TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » poesia e prosa triestina » L’alfabeto triestin Vai a pagina 1, 2  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
L’alfabeto triestin
MessaggioInviato: Gio Apr 28, 2016 10:59 am Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2625




Comincemo cola base, ossia col’alfabeto. El triestin dopra el stesso alfabeto de l’italian, fato de vintiun segni qualche volta anche combinai tra de lori: a, b, c (de comio), ci (de ciave), ch (de schena), d, e, f, g (de gomba), gi (de giarina), gh (de strighe), gn (de scagno e de bogner1), gl (de mogli e de glera), gli (de vigliaco e de glissar), h (muta), i, l, m n, o, p, q (solo seguida de una u non acentada)2, r, s (de slargo e de oste), ss (de cossa), t, u, v, z (de verza e de conzar). Ve prego de notar che ghe xe una bela diferenza tra ci de ciave e ci de oci; tra gi de giarina e gi de Gigi; tra gli de vigliaco e gli de glissar ecc. I primi xe dei “digrammi” o dei “trigrammi” – ossia do o tre lettere messe insieme per indicar un unico son; i secondi no xe altro che do o tre lettere una dopo l’altra per indicar do o tre soni un diverso de l’altro. ‘Sto fato xe importante per capir quel che vignirà dito a proposito de la dopia esse ss e de la dopia zeta zz. Ma de questo parleremo più avanti. Per adesso basti saver che l’alfabeto triestin, come l’italian, no bastandoghe le sue vintiun letere per indicar tuti i soni de le sue parole, in mancanza de zerte letere per indicar zerti soni, el acorpa do o tre letere e ‘l le considera come una sola. El sloven e ‘l croato, inveze, co i ga ‘sto bisogno i dopra i segni diacritici (dete pipe o cluche) sora le letere.

Oltra a queste letere qua no ghe ne xe altre nel triestin, e xe del tuto inutile far sfogio de capa (k), i longhe (j), vi dopie (w) e ipsilon (y) che no ne apartien. Se le parole xe de origine foresta se le adata a la grafia triestina e po bon. Banca deriva dal germanico banka ma nissun se sogna de scriverla cola capa. Perciò xe inutile scrive kluka, pek, water (cesso), witz, visto che xe parole triestine a tuti i efeti, anche se de origine foresta. Altretanto inutile xe scriver jota la iota: no che sia sbalià, ma alora, per coerenza, bisogneria scriver anche jerimo, ojo, foja, mejo ecc. In italian, difati, fin a un zento ani fa se scriveva cussì, e qualchidun scriveva cussì anche in triestin. Ma, dopo che se ga perso l’uso de la i longa in italian, podemo tranquilamente lassarla perder anche in triestin. Ancora più assurdo xe scriver tz per la zeta (z) sorda final. Se scrivemo spritz (che po in tedesco se scrivi spritzt), doveremo scriver anche tacaditz, clantz, bubetz, e me par una roba senza senso. Mi, personalmente, per la bona autonomia del triestin, me piasi scriver adiritura compiuter, abasur, giubocs, blugins, gip, per la semplice ragion che tute queste mi le considero parole triestine, anche se de origine foresta. Se inveze un le considera solo che parole foreste, che el scrivi come che ghe par purchè el scrivi giusto nela lingua original.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Apr 28, 2016 8:18 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2625




El criterio principal per proponer un’ortografia xe: “scriver nela magnera de render la letura più facile possibile”.

Ogni ortografia po, e la triestina no fa ecezion, devi esser prima de tuto logica e coerente: se xe necessario meter una letera, un acento, un apostrofo, ecc. in un dato caso, bisognerà meter el stesso segno tute le volte che se presenta quel dato caso, e no in un logo si e in un logo no.

Po la ga de esser pratica e economica: xe meo evitar tuto quel che, anche se giusto, risulta superfluo. Tropi segni, segneti, acenti, apostrofi ecc., se no i xe necessari, xe meo no meterli.

Po, entro zerti limiti, la devi esser rispetosa de la tradizion: se un uso se ga afermà nei secoli, cambiarlo pol disorientar l’ocio e la prima regola, ripeto, xe sempre quela de facilitar la letura.

In ultimo, co un criterio se scontra coi altri e no se sa più quel che xe più convegnente e quel che xe meno, alora bisogna taiarghe la testa al toro, ciapar una decision che sia una, proporla e veder se la se aferma.

Eco, co se fa dele selte grafiche bisogna sempre tignir in amente ‘sti criteri qua.

Un problema de coerenza lo ofri la aca (h). A la aca no corispondi nissun son, ma la ga do funzioni. La prima, seguindo la c (ch) e la g (gh) davanti a la e e ala i la indica la c e la g sorde; la seconda, seguindo una vocal, esatamente come in tedesco, la slonga quela vocal. Questo uso xe presente sopratuto nele interiezioni: ah, oh, ehi, uh, ahi che se pronuncia [àa], [òo], [èei], [àai]. No la indica quindi una aspirada; perciò xe inutile scriver mah, beh, primo perchè la pronuncia de ma e de be’ no prevedi nissuna aspirada nè tanto meno un slongamento, ma solo una a e una e particolarmente curte, quasi blocade a metà per ragioni espressive, e po perchè la parole ma e be no xe altro che, la prima, la solita congiunzion aversativa ma, la seconda l’averbio ben, troncado. E per el troncamento de un monislabo – tanto in italian che in triestin – ghe vol l’apostrofo, no la aca. Ma de questo diro più avanti.

Resta un’ecezion nel’ecezion. Esisti dele parole, tre in tuto, che el Doria scrivi che termina con un’aspirada: e queste parole xe buch, foch, puch. Le ultime due xe interiezioni, la prima – presente nela esclamazion Dio buch! – a l’aparenza xe un agetivo, ma in realtà xe el sostantivo sloven Bog (Dio) con pronuncia dialetal. In questi tre casi mi consiglio de meter el ch per segnalar apunto l’apirazion e no el slongamento de la vocal. Naturalmente ch segna l’aspirazion solo in final de parola.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Mag 26, 2016 7:14 pm Rispondi citando
Socrate
Registrato: 09/08/09 21:55
Messaggi: 2625




El dialeto prima roba se lo parla, ma po se lo scrivi anche, e xe sempre meo scriverlo ben – digo ben e no “giusto”, perché mi no deto regole! – pitosto che mal. Quela che comincia qua, alora, xe una rubricheta per stimolar un dibatito su come scriver ben in dialeto. In altre parole, xe una serie de proposte ortografiche che vol esser sopratuto coerenti. Ripeto: mi no deterò regole, pitosto le proponerò, e aceto ogni obiezion logica e pratica; oltra che, naturalmente, basada su una bona conossenza del triestin e de l’italian. Insoma val sempre el conceto che ognidun scrivi come che ghe par, purché lo fazi a ragion veduda e secondo un zerto criterio; e purché el se fazi capir, naturalmente.

Come che podè leger, ‘sta rubrica mi la scrivo in dialeto; ma che dialeto? Saria assurdo che doprassi un dialeto patoco al cento per cento, un dialeto antiquado: ris’ceria de confonderghe le idee a la gente; d’altra parte no posso gnanche doprar quela spece de dialeto che parla ‘desso la mularia, quel dialeto che dialeto no xe, ma una spece de triestin italianizà, quando no adiritura un italian triestinizà. E alora go deciso che me esprimerò col triestin che xe ancora vivo nei veci, el triestin che se pol trovar sul dizionario (el Novo Doria), neologismi compresi però, e rifiutando i arcaismi e le parole che xe sparide prima de l’ultima guera. Fermo restando, in ogni modo che, tratando de argomenti un poco impegnativi, doverò per forza, indove che el dialeto non ga la parola adata, doprar quela de la lingua, magari adatandola un fià al triestin. E alora comincemo.

Per capir come che saria ben scriver in triestin bisogna, prima de tuto, saver come che se scrivi in italian, e anche perchè che in italian se scrivi in un zerto modo e no int’un altro. Perchè questo? Perchè, se el triestin xe la nostra “lingua madre”, ossia la prima lingua che imparemo – almeno per noi triestini veri – la nostra “grafia madre”, inveze, xe quela de l’italian. A scriver noi imparemo in italian e dopo, se semo bravi e gavemo bona volontà, imparemo a scriver in triestin. El più de le volte, però, la gente scrivi mal in triestin proprio perchè scrivi mal in italian, o almeno perchè no la conossi le regole de l’italian. Adeso se dirà: ma cossa ghe entra el triestin col’italian? No xe do lingue diverse? Sicuro! ma i criteri per scriver devi esser i stessi. Co se sa indove e perchè che se meti i acenti in italian, basta aplicar la regola a le parole triestine e tuto fila lisso. E questo val per l’apostrofo, le dopie, le preposizioni articolade e per tuto el resto. E alora mi farò cussì: spiegherò ogni volta le regole de l’italian e po mostrerò come se le aplica al triestin.

_________________
Cantar e portar el Cristo
Profilo Trova tutti i messaggi di Socrate Messaggio privato
L’alfabeto triestin
Indice del forum » poesia e prosa triestina
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 2  
Vai a pagina 1, 2  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015