtà se se conta le bale che se pol.

Orso

Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Nov 02, 2009 6:40 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




Ursus Canadiensis ha scritto:
L'ultima volta che jerimo a Trieste, l'Orseta e mi se gavemo godudo un magnifico concerto de vari tochi de Bach e Pachelbel sonadi da un studente de musica che, de quel che el ne ga contado, el pratica la sua musica su quel organo. Jerimo solo lui e noi due. Mi go serà i oci e me son imaginà de gaver un artista che sonava solo per noi. Egoista mi, no? Ma in mancanza de realtà se se conta le bale che se pol.

Orso

Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad


Caro Ursus, quel organo lo ga pagado e fato 'rivar de Vienna Julius Kugy con una clausola: che el podessi esercitarse quotidianamente. E cussì el ga fato.
Al mio matrimonio sonava sempre quel organo Marco Sofianopulo che adesso el dirigi la Cappella Civica.
Co' iero a Vienna in viaggio de nozze (go fato tuta l'Austria) semo andadi a Santo Stefano per 'scoltar un concerto de organo: drio de noi iera una coppia de giapponesi che scoltava la musica coi oci seradi! No digo altro. Ciao!

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Nov 02, 2009 7:13 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2612




Nell’autobiografia intitolata “La mia vita nel lavoro, per la musica, sui monti” Giulio Kugy dedica un intero capitolo alla sua passione per l’organo e alla realizzazione del suo sogno: avere un organo su cui imparare a suonare.
Inizialmente egli si esercitò sull’organo della chiesa evangelica dove sostituiva, in caso di necessità, l’organista ufficiale; imparò a introdurre le funzioni con un preludio comprensibile e a suonare alla fine un pezzo festoso, fu in grado presto di suonare alle cerimonie nuziali, contribuendo, con i suoi registri gioiosi, alla riuscita della festa.
Ad un certo momento a un ministro della chiesa evangelica diede fastidio che un privato suonasse l’organo in chiesa e si decise pertanto che l’organo dovesse servire solo a scopi religiosi. Fu così che Kugy venne “licenziato” e nacque in lui il desiderio di un organo tutto suo.
La sua casa infatti non era così grande da poter ospitare un organo, bisognava perciò pensare ad una sede adatta. Scartata l’ipotesi di una sala da concerti, egli giunse alla conclusione che, essendo l’organo uno strumento sacro, il luogo più adatto era una chiesa.
Tentò di parlarne col vescovo di Trieste e questi si dichiarò disposto ad accettare il dono, purché lo strumento venisse poi usato solo per scopi religiosi. In questo modo Kugy avrebbe perso ogni libertà artistica. Era inaccettabile. Un amico lo informò che l’amministratore della chiesa conventuale cattolico-armena sarebbe venuto volentieri incontro ai suoi desideri.
Kugy corse allora in via Giustinelli sul colle di San Vito dove si trovava la chiesa dedicata alla Madonna delle Grazie, vicino alla Sanza (un’antica fortezza triestina del ‘600). La chiesa, costruita con i mezzi finanziari del patriarca degli Armeni cattolici di Costantinopoli su un terreno donato da Giorgio Giustinelli (triestino di nazionalità armena), era stata aperta al culto nel 1859 ed era stata frequentata anche da Massimiliano d’Asburgo, che abitava nelle vicinanze.
La chiesa fece subito un’impressione favorevole a Kugy perché era alta con una larga cupola, molto luminosa.
Kugy stipulò il contratto con la congregazione dei mechitaristi firmato dall’abate generale che risiedeva a Vienna.
In base al contratto, Kugy sarebbe rimasto proprietario dell’organo vita natural durante e avrebbe potuto servirsene ogni giorno dalle dieci del mattino alle dieci di sera; non avrebbe potuto dare concerti, avrebbe potuto però suonare per pochi. Si prendeva inoltre l’impegno di accompagnare le messe o di provvedere a un suo sostituto. Dopo la sua morte l’organo sarebbe diventato proprietà della chiesa.
Ordinò l’organo a Vienna dai fratelli Rieger, costruttori di organi a Jagerndorf, scegliendo con cura i registri, secondo le sue convinzioni: volle che l’organo disponesse di diciannove registri e avesse canne ad anima, senza ancia. Nel novembre 1894 l’organo fu consegnato.
Nella sua autobiografia egli descrive minuziosamente la sera del suo arrivo: le enormi casse furono accatastate nella chiesa e lui era assai emozionato ed impaziente. I montatori finirono col vietargli di andare in chiesa per otto giorni, durante il montaggio e l’accordatura. Alla fine l’organo superò ogni sua aspettativa: era disposto a due torri, per lasciar libera la finestra centrale, il legno della cassa era tinto in bruno scuro, con decorazioni in oro, le canne di facciata erano in lucido argento. Meraviglioso era il suono: travolgente e potente, ma morbido.
Secondo i patti, Kugy suonava l’organo durante la messa della domenica e delle altre feste e lo faceva con dedizione e puntualità. Il fatto che la chiesa fosse aperta solo in queste occasioni era per lui un grande vantaggio perché poi poteva esercitarsi liberamente.
Ne approfittò per studiare e suonare due grandi composizioni di Bach: la Toccata e fuga in do maggiore e la Fuga in mi bemolle minore.
Kugy suonava per tre ore al giorno: la prima ora la dedicava ai pedali, la seconda allo studio di pezzi nuovi, la terza alle riprese del vecchio repertorio. Talvolta arrivava a casa stanchissimo, di solito non prima delle undici.
Un episodio un po’ buffo ci fa capire però che qualcuno non era contento di tutta questa musica: era un inquilino del convento che, dopo due anni, non ne poté più e gli intimò di smettere. Scoppiò così una “guerra” tra lui e Kugy. Una sera l’inquilino, appena Kugy cominciò a suonare l’organo, batté a casaccio i tasti di un armonio, producendo accordi falsi e orrende dissonanze. Kugy, per non dargliela vinta, si concentrò e continuò con fatica a suonare per ore. Per dare un disturbo maggiore, al suono dell’armonio si unì il canto di tutta la famiglia e il terzo si fece sentire un tamburo militare. Kugy capì che bisognava trovare una soluzione: si mise d’accordo con l’amministratore del convento e fece aprire le porte della chiesa per una funzione serale. Un bel corale di Bach inondò la chiesa e alla presenza dei fedeli e dei poliziotti l’inquilino non ritenne opportuno disturbare. Venne però di corsa la moglie a pregare che Kugy la smettesse, perché il marito stava impazzendo. Egli la accontentò, ma l’uomo cambiò casa.
Kugy continuò a suonare il suo organo per quattordici anni, ogni sera, in ogni stagione.
Non ritenne mai di essere un grande organista, ma era fiero di aver quasi sempre saputo “tenere sgombra la via delle altezze dei suoi ideali” e di non averla persa in mezzo alle difficoltà della vita.
L’organo di Kugy è stato recentemente restaurato nel marzo 1992 e ancora oggi lo si può sentire suonare nella funzione domenicale delle dieci, officiata per la comunità cattolica di lingua tedesca.

_________________
Meio una torta in tanti che una merda soli
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
Cesa dei Padri Mechitaristi armeni
Indice del forum » trieste, la nostra città
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 1  

  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015