TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » poesia e prosa triestina » Prosa: o mejo qualche anedoto dela mia "gioventù" Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Prosa: o mejo qualche anedoto dela mia "gioventù"
MessaggioInviato: Mar Gen 20, 2009 6:39 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Nel vecio forum, come che gò spiegado nel precedente post, gavevo scuminzià co 'sta solfa. 'Deso me xe rimasta solo la IV puntata e ve la riporto:


“El Paesetto de Via Udine”

Mia mama la gaveva anca ela i sui “vizieti”, uno jera i spagnoleti e l’altro el “Grand Hotel” (la rivista intendo), alora, tute le matine la me mandava in “apalto”, quel che jera proprio prima de rivar in Campo Belvedere, a comprarghe cinque spagnoleti (no son sicura de la marca, ma me par che se tratasi dele “Aurora”, quele che le aveva el pacheto color maronzin con disegnà sora un galo che canta) e, ‘na volta par setimana, anca el “Grandotel”: quela volta vegnivo fora presto de casa par poderlo leger velocemente (o almeno i fotoromanzi a puntade che me interesava de più) prima de tornar a casa, per dopo ‘ndar a scola.
Altro “vizieto” che me fazeva ‘sai contenta, jera quel (co’l dopopranzo la se meteva a stirar in cusina e mi, par qualche ragion, no podevo ‘ndar in Ricreatorio) de mandarme a comprar do “Moretti” che jera in pratica i gelati col steco ricoverti de ciocolata. Alora come un fulmine, corevo zo per la riva che jera di fronte al mio porton de Via Udine (el primo toco l’incrosava la via Bocaccio e el secondo el jera vietado ale machine parché el gaveva impiantade davanti dele colonete e el jera de fianco - dala parte destra, ‘ndando in zo - dela vecia Stazion, dove che dentro i gaveva fato abitazioni, no so se per ferovieri o cosa), par rivar in Viale Miramare, dove de Zampolli ‘ndavo a comprar sti “Moretti” che i costava 30 Lire l’uno, solo che no resistevo a spetar de tornar fino a casa per magnar el mio, cussì quel de mia mama el rivava squaià e ela no la lo voleva più e me lo sbafavo mi anca quel!
Altro vizio de mia mama, jera quel de voler a tuti i costi farme i rizi e mi, che gavevo in alora i cavei driti come spaghi, me ritrovavo ogni tanto, a ‘ndar a scola con sula fronte ‘na spece de nido de vespe che ‘sai fazeva rider le mie compagne e ‘sai el me fazeva vergognar a mi, che per tentar de lisarlo in qualche maniera fazevo “peso el tacon che el buso” e rivavo a scola che parevo un spaventapaseri. Più de ‘na volta par sto motivo, rivavo tardi e trovavo el porton serà e alora restavo de fora e tornavo a casa al’inzirca a l’ora che finiva la scola: el pezo jera, naturalmente, el zorno dopo co tornavo a scola e no gavevo la giustificazion. Una de ste volte, me go trovado serada fora del porton insema a una mia compagna de clase che la abitava in via Bocaccio, proprio di fronte ala lateria ‘ndove che ‘ndavimo a comprar el late (41 Lire mezo litro e 82 Lire par un litro de late in fiasca, col tapo de aluminio blu). Quel zorno se gavemo rifugiado in casa de 'sta mia compagna de scola, parché su mama no la ghe jera, visto che la lavorava. La fameia de sta mia compagna (la se ciamava Cristina) jera una dele poche che in alora i gaveva el telefono in casa (quel nero, tacà sul muro) e cosa gavemo ben pensado de far per pasar el tempo? Gavemo zercado sula guida del telefono qualche numero de pasticerie qua e là par la zità, ordinando (cercando, naturalmente, de imitar ‘na vose de adulta) paste, torte, ecc, per ipotetiche feste de compleano e de recapitar in casa de altre nostre compagne de clase! No ve conto el bordel che xe saltà fora: ve lo laso imaginar! Comunque, el zorno drio, iera ste mulete che in clase le contava che in casa rivava ste guantiere de paste e/o torte e tuto quel che le loro mame le gaveva dito, tipo “Ma la vardi che mi no go ordinà gnente e gnente no pago, se la vol lasar isteso, la lasi pur”; opur le ritirava la roba e col fatorin jera ‘ndado via le sbotava: “Sarà sta sicuro quel m**a de tu pare a combinar sto c***n! Ieri sera co’l xe tornà el me pareva un fià su de giri!” e via ‘ndare. Anca quela volta xe rivada la biava par le lipe, ma par le ridade che se gavemo fato mi e Cristina le jera più che meritade!

Ciau e stra-bacioni Idea Idea Idea a tuti, Lela.
MessaggioInviato: Mar Gen 20, 2009 6:59 pm Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




El ritorno dei "paeseti...."

Brava Lela! Cominciemo a riportar vita a sto benedeto forum, che dovesi eser più che cronologie su piere, busi, piaze e cantoni.

Grazie, Lele! Ben scrito e sopratuto avdamente leto.

Orso Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mar Gen 20, 2009 7:02 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




'Deso voio meter 'ncora un anedoto dela mia gioventù, questo sucedeva in Via Pascoli 32 (legi E.C.A.) e no'l me gà fato rider proprio par gnente!

“El Paesetto de Via Pascoli”
‘Co jerimo putei’

Tante, tante robe me vien in amente, quando penso ai tre ani pasai all”Educandato Femminile” de Via Pascoli, 32!
Par esempio, el zorno che, dopo che mio fradel jera tornà dela colonia e mi de ‘na vacanza nel paese nativo de mia mama, nel fratempo che i miei genitori i se separava (sempre de fato, parché no’i ga mai fato la separazion legale e jera l’istà del 1962, quando che i parlava – no so parché – dela fine del mondo, che la pareva gavesi dovudo rivar proprio in quel’istà) al primo de ottobre, mia mama e mio papà i ne ga portado, apunto, al’E.C.A., prima a parlar con quele che, ogi, riconoso come “Assistenti Sociali”.
Me ricordo che mi pianzevo, no volevo restar là, e mio papà pianzeva con mi, ma comunque ala fine el gà dovudo ceder, parché né lù, né mia mama i gaveva un posto de ciamar “casa”, indove tegnirne.
Jera pena pasada l’ora de pranzo, quando che i gà definido tute le “pratiche” e, dopo gaver saludà mio fradel, che l’andava de la parte dei mas’ci, e gaverme compagnado in guardaroba e gaverme “spojada” dei miei vestidi “civili” e gaverme dado la “divisa de casa” (‘na spece de traverson) del’Istituto, oltre ala biancheria e tuto el resto e, gaverme asegnado al 2° Gruppo (ghe jera tre Gruppi: el 1°, quel dele più pice; el 2°, par quele che no jera “né carne, né pese” e e l 3° par le più grandi).
El 2° Gruppo, aveva come “Assistenti” (ciamade in gergo eca “sine” al posto de “signorine”) la “sina Schwarz” e la “sina Grego”.
Giuro che no me ricordo chi jera de turno el zorno che son entrada all’E.C.A., comunque, dopo la “vestizion” e dopo gaverme fato veder quel che sarìa stado el mio leto nela camerata e el “bagno asegnado al grupo, (che el consisteva in un lavandin de fero longo, longo con ‘na ventina de rubinetti, o meio, de spine de oton), i me ga menado zò, al piano tera. Dove che a un zerto punto del coridoio (pasada la deviazion che portava al soggiorno dei veceti) se trovava un picio cortileto interno e ‘ndove ghe jera tante mulete che zogava, la magior parte a saltar la corda: cioè, do mulete tegniva ‘na corda pitosto longa e la fazeva girar in una zerta maniera e altre, a turno, le entrava con la corda che za la girava e le doveva saltar in maniera ogni volta più complicada. Tipo far pasar la corda do volte soto i pìe prima de tocar partera, opur, saltar prima con un pìe e po con l’altro e cusì via.
Sto qua xe quel che me ricordo del primo zorno de “colegio”, ma ghe jera ‘na roba che proprio no podevo soportar: par curar i veceti del’Ospizio aneso e par l’Infermeria dei fioi, ghe jera le monighe: tuto ben co se finiva in Infermeria, mejo ancora se in isolamento par qualche malatia infetiva de fioi, parché se magnava ‘sai mejo, ma cari mii, savesi vù che suplizio co’ i te ficava nel coro dela Cesa con tute le prove de canti sacri con l’organo, par no parlar de co’ jera festa, spece a Pasqua, con la via Crucis e tuto el resto: ore e ore in pìe, pareva che ste cerimonie sacre no le gavesi dovudo finir più e, più de 'na volta, qualchduna de nualtre ogni tanto la finiva par indormenzarse in pìe, co'l relativo, suseguente ribalton partera e gran fracaso e con tute le monighe che le vardava par sora con quel far de dir “Deso Dio te castigherà!”

Bon, par ‘deso basta! Ri-ciau e ri-stra-bacioni Idea Idea Idea a tuti, Lela.
[/i]
MessaggioInviato: Gio Gen 22, 2009 4:53 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad Va ben: forsi gò esagerà un fiàtin con i ringraziamenti, ma te ringrazio par vero mio caro Orso, come che gavevo dito prima (nel topic dela linea feroviaria dei "Santi"), pensavo de eser diventada invisibile visto che ti te se lamentavi che nisun postava e inveze mi lo gavevo fato, ma nisun me gaveva leto (almen cusì par) e tanto meno gaveva fato un comento!
Ciau e stra-bacioni Idea Idea Idea anche a Orseta e ai altri componenti dela fameja: bipedi o quadrupedi (al can sul tartufon, naturalmente) che i sia! Lela.

PS: ma quela de "Via Pascoli" no te la gà leta?
MessaggioInviato: Gio Gen 22, 2009 6:05 pm Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Me ricordo dei muli che vegniva a scola vestidi de quele giache e braghe grigio/blu. Me ricordo anche che el resto dei fioi li evitava, e sti qua i gaveva la tendenza de formar grupi de lori, dove che i altri fioi jera esclusi.

E dopo i disi che la toga no la fa el frate.

Me piasi tanto ste vignete de storia triestina visuda da noi, Lela. Anche se no semo tuti personagi ala pari de Giani Lagrima, Tiberio Mitri o James Joyce etc., semo sempre triestini, parte dela vita dela nostra cità.

Orso

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Gio Gen 22, 2009 6:25 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Te gà ragion Orso, ma jera "na toga" 'sai difizile de portar, credime: quanto son stada discriminada par questo, no te gà la minima idea e, penso, che par mio fradel sia stado isteso.
A parte le robe brute, gò anca qualche ricordo simpatico del periodo pasà al'E.C.A., monade e scherzi vari che i ne costava cari ("permesi" - legi "libere uside" - e "visite dei parenti" anulade a tuto spiano), che me riprometo de riportar presto in 'sto forum.

Ri-ri-ciau e ri-ri-stra-bacioni Idea Idea Idea , Lela.
MessaggioInviato: Lun Gen 26, 2009 7:37 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




"El Paeseto de Via Pascoli"
(prima parte)

Gò zà contà cosa che jera par mi el "Paeseto" in quistion e, stavolta, vojo contarve de quando son scampada de quela "prison".
Alora, ai mii tempi (soto Marco Caco) ghe jera tre tipi de scole secondarie, sia par mas'ci che par femine. La magior parte dele mulete le 'ndava ale industriali e le jera compagnade dela "sina" de turno, una la frequentava el liceo e mi e altre due mulete che frequentavimo le "commerciali" parchè dale elementari ierimo uside con boni voti nele materie che serviva par frequentar quel tipo de "secondarie", 'ndavimo a scola sole, senza 'compagnamento. Le "commerciali" a quel tempo le jera in Via Ruggero Manna, proprio 'ndove che gavevo frequentado le elementari visto che la via in question la xe 'na traversa dela Via Udine, 'ndove che son nata. Bon, mia mama - co'l suo omo e mio fradel che nel fratempo el gaveva finido le industriali (l'andava ala "Bergamas") e, alora, el gavesi dovudo eser trasferì ala "Casa del Giovane" o, apunto, tornar a casa - la abitava in Salita de Greta, 15 che no jera tanto lontan.
Me ricordo che el giorno che son scampada dal'E.C.A. jero 'ndada a trovarla parchè la gaveva la broncopolmonite e la jera casa de'l lavor. Dovè saver che gavevo 30 minuti par tornar a pìe in "colegio" dal orario del termine del lezioni, se no jera caligo. Naturalmente, 'ndando a trovar mia mama e anche se ela la me dava le zinquanta lire per ciapar la filovia (el 5) ala fermada sul canton di fronte ai "Volti" de Rojan e smontavo proprio davanti l'E.C.A., rivavo comunque in ritardo sula tabela de marcia fisada: e cusì xe stà anca quela volta e, come al solito son stada castigada del permeso (oramai gavesi dovudo star 3 mesi senza 'ndar a casa e 2 senza "visite") e, 'sta qua xe stada la "gocia che gà fato trabocar el vaso"!
Iera un lunedì (me lo ricordo parchè par television i fazeva "TV 7", l'unico programa che i ne lasava vardar, le altre volte: in leto dopo el "Carosello" come da manual) e jera la note tra l'ultimo de novembre e el primo de dicembre del '64 e i stava butando i fondamenti par el novo edificio del "Educandato femminile" in Via Conti.
Ciapada la decision de scampar, me gò preparado de indosar (pulito, pulito) i mejo vestiti che gavevimo a partir dala bianaria e finindo col mejo capoto e le più bele scarpe. A quel tempo jero nel "3° Gruppo" - quel dele più grandi - dormivimo al 2° pian e la camerada (composta da 'na bona trentina de leti - se no de più - e due "celle" - praticamente se tratava de do cantoni: un de la parte più lontana de la porta e quel'altro di fronte, de la parte più vizina al'usida, riparadi da do spece de linzioi tacadi su tubi de metal, co dentro un leto e un comodin indove che dormiva le "sine" de turno); el mio leto el jera tacà ala seconda "cella" e, quela note jera de turno la "sina Bianzani" (che la vigniva, oramai, solo a far sostituzioni parchè lajera zà in pension) e la dormiva de quel'altra parte dela camerata per cui xe sta zà 'na impresa ardua 'ndar a cior le ciave del "canceleto" (che jera la porta che dava sule scale) tignude dentro el caseto del comodin: gò dovudo pasar da un leto a l'altro dele mie compagne (che le saveva zà cosa che gavevo intenzion de far) parchè el pavimento fato de "assi" el scrichiolava, comunque xe stà più fazile de quel che pensavo parchè la "sina Bianzani" la rusava de bruto e cusì la prima parte jera fata. Gò verto el "canceleto" e son 'ndada fino al piano tera e là ghe jera 'naltra parte difizile de superar, parchè par entrar nel "salon" indove che solito stava i veceti del'ospizio. dovevo pasar davanti un punto indove che el guardian de note - sistemado vizin l'entrata de Via Pascoli - el me podeva catar. Gò superado anca questo e son rivada nel cortil indove che ghe jera la cusina e, vizin el cantier pe'l novo edificio. Sto qua el jera tuto un plòc e zircondado de traverse de legno, cusì gò dovudo rampigarme su ste traverse. Jera al'inzirca mesanote e ogni tanto pasava qualche machina e chi la menava cucava fora, verso de mi, ma nisun no se gà fermado. Rivada sul marciapìe de Via Conti, me go incaninado verso casa: ghe gò impiegado do bone ore, parchè ogni volta che intravedevo qualchedun sul marciapìe traversavo la strada (parchè gavevo paura, non esendo mai stada prima in giro a quel'ora de note da sola) radopiando, cusì, el percorso. Finalmente son rivada in Salita de Greta e, dopo un fià che batevo la porta e che nisun me vegniva a verzer, me gò sentado sul scalin, fina che l'omo de mia mama, dovendo 'ndar in ceso (che, come gò zà dito, el jera in corte) no'l me gà trovado.
L'indomani matina mia mama, naturalmente dopo gaverme zigado e imbiavado par quel che gavevo combinà, la xe 'ndada dal beker vizin de casa a telefonar al'E.C.A. disendoghe che jero a casa.
Xe rivada, a sto punto, 'na "Assistente Sociale" che la ghe gà dito a mia mama che, se gavesi promeso de no scampar più, i me gavesi riciolto, ma mi che savevo che prometendo 'na roba del genere sarìa stada confinada (a parte la scola e anca là compagnada) in colegio fino a quando no sarìa vegnudo el momento de tornar a casa par sempre, ghe go dito che sarìa scampada de novo e cusì no'i me gà voludo più!

Par 'deso basta, son stanca, a domani la seconda parte, (che par conto mio la xe la più divertente, ma la dimostra anca la "picoleza" de quei che comandava là dentro.

Ciau e stra-bacioni Idea Idea Idea a tuti, Lela.
Ciau e
MessaggioInviato: Mar Gen 27, 2009 5:10 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




"El Paeseto de Via Pascoli"
(seconda parte)

Dunque, 'ndove jero rivada? Ah si, a quando che "l'Assistente Sociale" la ghe gà dito a mia mama che no i me gavesi più ciolto in quela spece de "preson".
El giorno drio mia mama la me gà portado al'E.C.A. per sbrigar le varie formalità del caso. Intanto che ela la fazeva sto qua, mi gò parlado con le mie "compagne de sventura" e, lore, le me gà contado cosa che jera suceso la matina quando che la "sina Bianzani" la se gaveva inacorto che jero scampada. Prima de tuto - le me gà contà - la gà scoverto el leto, gnanca che gavesi podudo eser sconta soto dele coverte (va ben ch'el magnar el fazeva pitosto ...... par farve un esempio: ogi se magnava pastasuta - rigatoni, penne o altra pasta curta - e l'indomani el "menù" consisteva, a pranzo, in "pasta al forno". Bon volè saver come che vigniva fata sta "pasta al forno"? Lo gò visto co'i mii oci 'na setimana che jero de turno par 'ndar a cior el carel dela boba in cusina: ghe jera enormi pignatoni e là drento i pestava par ben la pastasuta vanzada el giorno prima e pò, co la jera ben ben diventada un maton tuto coloso, i lo tajava in retangoli, ma comunque qualcosa se jera costreti a magnar se no se voleva morir de fame e podarè imaginarve la fame che se podedeva gaver a quel'età), anca se el leto el jera piato e. metendose la man sui finchi la gà dito "Mi volaria saver con che permeso la xe scampada!" e, sta qua xe 'na granda dimostrazion del'inteligenza de qualcheduna dele "sine" che gavevimo là!
Nel fratempo mia mama gaveva finido de far quel che la doveva e, a sto punto, xe vegnuda fora la "pocheza" de zerte "Istituzioni Benefiche": i me gà fato spojar de tuti i vestidi (ve ricordè che ve gò contado che mi, par scampar, gavevo sielto i più novi e bei) e i me gàmandado fora al 2 de dizembre con indoso solo che un par de mudande, 'na sotoveste de coton, un par de scarpe tute scalcagnade, senza calze e con quel brutisimo "capoto griso" (che se riconoseva tre ore lontan de 'ndove ch'el rivava), tanto che mia mama la gà dovudo "postegiarme" in un bar difronte al'Istituto par poder 'ndar a comprame qualcosa de meter indoso - roba che gò podudo far in tel c...o del bar. E no xe miga finida qua, machè, no i gà voludo darme gnanca i libri de scola parchè, naturalmente, i li gaveva compradi lori; cusì (visto che mia mama no la gaveva i schei per rimpiazarli) gò dovudo far - se pol dir tuta, visto che jera 'pena dezembre - la III Avviamento Commerciale, senza libri e meno mal che i profesori xe stadi boni con mi, lasandome studiar la lezion dela materia del momento par almeno un vinti minuti prima de scuminziar co' la nova e, intanto, le mie compagne de scola le se fazeva un "ripasin".

Ciau e stra-bacioni Idea Idea Idea a tuti, Lela.
MessaggioInviato: Mer Gen 28, 2009 10:37 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Xè una storia triste, Lela, epur la gà quel "gusto" dele storie visude. Po' sembra una roba sucesa chissà quanti ani fa, e inveze, in fondo, se parla dei ani '60, che fa pensar quanto indrio fussi rimaste zerte istituzioni.
Tra l'altro go scoverto che gavemo fato le stese scole: anca mi go fato le elementari in via Manna e le medie in via S.Anastasio (che po' xè el steso edificio...).
Ciau e continua cussì...

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Gen 28, 2009 4:45 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Senz'altroi tempi no jera alegri, ma se no' altro jero zovine!!! Arrow Arrow Arrow Zerchemo de veder el bicer "mezo pien" pitosto che "mezo svodo"!
par quanto riguarda la frequentazion de le stese scole, magari se gavemo anca incontrà Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes , tuto pol eser: tuto sta a veder se i tempi combacia!!! Mad Mad Mad

Ri-ciau e ri-stra-bacioni Idea Idea Idea , Lela.
MessaggioInviato: Mer Gen 28, 2009 5:57 pm Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Mah, penso che sia difizile, se no gò fato mal i calcoli dei pochi indizi temporali che te gà dado nele tue rievocazioni. E se se gavemo incrosado xè stà propio de sbris: mi son dela "clase de fero " del 1968 (come che disi anca el mio nickname). De ti, per cavaleria, no voio saver: fate pur i tui calcoli e traine le conclusioni... Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Gen 28, 2009 6:23 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




Che pecà: tropo zovine par mi, anca (se oramai da vinti ani: 4 stando insema e 16 de sposadi) el mio maritino el xe del '63!!! Dacordo, lo riconoso, par mantignimer ala "sua alteza" me devo meter in te'l freezer ogni tanto par conservarme mejo Embarassed Embarassed Embarassed Embarassed Embarassed .
Comunque gò isteso un vantagio su de ti: mi el '68 lo gò podudo "proprio viver!!!"

Vara, te me gà fato 'ndar un fià "zò de bala", ma te mando isteso stra-bacioni supersonici (intendo de quei co' la sc'ioca) Idea Idea Idea , Lela.
Post subject
MessaggioInviato: Gio Gen 29, 2009 5:12 am Rispondi citando
Colin Cesare Colussi
Registrato: 28/12/05 22:32
Messaggi: 483
Località: Frankston Vic. Australia




Lela te ga avu' un'infanzia e un'adolescenza grama, che forsi mi poso capir perche nel mio caso la vita no xe stada uguale ma forsi parallela ala tua. Te ammiro perche penso che ghe vol un certo coraggio per discuterlo in publico. Mi go sempre cercado de sconder la mia miseria seben no poso mai dimenticarla. Forsi el nostro passato xe la ragion che ne ga sperona' a superar l'anbiente e moverne verso migliori orizonti. Auguri
ciao Coce Very Happy

_________________
La Vita

piu' che la pendi

piu' la rendi
Profilo Trova tutti i messaggi di Colin Cesare Colussi Messaggio privato Indirizzo AIM
MessaggioInviato: Gio Gen 29, 2009 6:04 am Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Trovo sempre una ragion de otimismo anche co' se ga pasado i più bruti momenti dela vita. Bruti che i sia stadi, oramai i xe pasadi, e con quel pasagio li gavemo superadi. Intanto rivemo fora che semo dieci volte più forti de quanto che jerimo prima dele sventure o contratempi subidi.

Sempro el mento avanti, Lela! Son fiero de ti!

Orso

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Gio Gen 29, 2009 9:28 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




HECHTGRAZIELLA ha scritto:
Vara, te me gà fato 'ndar un fià "zò de bala", ma te mando isteso stra-bacioni supersonici (intendo de quei co' la sc'ioca) Idea Idea Idea , Lela.


E perché? Sa come che se disi: el solo modo de no inveciar xè de morir giovini. E secondo mi el prezo xè tropo alto... Basta acetar che el tempo passa, con serenità,e po' (anca se poderia eser una banalità) l'importante xè ala fine i ani che un se senti drento. Xè tanta gente anca più giovine de mi, che i xè veci come otanteni, de mentalità...
Sempre in gamba e mai daùr, me racomando!

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
Prosa: o mejo qualche anedoto dela mia "gioventù"
Indice del forum » poesia e prosa triestina
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 4  
Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015