TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » triestini famosi » BRONZI e el CONTROCABARET TRIESTINO
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
BRONZI e el CONTROCABARET TRIESTINO
MessaggioInviato: Gio Dic 27, 2007 9:47 am Rispondi citando
Durano e Lodina
Registrato: 09/09/06 10:34
Messaggi: 665
Località: Italia




Me xè sta dada una rivista del Controcabaret Triestino del 1979 quando Bronzi iera in piena,
e sto "documento" me xè stado dado da uno del gruppo, un mio caro amico.
Intanto metto qualcossa, se ve interessa domandè che posso metter anche tutta la rivista.
La go tirada zo tutta col scanner, a parte la pubblicità, se ghe interessa a qualchedun anche quela feme un segnal de fumo,
bye

Profilo Trova tutti i messaggi di Durano e Lodina Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Sab Feb 16, 2008 12:51 pm Rispondi citando
Durano e Lodina
Registrato: 09/09/06 10:34
Messaggi: 665
Località: Italia




Ultimamente se vedi tante visite, ma niente risposte... poca voia de scriver?
Bye
Profilo Trova tutti i messaggi di Durano e Lodina Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Sab Feb 16, 2008 5:22 pm Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




La sua cancon, "E..qqqundo cc..cc..ccc..cannto no-n-no t=y=yartajo!" la go ancora n format caseta, propio de quei temi la. Ogni volta che la sento devo rider anche se la go sentida za cento volte.

Orso Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
ancora Bronzi
MessaggioInviato: Mar Mar 04, 2008 12:59 pm Rispondi citando
Durano e Lodina
Registrato: 09/09/06 10:34
Messaggi: 665
Località: Italia




Vedo con piazer che a qualchedun ghe interessa, gavemo appassionadi, ma allora avanti, ve meto anche tutto el libreto...

bye

Profilo Trova tutti i messaggi di Durano e Lodina Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Lun Mar 09, 2009 7:36 am Rispondi citando
giacomin
Tutor
Registrato: 12/10/05 08:20
Messaggi: 1561
Località: Trieste




Morto a 70 anni il cabarettista Luciano Bronzi
Stroncato da una crisi cardiaca. Da ex autista Act a comico che non risparmiava la politica
Aveva fondato il gruppo degli Osimanti. Ha inciso una ventina di cassette



«Son ancora qua, sono sempre vivo» aveva detto con ironia dieci anni fa agli amici Luciano Bronzi, quando un articolo di questo giornale aveva annunciato la sua morte con un classico «coccodrillo». Il morto in quella occasione era un altro Luciano Bronzi e il comico-cabarettista, già autista dell’Act, l’aveva presa con grande spirito e aveva creato sulla falsariga di questo errore una delle tante, irresistibili gag che hanno contrassegnato la sua carriera. Non è da tutti leggere in anticipo il proprio necrologio e molto pochi - di questi tempi - sono in grado di scherzarvi sopra. Lui lo aveva fatto.
Ieri mattina, invece, Luciano Bronzi è morto per davvero all’ospedale di Cattinara, stroncato dall’ennesima crisi cardiaca ereditata dall’infarto che lo aveva colpito nel 2005. Era nato nel 1939 a San Giovanni Valdarno, provincia di Arezzo e a novembre avrebbe compiuto i 70 anni. Suo padre Dino era un raffinato cabarettista, nonché apprezzato autore di numerosi stornelli. Anche suo figlio si chiama Dino, e come ha detto ieri «mi sarebbe piaciuto seguire l’attività di papà, ma di fronte alla sua travolgente comicità, ho preferito soprassedere. Troppo bravo».
Luciano Bronzi lo spettacolo lo aveva nel sangue e nella sua lunga carriera si era esibito su Italia Uno, su Canale 5, al Derby di Milano ora divenuto Zelig, al teatro Cristallo e tra i gli italiani d’Australia. Ma anche in night club dove bisognava indossare lo smoking, a feste private, a matrimoni così come nelle osterie e nelle pizzerie di periferia dove ci si esibisce in maniche di camicia, accompagnati da una chitarra, da una fisarmonica e dal calore delle persone che ti vogliono bene e ti apprezzano.
Le sue prime gags le aveva tratte dai discorsi e dagli atteggiamenti dei frequentatori dei bus. Lui guidava i mezzi dell’Act nel pieno del traffico e intanto ascoltava, guardava, memorizzava tic, frasi, discorsi. Nacquero cassette formidabili: «El tranvier», «Ma che tettone che gaveva Marisa», «Xe un marangon e altri mestieri».
Era l’epoca del trattato di Osimo; Trieste una volta in più si era divisa in due fazioni contrapposte. Lui aveva fondato gli «Osimanti», un gruppo che si esibiva sotto la sigla del Controcabaret triestino non solo nei locali ma anche nelle prime radio private che allora si chiamavano «libere».
Del suo lavoro oggi rimangono sul mercato una ventina di «cassette» e una serie di fascicoli poi riuniti nel volume dal titolo «A Trieste se ridi cussì». Ma la vera memoria di Luciano Bronzi è quella che lui è riuscito a trapiantare nei cuori di tanti triestini: scherzava sugli sfratti, sulla rivalità di campanile tra la nostra città e Udine, sui mestieri strani, sul sesso, sull’ecologia ma anche sulla politica. Molto di quanto lui ha detto accompagnato prima dalla chitarra di Mario Orlando, poi da quella di Walter Bolton, oggi non sarebbe più giudicato «politicamente corretto». Forse sarebbe anche velatamente censurato o rimosso in silenzio dal copione televisivo come accadeva molti anni fa agli spettacoli di Angelo Cecchelin.
«Lui ha fatto molta satira politica e spesso ha avuto anche dei guai», aveva detto Luciano Bronzi in una intervista del 1992. «È successo pure a me perché amo andare controcorrente e prendere di mira un po’ tutti. Ma non credo che la satira possa cambiare le cose. Forse aiuta la gente a diventare più critica. Trieste ha tanta voglia di ridere ma non sempre riesce a esprimersi. Qui la gente è triste dentro...» (c.e.)

_________________
Tutto passa.....meno el bus che te speti
Profilo Trova tutti i messaggi di giacomin Messaggio privato Invia email HomePage
MessaggioInviato: Lun Mar 09, 2009 12:28 pm Rispondi citando
Auriel
Ospite




ORCA PIPA ROTA!!! giacomin. che bruta notizia te ne gà dado, almeno par mi, parchè me son resa conto che no tuti i triestini stimava Luciano Bronzi!
Un picio anedoto: nel 1988, cò gò conosudo el mio atuale marì, gavendo diverse casete in casa dele serate cabaretistiche de Luciano, pasavimo ore al telefono (a quel tempo no se pagava 'ncora el telefono a seconda dei minuti de coversazion, con un scato - logicamente dala stesa zità - se podeva star al telefono quanto tempo che se voleva): mi a farghele scoltar e lù a rider come un mato. Xe stade quele le prime "lezioni de triestin" de mio marì che el se gà inamorà de Trieste e dela sua zente dala prima volta che la gà vista e, anca el suo sogno - come el mio, xe quel de un zorno poder 'ndar a viver (par mi tornar a viver) a Trieste.
Ri-orca pipa rota, me stavo desmentegando de dir che la canzon "mi no tartajo" gò sempre pensà che la fusi de Pilade, parché gò 'na caseta 'ncora più vecia de quele de Bronzi, indove che la canta lù.

Ciau giacomin e stra-bacioni Idea Idea Idea , Lela.

PS: scusa giacomin, prima me gò desmentegado de dimandarte se te gà trovado el tempo e la voia de leger l'ultima spatafiada che te gò inviado.
BRONZI e el CONTROCABARET TRIESTINO
Indice del forum » triestini famosi
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 1  

  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015