TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » witz & barzellete » Questioni de "virilità" Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Questioni de "virilità"
MessaggioInviato: Gio Gen 22, 2009 6:40 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Spero che se posi contarla, se no chi de dover provederà a censurarla!

La baba la và del dotor de fameja e, co no poco imbarazo, la gà scuminzià a contarghe:
"La sa, dotor, mio marì de un fià de tempo in qua no'l xe - come ...poso dir - insoma, come prima, sesualmente parlando. Prima el jera come un "toro" co se tratava de questo e mi volerìa ch'el tornasi come prima: cosa se pol far, la me disi la prego!"
El dotor el ghe fa "siora, la se acomodi sul letin e la verzi le gambe: cusì scuminziemo dei corni!"

Ciau e stra-bacioni Idea Idea Idea , Lela.
MessaggioInviato: Gio Gen 22, 2009 7:21 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Ven Gen 23, 2009 9:45 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




'ndemo co' un'altra sul tema. Un veceto de 90 e passa ani el va del dotor. "Dotor - el fa - mi no son più come una volta... insoma, la me capissi, no? No la me poderia far una riceta per quele pirolete che ciapa tanti per iutarse un poco a far l'alzabandiera?". El dotor lo varda, ghe scampa una ridadina, e el rispondi: "La vardi, sior Pepi, quele robe va ben per quei più giovini: a lei ghe podessi far mal. Ma no la se preocupi, go mi una cura: la devi solo che magnar 'ssai pan, ma tanto, eh, me racomando. Più pan che la magna, tempo una setimana, la sarà de novo come a vinti ani".
El veceto va fora del dotor tuto contento, e drito filà el va del pek: "Voio un per de chili de pan!" - el fa. La mula drio el banco la lo varda stupìda: "Ma sior Pepi, no cussì tanto che dopo el ghe diventa duro..." "Alora diese chili: diese chili de pan, voio!!!!!"


Altre del dotor (batude lampo):

Entra un paziente. "Dotor, dotor, son vignù per le carte". El dotor: "Ma leca tu mare!!!"

Opur l'altra version
"Dotor, dotor: son vignù per le lastre." El dotor: "Ma no la podeva entrar per la porta?"

Very Happy Very Happy
Ciau

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Gen 23, 2009 12:08 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




la prima la gavevo zà sentida, ma le due veloci le xe super Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Ven Gen 23, 2009 6:55 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Anca mi, dan68, la prima la gavevo zà sentida e condivido quel che gà dito Margherita sule altre do!!! Very Happy Very Happy Very Happy

Sentì inveze queste de "velosi":

Scuola, ora di grammatica. Il maestro chiede a Pierino: "non dovrebbe essere nato" che tempo è?
Pierino: "profilattico imperfetto!"

Dalla camiciaia: "vorrei una camicia!"
"Taglia?"
No, no, la porto intera!!!

Ciau e stra-bacioni Idea Idea Idea a tuti e do, Lela.
MessaggioInviato: Lun Gen 26, 2009 10:00 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Gen 26, 2009 11:47 am Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Pierino xe sempre super.! Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Gen 26, 2009 1:00 pm Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Scena: el marì xè 'pena 'ndà fora de casa per 'ndar a lavorar. Sona la porta de casa, e la siora va verzer. La se trova davanti un mato stralunà che ghe domanda: "Siora, ma lei la gà la m**a?". La siora sera la porta de furia, pensando a un dei soliti maniaci, e tuto finissi là.
Fato sta che la roba se ripeti: la matina drio, e quela drio ancora, e 'sta baba la comincia eser un fiatin preocupada, tanto che una sera la decidi de contarghe tuto al marì: de 'sto mato che ghe sona la porta subito dopo che lu xè 'ndà via e che ghe domanda se la ga la m**a. El marì el ghe pensa un poco su e 'l fa: "Sa cossa, Marieta: doman mi fazo pulito finta de 'ndar via; inveze me scondo drio la porta: ti te ghe domandi a sto mato perché el te fa ste domande... te lo tien un poco in ciacole, insoma. E dopo ghe penso mi: te vederà che no'l vien più!".
La matina dopo, come da copion: el marì fa finta de 'ndar via e 'l se scondi. Sona la porta: solito mato stralunà. "Siora, ma lei la ga la m**a?" "Ma se pol saver cossa xè ste domande - fa la baba" "Xè perché se la la gà - rispondi l'omo - la ghe disi su' marì de doprar la sua e no quela de mia molie!"

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Lun Gen 26, 2009 5:52 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

Alora senti 'sta qua, semo sempre su'l steso tema:
Ghe xe un sicilian de Gela emigrado in Germania. El ciapa un telegrama de la molie: "Nato figghiu, venni subbeto!"
Naturalmente el mato el ciapa el primo areo utile e el se precipita a casa.
Co'l riva el trova un bel mas'ceto, 4 chili, sano: insoma proprio un bel picio! Parò ghe jera qualcosa de strano: el jera nero come un ciocolatin!
"Bedda maci, Concettina, un figghiu nero me facesti?" ghe fa el mato e la baba: "E, Rosario, tu non sai, ma quando una donna sta incinta tiene le voglie e io tenevo tanta voglia de caffè! Me toccai ed un figghiu nero ce venne!!!
"Bedda maci", ghe fa el mato, "Ora vado da mia madre e cce domando raggione, che se vero nun è, delitto d'onore faccio!"
El va de sù mama e'l ghe disi: "Mace, Concettina un figghiu nero me fece; io cce domandai raggione e lei mi disse che quando le donne stanno incinta tengono le voglie e lei teneva tanta voglia de caffè: se toccò e un figghiu nero ce venne! Possibile è?
La mama: "E Rosario: possibile, possibile! Me ricordo che quando stavo incinta de tìa tenevo tanta voglia de capretto, me toccai e tu cornuto nascesti!!!"

'Naltra, veloce veloce:

A scuola, la maestra: "Pierino, dove si fa il bagno la foca?" e Pierino: "Nel bodè, signora maestra!" "Ma Pierino" ghe fa la maestra, "non si chiama bodè!"
Pierino: "Si, signora maestra, ma non si chiama neanche foca!!!"

Ciau e stra-bacioni Idea Idea Idea , Lela.
MessaggioInviato: Lun Gen 26, 2009 7:36 pm Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Che bone! Very Happy Very Happy Very Happy
Ma dove le trovè ? Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Gen 26, 2009 7:47 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Un fià de qua e un fià de là, Margherita cara: ogni tanto bisogna anca rider se no ne po'l vignir voja de strazarse i cavei!!! Mad Mad Mad

'Ncora 'na volta ciau e stra-bacioni Idea Idea Idea , Lela.
MessaggioInviato: Mar Gen 27, 2009 10:15 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




A un sior sardo ghe nassi el fio mas'cio che tanto el bramava. Tuto contento el va al anagrafe per notarlo, e l'impiegato ghe domanda che nome el vol darghe. "Llo vvoglio chiammarre Dio" - ghe rispondi el mato tuto imborezà. Quel de l'anagrafe lo varda de soto in su e po'l ghe fa: "Me dispiasi ma no posso. La devi trovar un altro nome". El sardo comincia a incazarse: "Ma ccomme: io pposso scegliere il nomme che mmi pparre. Questo è razzismo: mi ditte questo sollo perché ssardo sonno!"
L'impiegato lo varda de novo con compasion: "No xè question de razzismo, la me credi. Mi poderia meterghe a su fio qualunque nome, ma la me credi, sior Porcu: Dio propio no!"

Ogi andemo a due, per cui ve conzo n'altra.

Xè un povero mato, un fiatin indrio co' le carte, che el vivi ala giornata, un poco de carità, un poco robando un per de monade in giro. Una volta i lo trapa che el zerca de fregar una bicicleta e i lo manda in canon.
Qua el vien meso subito a far dei lavori nela falegnameria dela preson, perché el se impari un mestier; un giorno, de boto, el se incanta a vardar un pupolo sul muro: "Chi xè quel?" - ghe domanda a un che iera là drento. "Ma come chi xè?! Xè San Giusepe, el pare putativo de Gesù Cristo, che xè patrono dei falegnami, no?" "Ahn." - rispondi l'omo.
Quando che el va fora de preson, sentindo zerti stimoli che lo richiama, el va in casin. Anca là, de colpo el se incanta a vardar un pupolo sul muro: "Chi xè quela?" - el domanda. "Ma come chi xè?!? Xè la Madona, la mama de Gesù Cristo." "Ahn!"
Dopo qualche giorno, el nostro mato el xè drento una cesa per zercar che qualchedun ghe fazzi la carità. Pasa el nonzolo, lo vedi incantà a vardar el crocifisso e sicome che el gà de serar la cesa, el ghe va vizin per dirghe. L'omo inveze ghe domanda: "Ma chi xè quel?". "Ma come chi xè quel?!? - ghe fa el nonzolo scandalizà - Xè Nostro Signor Gesù Cristo, fio de la Madona e de San Giusepe, che xè morto in crose per noi". "Ostia dio! - ziga l'omo tuto infotà - Che familia disgraziada, ara: el pare in canon, la mare in casin e el fio in crose!!"

Me scuso se qualchedun pol sentirse ofeso de questa ultima: no xè intenzionale.

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Gen 27, 2009 11:35 am Rispondi citando
margherita
Registrato: 25/12/05 19:43
Messaggi: 3072
Località: Trieste




Te me gà fato vignir le lagrime de tanto rider..........andè avanti cussì , ghe vol in sto periodo de stanca.! Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
Nessuno diventa sapiente per puro caso (Seneca)
Profilo Trova tutti i messaggi di margherita Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mar Gen 27, 2009 4:01 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Troopo bone!!!, dan68 Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy , mi ogi "no son in vena" come che diseva quel globulo roso in te la proveta, dopo un prelievo de sangue, ma isteso una ve la vojo contar, la xe un fìa datada, ma forsi no la gaverè 'ncora sentida:

La baba la xe in tel leto insema a l'amante co'l marì torna a casa al'improviso e el sona el campanel! Sta qua la ghe dixi al mato de sconderse (pensè un fià dove? No xe proprio el masimo) in tel armeron e, de corsa, nuda come che la se trova, la va a verzerghe la porta.
El marì ghe fà: "Ma come, Filomena, nuda te vien a verzer la porta? E se fusi stado qualchedun altro inveze che mi?".
La baba la ghe rispondi frignando che no la gà gnente de meterse 'doso. "Ma come no te gà gnente de meterte 'doso" ghe dixi el mato, verzendo intanto l'armeron "Vara qua, uno gialo, uno roso, uno viola, n'altro verde, ciau Mario, uno maron ....!"

Ciau, ale prosime e stra-bacioni Idea Idea Idea a tuti, Lela.
MessaggioInviato: Mer Gen 28, 2009 10:55 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Un poverò disgrazià ghe va talmente mal tute, che, come ultima spiagia, el va in t'una cesa, el se meti soto el crocifisso e el taca pregar. Tutintun sto crocifisso (ma de quei grandi e pesanti, savè, de rovere) vien zò, ghe casca 'dosso al mato, che i lo ricovera per dò mesi in ospedal con tuti i ossi roti.
Pena che i lo mola fora, el va in t'un negozio de articoli religiosi: "Signora - ghe disi ala comesa - La me daghi tuti i crocifissi che la gà, per piazer". "Ma perché, coss'la gà de far con lori?" "No la se staghi intrigar: mi ghe li pago e el resto xè afari mii". Insoma el paga e el va fora del negozio con una mazo de crocifissi compagno. In strada, el se senta su un canton, el tira fora un martel, e el comincia a spacarghe gambe e brazi a sti crocifissi. Passa una veceta: "Ma cossa, no la se vergogna?! No la sa che xè sacrilegio far 'ste robe??!". L'omo la varda calmo e el rispondi: "Eh, siora mia, la parla ben lei... Ma bisogna impararghe la creanza de pici, perché co' i xè grandi i fa mal!!"
Ciau

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
Questioni de "virilità"
Indice del forum » witz & barzellete
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 3  
Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015