TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » le ricette de nonna e vostre » Cime di rapa all'abruzzese
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Cime di rapa all'abruzzese
MessaggioInviato: Gio Mar 19, 2009 12:32 pm Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Una rizeta fin sempia per la sua semplicità, ma 'ssai gustosa.

- 3/4 de kg de zime de rava PICE (quele grande no va ben, asolutamente)
- dò spighi de aio
- oio extra vergine de oliva
- peveronzin
- acqua
- sal fin

Lavar le zime. Esendo pice no cori taiarle. Ciolè una tecia larga e bassa (no una farsora), meteghe l'oio in quantità suficiente, i dò spighi de aio SENZA SPELARLI e el peveronzin intiero. Fè insaporir un fiatin l'oio co' l'aio a fogo basso per pochi minuti. Dopo gaver fato sfredir l'oio zontè un per de biceri de acqua e metè in te la tecia le zime. Zontè el sal, coverzè col covercio e fè sofigar a fogo lento. Ogni tanto controlè la cotura dela verdura. Quando che le zime xè quasi cote, cavè el covercio e alzè el fogo per far svaporar l'acqua e rosolar un fiatin (no tropo: se sentì odor de oio frito distudè subito!). Zerchè se va ben de sal e zontè se servi (cavar no se pol... Surprised Surprised ).

Una roba simile se pol far anca sbolentando prima le zime e dopo ripasandole in farsora con aio oio e peveronzin, ma no xè la stesa roba. Come che ve gò dito mi, infati, l'acqua de cotura dele zime la resta dentro e cussì anca el gusto vien più deciso.
Una variante prevedi de meter anca un poco de pomidoro e, se piasi, un per de acciughe tazade.
Bon apetito.

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Gio Mar 19, 2009 7:31 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Stessa roba solo che inveze delle foie solo i fiori(guai cusinarli prima i perdi tutto el gusto) e col sugheto se condisi la pasta, se uno vol ghe meti pomodorini, ma la morte sua xe con le acciughe.
Dan, te ringrazio, te me gà dà la dritta per cossa far domani x pranzo. Arrow Arrow

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Gio Mar 19, 2009 8:03 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




In tel post de risposta al tuo comento sui "taròz", te gavevo dito fra l'altro che gavevo 'na domanda su sta tua rizeta, ma che te la gaverìa fata quà e, finalmente dopo tuto el dopopranzo che sto m**a de forum me fà bazilar, basta che te vadi a veder cos'che xe saltado fora soto el tuo comento, te la poso finalmente far, sperando che no me se imbali tuto de dovo:

Và ben l'aio (anca co la scorza) ma dopo nò te lo cavi fora? Parché mi gò sempre savudo che una de le regole dela cusina xe de nò cusinar mai l'aio insema co'l resto de'i ingredienti, ma de farlo rosolar, serar el fogo, schizarlo con un piron, (posibilmente de legno) e pò continuar la cotura come che se vol!
L'unica pietanza che nò segui stà regola xe, logicamente, i spagheti al'aio, oio e peveronzin e indove, come gò zà dito, mi ghe zonto una manciada de presemolo, (prima gavevo sbajà pensando presemolo e scrivendo basilico con tuto quel che segui par doprar in t'el modo giusto stà erba aromatica) indove che l'aio el vien tazado.

Ri-ciau e ristra-bacioni Idea Idea Idea , Lela,


Ultima modifica di Auriel il Ven Mar 20, 2009 11:33 am, modificato 1 volta in totale
MessaggioInviato: Ven Mar 20, 2009 9:31 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




A fine cottura (quando che te distudi definitivamente el fogo Surprised Surprised Mad ) te cavi fora l'aio, ma durante tuta la cotura el devi restar drento. El motivo per cui no se ghe cava la scorza xè propio quel de evitar che el vadi in panada dandoghe tropo gusto forte ala verdura. Schizar co' un piron no servi, se l'aio va doprado intiero. Volendo più gusto xè meo a quel punto doprarghene de meno (p.es. mezo spigo inveze de un intiero) e tazarlo fin, magari anca co' un fiatin de zivolaper amorbidir el gusto. (Ara che queste xè regole generali: no stago parlando dele zime...)
Po' tanto dipendi anca del tipo de aio: quel bianco (più comun) xè solitamente 'ssai più forte e pungente de quel rosso (che però se trova meno); conta anca tanto se l'aio xè fresco o suto. In ogni caso mai doprar quel in vaseto (deidratado e variamente tazà) perché el fa veramente schifo.... schifo schifo

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Mar 20, 2009 11:40 am Rispondi citando
Auriel
Ospite




Bo zorno Dan, cò la tua risposta te gà sfatado una regola cusinaria che savevo de quando gò scuminzià a cusinar, nò me sovien in che libro de rizete la gò trovada, ma là jera scrito prorprio cusì!
Comunque bon de saver che esisti 'na "scola" de tut'altro pensier: xe vero che in sto mondo no se finisi mai de imparar!

Ciau e stra-bacioni Idea Idea Idea , Lela.
Cime di rapa all'abruzzese
Indice del forum » le ricette de nonna e vostre
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 1  

  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015