TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » libri e films...su trieste » Fantascienza
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Fantascienza
MessaggioInviato: Mar Feb 14, 2006 11:38 pm Rispondi citando
vic
Registrato: 30/01/06 12:29
Messaggi: 482
Località: Padriciano TS




Mi son un apasionado de fantascienza. Per deceni el xe sta considerà un genere de serie B, prima de vignir rivalutado.

El mio autor preferido xe senza dubio Isaac Asimov, che con la sua Trilogia Galattica ga fato un vero capolavoro.

Ma un libro che ve consiglio de leger, anca se no se apasionadi, perché xe suserio bel, Xe "Universo" de Heinlein.

Xe la storia de un astronave che viagia per zentinera de ani nel spazio per portar l'omo su un altro mondo, perché sula tera no xe più posibile star.

Quel che se sai bel xe el modo in cui Heinlein cura i raporti tra la gente a bordo.

Suserio, xe de leger!

_________________
LSMT
to boldly go where no man has gone before (compleanno: 18 gennaio)
Profilo Trova tutti i messaggi di vic Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Mar 06, 2006 3:49 pm Rispondi citando
Luther Blisset
Registrato: 30/12/05 19:13
Messaggi: 470




Anche mi legio volentieri fantascenza, anche se el mio autor preferido xè Jack Vance.

De Heinlein go leto "Cittadino della Galassia" e "Fanteria dello Spazio",dopo me gà bastà Wink

Volessi leger "La Luna è una severa maestra" ma trovo sempre qualcossa altro de leger...

_________________
"Non c'è critica più feroce della minuziosa descrizione dei fatti" (Von Moltke)
Profilo Trova tutti i messaggi di Luther Blisset Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Mar 07, 2006 2:40 am Rispondi citando
Aussie Kangaroo
Registrato: 15/01/06 11:54
Messaggi: 1777
Località: Vermean




De Heinlein, che de recente go leto Stella doppia me ga sempre infastidido un certo "razzismo" che esisti nei sui libri. Intendemose no xe mai fato cenno a questioni raziali in senso streto, ma vien sempre sotinteso una certa superiorità de qualchedun su qualche dun altro, con alieni speso rafiguradi come inseti cativi e cussì via..
No poso dir che no me piasi, ma ....

Su Asimov inveze no se discuti! Il maestro, la pietra miliare dela fantascienza scrita: niente de quel che leto de lui xe mai stado banale; un genio scentifico che nei ani 50 (10 ani prima che l'esercito USA cominciassi i esperimenti che porterà ala creazion de Internet) gaveva profetizado Multivac, l'elaborator con el database che sa tuto, colui che ga influenzado el mondo dela cibernetica letteraria (e non) crando le leggi dla robotica: un mito!

_________________
Ci vuole tutta una vita per capire che nella vita non serve capire tutto
Profilo Trova tutti i messaggi di Aussie Kangaroo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
MessaggioInviato: Mar Mar 07, 2006 2:56 am Rispondi citando
Aussie Kangaroo
Registrato: 15/01/06 11:54
Messaggi: 1777
Località: Vermean




Sempre a proposito de fantascienza, oltre ala genialità scentifica de Asimov, no se pol no menzionar el mio secondo autor favorito, anche se ognitanto anche mi dubito che l'eticheta de scritor de fantascenza sia coreta per lu: P.K. Dick.
In questo caso semo davanti a uno dei più spietati analisti dela società americana dei ani 50-60, società che vien vivisezionada nela sua produzion leteraria quasi sempre ambientada in un futuro prosimo probabile. Feroce e speso incompreso, Dick ga scrito alcuni libri fra i più bei in asoluto come concezion de trama e sviluppo dei personagi. Ve consiglio La svastica sul sole (The man in the high castle) e il mitico Blade runner (Do androids dream of electric sheeps? - che in realtà saria anche el titolo in italian, oramai poco usado nele ultime edizioni).

La sua genialità forsi iera un poco in anticipo sui tempi: infati solo in tempi recenti el cinema ga cominciado a far man basa de sui raconti per far film (Minority report tra i più recenti, ma anche Total recall qualche ano fa) dove el Blade Runner de R. Scott xe stado un precursor meravioglioso dei tempi.

_________________
Ci vuole tutta una vita per capire che nella vita non serve capire tutto
Profilo Trova tutti i messaggi di Aussie Kangaroo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
MessaggioInviato: Mer Mar 08, 2006 2:40 pm Rispondi citando
Luther Blisset
Registrato: 30/12/05 19:13
Messaggi: 470




Asimov: apprezzo tantissimo "[b]L'uomo del Bicentenario[/b]" e "[b]La fine dell'eternità[/b]", quest'ultimo veramente innovativo. Anche lui comunque travasa nei sui libri el suo "unicum" de emigrato ebreo-russo che devi gavèr a che far (sopratuto i primi tempi) con l'ategiamento american verso i novi vignui dai primi anni '20 in poi. Per fortuna, nelle sue opere mature tutto questo se stempera, ma resta sempre el "diverso" (che sia Daneel Oliwaw o the Mule....) che "vinzi" in senso lato grazie alla sua intelligenza (pochissima violenza nei libri de Asimov: altro grande pregio).

The Dick....eh, qua semo veramente ad un altro livel, quando la fantascenza sociologica sconfina in letteratura (un altro de questo tipo xè Brunner). Gò leto e ri-leto recentemente "[b]Rapporto di Minoranza e altri Racconti[/b]"....veramente un'altra categoria.


Saluti

_________________
"Non c'è critica più feroce della minuziosa descrizione dei fatti" (Von Moltke)
Profilo Trova tutti i messaggi di Luther Blisset Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Mar 08, 2006 10:17 pm Rispondi citando
vic
Registrato: 30/01/06 12:29
Messaggi: 482
Località: Padriciano TS




Luther Blisset ha scritto:
(pochissima violenza nei libri de Asimov: altro grande pregio).
Eh sì. no per gnente una frase che dopro speso come firma al posto de quela che dopro qua xe sua:

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci"

Volesi zontar che ala Trilogia Galattica, strepitosa epopea scrita cusì ben che par storia vera (e lo digo da storico!) ga fato seguito altri tre libri, con i quai el ga tacado insieme el Ciclo della Fondazione e el Ciclo dei Robot, come che i ghe gaveva sempre domandà de far ma lu per ani e ani se gaveva rifiutà. Ma el risultato no xe ala alteza dei primi tre. Se nota che la vena creativa jera in esaurimento e che el ga visù de rendita i ultimi ani. El stile però xe sempre el suo. E i apasionadi dovesi comunque tuti completar la "Esalogia della Fondazione" e anca l'altro ciclo. Ma anca i libri de divulgazion scientifica, sia de chimica che de fisica e astrofisica e de altre scienze. No dimentichemose che questo grande scritor jera anca un vero scienziato!


Ultima modifica di vic il Sab Apr 01, 2006 11:29 pm, modificato 2 volte in totale

_________________
LSMT
to boldly go where no man has gone before (compleanno: 18 gennaio)
Profilo Trova tutti i messaggi di vic Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Gio Mar 09, 2006 9:26 am Rispondi citando
Aussie Kangaroo
Registrato: 15/01/06 11:54
Messaggi: 1777
Località: Vermean




vic ha scritto:
...
Volesi zontar che ala Trilogia Galattica, strepitosa epopea scrita cusì ben che par storia vera (e lo digo da storico!)...


In realtà l'ispirazion xe stada la storia: in un'intervista el gaveva rivelado che per la trilogia originale el se gaveva ispirado a partindo da l'Impero Romano e'l suo crollo fin a rivar al rinascimento.

vic ha scritto:
...
ga fato seguito altri tre libri, con i quai el ga tacado insieme el Coclo della Fondazione e el Cicolo di Robot, come che i ghe gaveva sempre domandà de far ma lu per ani e ani se gaveva rifiutà. Ma el risultato no xe ala alteza dei primi tre. Se nota che la vena creativa jera in esaurimento e che el ga visù de rendita i ultimi ani. El stile però xe sempre el suo. E i apasionadi doesi comunque tuti completar la "Esalogia della Fondazione" e anca l'altro ciclo. ...


In realtà el ciclo completo comprendi tute e tre i cicli che el gaveva scrito. Infati col romanzo I robot e l'Impero el gaveva ala fine colegado el ciclo dei robot a quel de l'impero che comunque se pol considerar un prequel temporale del ciclo dela Fondazione.
SUl fato che ala fine no'l iera più a l'alteza de prima, bisogna dir che el se gaveva sempre rifiutado de scriver i romanza de aggancio perchè el saveva de andar incontro a un operazion dificile che no iera sua nele intenzioni: però, un poco el svilupo del ciclo dela Fondazione un poco la presion de fan e editori lo gaveva fato ceder.
A mi personalmente no i me ga dispiasso, anche perchè avendoli rileti tuti a ogni uscita nova (e nela sequanza temporale narativa), i prequel se inseriva ben nela storia e senza sbavar la storia originale. Sicuramente gaveria fato più efeto se i fosi stadi scriti con le conoscenze trtentennali acumulade, ma gavesi creado dei paradosi che Asimov, perfezionista che el iera, voleva evitar.

vic ha scritto:
...
Ma anca i libri de divulgazion scientifica, sia de chimica che de fisica e astrofisica e de altre scienze. No dimentichemose che questo grande scritor jera anca un verso scienziato!


Su sto argomento, però, bisogna sempre segnalar quel che no xe un testo de divulgazione scientifica reale, ma che resta forsi el miglior capolavoro scientifico mai scrito: Proprietà endocrine della Tiotimolina risublimata

_________________
Ci vuole tutta una vita per capire che nella vita non serve capire tutto
Profilo Trova tutti i messaggi di Aussie Kangaroo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
MessaggioInviato: Gio Mar 09, 2006 7:42 pm Rispondi citando
vic
Registrato: 30/01/06 12:29
Messaggi: 482
Località: Padriciano TS




Aussie Kangaroo ha scritto:
...omissis...

Grazie per le precisazioni...savemo che le tue risorse xe infinide...

_________________
LSMT
to boldly go where no man has gone before (compleanno: 18 gennaio)
Profilo Trova tutti i messaggi di vic Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Gio Mar 09, 2006 11:34 pm Rispondi citando
Luther Blisset
Registrato: 30/12/05 19:13
Messaggi: 470




...el mato jera in efeti un biochimico....una curiosità: non gaveva "brute copie" dei sui romanzi. I originali li usava per far el barbeque... Mr. Green Mr. Green ..lo riporta lui ne "I premi Hugo 1955-1975" - ed. Nord...

de divulgazion sua go leto un libro de astrofisica. Là per la prima volta gò savù delle forze e interazioni tra gravitazion, forza nucleare "debole" e forte, forza magnetica....veramente altri tempi, dopo son andà a studiar Economia....


L'amopr per el fantastico in genere se gà però fato sentir anche là: per colpa de Tolkien me gò squasi magnà una session de esami!!! Very Happy

_________________
"Non c'è critica più feroce della minuziosa descrizione dei fatti" (Von Moltke)
Profilo Trova tutti i messaggi di Luther Blisset Messaggio privato
MessaggioInviato: Sab Apr 01, 2006 11:32 pm Rispondi citando
vic
Registrato: 30/01/06 12:29
Messaggi: 482
Località: Padriciano TS




Aussie Kangaroo ha scritto:
In realtà el ciclo completo comprendi tute e tre i cicli che el gaveva scrito. Infati col romanzo I robot e l'Impero el gaveva ala fine colegado el ciclo dei robot a quel de l'impero che comunque se pol considerar un prequel temporale del ciclo dela Fondazione.
Rilegendo sto intervento de Aussie me xe vignù un dubio: ma qual jera el terzo ciclo??? Fondazion, Robot, e...?

_________________
LSMT
to boldly go where no man has gone before (compleanno: 18 gennaio)
Profilo Trova tutti i messaggi di vic Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Dom Apr 02, 2006 12:36 am Rispondi citando
Aussie Kangaroo
Registrato: 15/01/06 11:54
Messaggi: 1777
Località: Vermean




quel de l'Impero:

Il tirannoi dei mondi
Il Paria dei cieli
Le correnti dello spazio

No me ricordo se l'ordine dei 3 xe giusto.
I 3 libri xe disgiunti tra de lori, ma i xe consideradi una trilogia perchè i xe ambientadi ne l'epoca imperiale che poi sarà tratada nel suo declino nel ciclo dela fondazion. I tre libri xe legermente precedenti al ciclo dela fondazion come stesura: manca forsi la concezion de globalità dela storia, ma i ga za presenti alcuni dei elementi fondamentali del ciclo intero.
Non tute le bibliografie li comprendi nel ciclo totale, ma secondo mi (e anche secondo altri) i xe parte integrante.


Ultima modifica di Aussie Kangaroo il Dom Apr 02, 2006 1:03 am, modificato 1 volta in totale

_________________
Ci vuole tutta una vita per capire che nella vita non serve capire tutto
Profilo Trova tutti i messaggi di Aussie Kangaroo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
MessaggioInviato: Dom Apr 02, 2006 12:48 am Rispondi citando
vic
Registrato: 30/01/06 12:29
Messaggi: 482
Località: Padriciano TS




Te ga razon, Aussie. El ciclo del Impero! e za che son me par giusto alora meter un poco de ordine ala sua sterminada biliografia, cusì se poderà anche leger come che xe usidi i titoli nei vari cicli:

Fantascienza
I titoli dei cicli dei robot, dell'impero e della fondazione sono presentati nell'ordine cronologico della "storia futura" Asimoviana. (indicati dall'autore nella prefazione di Preludio alla Fondazione)

Ciclo dei robot
Abissi d'acciaio (The Caves of Steel - 1954)
Il sole nudo (The Naked Sun - 1957)
I robot dell'alba (The Robots of Dawn - 1983)
I robot e l'Impero (Robots and Empire - 1985)

Ciclo dell'Impero
Il tiranno dei mondi o Le stelle come polvere (The Stars Like Dust - 1951)
Le correnti dello spazio (The Currents of Space - 1952)
Paria dei cieli (Pebble in the Sky - 1950)

Ciclo della Fondazione
Preludio alla Fondazione (Prelude to Foundation - 1988)
Fondazione anno zero (Forward the Foundation - 1992)
Cronache della Galassia o Fondazione o Prima Fondazione (Foundation - 1951)
Il crollo della Galassia centrale o Fondazione e Impero (Foundation and Empire - 1952)
L'altra faccia della spirale o Seconda Fondazione (Second Foundation - 1953)
L'orlo della Fondazione (Foundation's Edge - 1982)
Fondazione e Terra (Foundation and Earth - 1986)

Lucky Starr
Lucky Starr, il vagabondo dello spazio (1952)
Lucky Starr e i pirati degli asteroidi (1954)
Lucky Starr e gli oceani di Venere (1954)
Lucky Starr e il grande sole di Mercurio (1956)
Lucky Starr e le lune di Giove (1957)
Lucky Starr e gli anelli di Saturno (1958)

Vari
Neanche gli dei (The Gods Themselves - 1972)
Nemesis (Nemesis - 1989)
Notturno (con Robert Silverberg) (Nightfall - 1990)
La fine dell'Eternità (The End of Eternity - 1955)

Raccolte di racconti
Io, Robot (I robot, 1950)
Le Migliori Opere di Fantascienza di I. Asimov - contiene il racconto L'Ultima Domanda (The Last Question (1956))
Il secondo libro dei robot (The rest of the robots, 1964)
La Terra è abbastanza grande (Earth Is Room Enough, 1957)
Antologia personale (Nightfall and other stories, 1969)
Asimov story (The Early Asimov, 1972)
Antologia del bicentenario (The Bicentennial man and other stories, 1976)
Tutti i miei robot (The Complete Robot, 1982)

Isaac Asimov ha curato molte edizioni della raccolta del Premio Hugo

Gialli e misteri
Un soffio di morte (The Death Dealers / A Whiff of Death, 1958, romanzo)
Racconti dei Vedovi Neri (Tales of the Black Widowers, 1974)
Altri racconti dei Vedovi Neri (More Tales of the Black Widowers, 1976)
Rompicapo in quattro giornate (Murder at the A.B.A. / Authorized Murder, 1976, romanzo)
Il Club dei Vedovi Neri (Casebook of the Black Widowers, 1980)
I banchetti dei Vedovi Neri (Banquets of the Black Widowers, 1984)
Gli enigmi dell'Union Club (The Union Club Mysteries, 1984)
Puzzles of the Black Widowers (1990)

Divulgazione scientifica
Asimov ha realizzato alcuni saggi di divulgazione scientifica:

A perdita d'occhio
Breve storia della biologia
Breve storia della chimica
Catastrofi a scelta
Civiltà extraterrestri
Esplorando la Terra e il cosmo
Evoluzione e genetica
Frontiere
Grande come l'universo
Il collasso dell'universo
Il libro di biologia
Il libro di fisica
In principio
L'universo invisibile
La fotosintesi
Antologia scolastica: raccolta di racconti in ciascuno dei quali viene coscientemente violata una legge (fisica, chimica o biologica), con schede di approfondimento ad uso delle scuole medie

Umoristici
Azazel

Autobiografici
In Memory Yet Green (1979)
In Joy Still Felt: The Autobiography of Isaac Asimov, 1954-1978 (1980)
I, Asimov a memoir (1994)

Libri collegati all'autore
Robot City
Il figlio del tempo (The Ugly Little Boy), 1958


Ultima modifica di vic il Mar Apr 04, 2006 3:49 pm, modificato 1 volta in totale

_________________
LSMT
to boldly go where no man has gone before (compleanno: 18 gennaio)
Profilo Trova tutti i messaggi di vic Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mar Apr 04, 2006 2:44 pm Rispondi citando
Luther Blisset
Registrato: 30/12/05 19:13
Messaggi: 470




Bel lavor, Vic...ma "Tutti i miei Robot" te lo meti sia sul ciclo de Olivaw e Reventlov che fra le antologie dei Robot.....mi propendo per la seconda...

Saluti

_________________
"Non c'è critica più feroce della minuziosa descrizione dei fatti" (Von Moltke)
Profilo Trova tutti i messaggi di Luther Blisset Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Apr 04, 2006 3:50 pm Rispondi citando
vic
Registrato: 30/01/06 12:29
Messaggi: 482
Località: Padriciano TS




Grazie per l'oservazion, Luther, in efeti son dacordo con ti e infati go za cavà el dopion dal ciclo dei robot.

Evil or Very Mad

_________________
LSMT
to boldly go where no man has gone before (compleanno: 18 gennaio)
Profilo Trova tutti i messaggi di vic Messaggio privato Invia email
Fantascienza
Indice del forum » libri e films...su trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 1  

  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015