TRIESTE FORUM
login.php profile.php?mode=register faq.php memberlist.php search.php http://trieste.forumer.it

Indice del forum » Storia de trieste » Parlando de Ocupazion. Vai a pagina 1, 2  Successivo
Nuovo Topic  Rispondi Precedente :: Successivo 
Parlando de Ocupazion.
MessaggioInviato: Sab Feb 10, 2007 7:31 pm Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Legendo i vari post sui palazi de Trieste go trovado una parola che merita un chiarimento o due.

http://trieste.forumer.it/posting.php?mode=reply&t=240

Citazione:
Co trovo el libro giusto lo metto per ben, ma de quel che me ricordo iera qualcosa che gaveva a che far con l'occupazion austriaca esimboleggiava el controllo de un paese su un altro.
Me dispiasi de non esser più preciso ma logo letto sai tempo fà.


Mi gavaria un problemin con la scelta del termine OCUPAZION.

A 67 ani pasadi, go ancora un vivisimo ricordo ben mio nono e mia nona e dei loro più o meno coetanei, tanti de lori nativi del 1865 in su. Una volta no gavevimo la television e la radio?... ben se la scoltava per el notiziario, ma pasado quel pasada la paura. El pasatempo jera la ciacolada e i veci de quela volta, come i veci de ogi se se ghe da corda e se li lasa parlar, ghe piaseva sai ricordarse dela gioventù e de come se viveva "una volta." Xe gente che me ga educado; gente che ga meso le fondamenta, per cusì dir de chi che son mi ogi. No li go conosù solo da bambin, ma fin al'età de dicianove ani, nel 1958, co son andà via de Trieste e del'Italia. Co' i parlava de Trieste e del'Istria (quela volta pareria che jera poca diferenza tra l'una e l'altra region) e i ne contava de quando che sia lori che i loro genitori (i nostri bisnoni) jera giovani, i viveva senza nesun dubio de cos'che rapresentava l'Austria per lori. L'Austria jera la madrepatria; lori i jera Triestini i Istriani si, ma tirade tute le carte anche Austriaci. I parlava italian opur sloven e tanti, come mio nono, sia l'un che l'altro e anche el tedesco, la tera, i posti gaveva nomi slavi o italiani, ma Trieste e l'Istria per lori jera l'Austria, nisun sogno gnanche lontan de sentirse OCUPADI o de voler l'Italia. I unici che andava in giro sgolando le virtù dela cosideta madrepatria taliana jera quei de morti de fame e i loro fii del sud che li gavevimo acomodadi a brazi verti, tipico del mostro spirito generoso. Un mucio de Baresi che, se no me sbalio i gaveva introdoto perfin i cimisi de leto a Trieste (o forsi me sbalio) xe rivadi qua e una generazion dopo i ga comincià pretender che Trieste jera italiana e che l'Austria jera la crudele ocupatrice de noi poveri nostalgici dela lontana Italia. Fra de lori , bisogna riconoser, anche un per de inteletuali triestini con sai tempo a loro disposizion e la fortuna de viver in una società tolerante, che inveze de sbaterli in prison per incitamento el tradimento dela patria (l'Austria) li gavemo lasadi esprimerse liberamente. Ancora una volta tipico dela toleranza del Triestin de acetar le opinioni dei altri senza zercar de reprimerle con la forza.

No stemo dimenticar che storicamente, l'Austria xe vignuda a Trieste per invito e no in seguito a una guera de conquista. E co' se camina in giro per la cità, no stemo anche dimenticar che i gioiei architetonici de fama mondiale che i ne circonda, la funzionalità del piano urban (e soto l"Austria anche civile, vojo sontar per inciso) l'anima de Trieste, insoma, xe Austriaca.

L'Italia xe rivada nel '18, la ne ga portà fame seguida de represion de libertà de scelta politico-sociale per man de un governo autocratico e coroto. El steso infame governone ne ga forzà a partecipar a una guera che no volevimo che ga visto la morte del fior dela nostra gioventù del tempo e la rovina mentale de tanti de lori al ritorno dale campagne.

La la ga persa denovo Trieste e anche l'Istria, la madre Italia e più tardi, cortesia dei aleati, la ghe xe stada tornada nel '54, ma solo che Trieste però, l'Istria persa per sempre. Trieste senza l'Istria jera come maciarghe el soriso ala Gioconda. Alora, tiremo i conti: Dal '18 al '45 me par che fazi 27 ani, mo? In ventisete ani el prospero giojel del'adriatico diventa una cità de martiri e de disperazion, che forza un quarto dei suoi citadini al'estero e la perdi el retrotera. L'eredità che ne ga lasà l'Italia. (Ghe dirò "Grazie!" in un altro forum, un'altra volta perchè no vojo eser OT, magari.)

L'Austria, per contro, la jera vignuda de nmoi invitada, per volontà dei Triestini e se parla del 1348 e qualcosa de simile no me ricordo esatamente la data. Da quel tempo in qua, bora, neve o bel tempo, grasa o magra che la fusi la ne xe stada a fianco, patria e protetrice per squasi seicento ani. Come che la canzon triestina ne ricorda,

Viva l'A e po' bon!
Xe questo el moto triestin.
Che la vadi ben,
Che la vadi mal,
Sempre alegri e mai pasion,
Viva l'A e po' bon!

No go l'intenzion de alzar bandiere nazionalistche o contro nazionalistiche qua, perchè ogigiorno a metà vigilia de una nazion Stato Europeo polemiche patriotiche poca diferenza fa, ma i fati storici dovesi sempre eser rispetadi per quel che i xe. Me piaseria poder dir che noi Triestini la conosemo e la aprezemo per quel che la xe la nostra storia, no per quel che quei che in termini storici, i xe rivadi qua de noi l'altro giorno, pieni de fame e pulisi, i vol farne creder che la sia. Distruger tute le trace de seicento ani de evoluzion soto l"Austria no basta per pretender che xe solo grazie a lori che gavemo la storia e la gloria de Trieste no basta per ber butarne sabia intei oci.

Dunque la verità xe che se volesimo VERAMENTE usar l'apelativo, Ocupazion el suo usa saria piutosto più preciso in riferimento al'Italia.

Orso


Ultima modifica di Ursus Canadiensis il Dom Feb 11, 2007 12:18 am, modificato 1 volta in totale

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Dom Feb 11, 2007 12:03 am Rispondi citando
Jolly
Registrato: 21/11/06 17:14
Messaggi: 745
Località: Padova




Complimenti Orso go imparà tante cose interessanti sul ns. passato e la tua personale interpretazion della parola OCUPAZION la condivido. Quante volte go cantà viva l'A e po bon....ma credime e no solo mi ga mai savù che quella A vol dir Austria.
Profilo Trova tutti i messaggi di Jolly Messaggio privato
Re: Parlando de Ocupazion.
MessaggioInviato: Dom Feb 11, 2007 12:41 am Rispondi citando
servolo
Registrato: 09/10/05 15:55
Messaggi: 2194
Località: trieste




Ursus Canadiensis ha scritto:
Legendo i vari post sui palazi de Trieste go trovado una parola che merita un chiarimento o due.

http://trieste.forumer.it/posting.php?mode=reply&t=240

Citazione:
Co trovo el libro giusto lo metto per ben, ma de quel che me ricordo iera qualcosa che gaveva a che far con l'occupazion austriaca esimboleggiava el controllo de un paese su un altro.
Me dispiasi de non esser più preciso ma logo letto sai tempo fà.


Mi gavaria un problemin con la scelta del termine OCUPAZION.


,,

Orso


.........in quel topic che te segnali el termine ocupazion xe giusto, solo che se trata de ocupazion FRANCESE finida nel 1813, xe stada un poca de confusion, andè a riveder el topic in question che gò zerca de s'ciarir la question.......
Servolo

_________________
se no guanta cambia
Profilo Trova tutti i messaggi di servolo Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mar Feb 13, 2007 11:38 pm Rispondi citando
Larry
Registrato: 13/10/05 22:43
Messaggi: 377
Località: Inghilterra




Confused Confused Servolo, ti ga razon. Pero, quell'occupazion dei Francese, al tempo di Napoleone, se non sbaio, duro ben poco, quando Napoleone viene sconfitta a Austerliz, no? Pero Orso ga dimentica metttere un'altra colpa degli Italiani contro Trieste e cioe di dare a Marghera tutto l'industria chimica /petroliera (e al tempo stesso rovinare la Venezia!) invece di dare quelle industrie a Trieste che gaveva un magnifico porto e un buonissimo hinterland -- tutto per paura del Einaudi che temeva ancora la mano di Tito.
Il soggetto m'interessa e ne parlavo abbastanza volte con il padre della mia moglie Triestina. E una zia di mia moglie, che mori` soltanto l'anno scorso a 97 anni, mi ha raccontato che la sua prima lingua nelle scuole jera tedesco! E delle nonne della mia moglie, loro parlavano anche Sloveno.
Larry Confused Confused

_________________
Larry the Lamb
Profilo Trova tutti i messaggi di Larry Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Feb 14, 2007 4:26 pm Rispondi citando
fcigoi
Registrato: 22/01/07 14:19
Messaggi: 141
Località: Montecarlo




Bravo Orso !! Smile Smile Smile Smile Smile

No te gavesi podu' esprimer meio i sentimenti dei triestini per ben gnanche volendo...peca' che tuti i regnicoli che xe restai qua staghi fazendo de tuto per cio' che i giovini no sapi o no se ricordi de come che iera veramente i sentimenti dei triestini prima dela prima guera....co' ierimo in montura de marina de guera austriaca.

Viva l'A !
Profilo Trova tutti i messaggi di fcigoi Messaggio privato
MessaggioInviato: Ven Ott 17, 2008 6:33 pm Rispondi citando
york
Registrato: 18/12/05 18:14
Messaggi: 1423
Località: Victoria, BC, Canada




Combinazion scoltavo un vecio programa sula RAI, dove vien discussa la vita de Alcide De Gasperi... Lui de giovine a gaver organiza dei taija legni in un sindacato, per miliorarghe le misere paghe de morti de fame Ticino/Tirolo?? dove lu xe nato e studia [italian/tedesco] per dopo laurearse a Viena... Un fato che nei suoi primi tempi parlamentari [dopo la prima guera] veniva sospeto de no tropa italianita... Varda ti, chi ga mai pensa de una roba del genere, dove xe sta proprio l'Austria a aiutarlo formarse l'omo che xe diventa dopo...

York Very Happy Giusto per dir una!!!

_________________
".......And whether or not it is clear to you, no doubt the Universe is unfolding as it should."
Profilo Trova tutti i messaggi di york Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Ott 21, 2008 11:09 pm Rispondi citando
Erin
Registrato: 16/07/08 15:22
Messaggi: 30
Località: Trieste




ah l'Austria Very Happy, go leto notizie interessanti e da come legio, a tanti triestini la senti parte de sè e la ghe manca...
anche mi go senti parlar tante volte dai miei parenti che ga fato scole austriache e stati soto l'impero austriaco...
anche maggior parte de Trieste ga ancora tante robe che xè stade fate da l'Austria... tanti palazzi p. es. son stada a Vienna e sembrava de esser a casa. Dove che te se giravi per le vie e sembrava de esser a Trieste...
el porto soto l'Austria godeva de benessere iera scambi e commerci porto importante dell'impero. Ierimo tuto un popolo senza tante diferenze, dopotuttto l'Austria iera qua da 600 anni e tanta gente ga assorbi la cultura...
Invece deso semo in Italia e varde cossa i ne ga lassà ... l'Italia ne ga ciolto invece che darne o portarne qlcosa... i se ricorda de Trieste x qlche manifestazion e per domandar le tasse...

mah... penso che forsi stavivimo mejo se restava l'Austria!!!
Profilo Trova tutti i messaggi di Erin Messaggio privato
MessaggioInviato: Mar Ott 21, 2008 11:18 pm Rispondi citando
Erin
Registrato: 16/07/08 15:22
Messaggi: 30
Località: Trieste




scuseme se go mandà tanti messaggi uguali ma no capivo se iera stado postado xchè me veniva sempre sto mess. de errore:
Ran into problems sending Mail. Response: 504 Invalid Username or Password

DEBUG MODE

Line : 138
File : smtp.php

cancele un pochi xche i xe uguali
Profilo Trova tutti i messaggi di Erin Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Ott 22, 2008 12:32 am Rispondi citando
york
Registrato: 18/12/05 18:14
Messaggi: 1423
Località: Victoria, BC, Canada




Erin stessa roba sucedi anca a mi, ti spedissi con calma e te vedra che tornando sul indice te son la bela e ben acetada... Smile perche sto debug. MO!! Te vedra che Giacomin cancelera i extra post...

York Very Happy

_________________
".......And whether or not it is clear to you, no doubt the Universe is unfolding as it should."
Profilo Trova tutti i messaggi di york Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Ott 22, 2008 2:32 am Rispondi citando
Ursus Canadiensis
Registrato: 18/12/05 17:20
Messaggi: 2272
Località: Okanagan Valley, BC (Eden)




Erin, che la se scusa de gaver impignì el forum de copie dopo copie del steso post.....

Niente paura! Ne xe tocado a tuti quel afar. Co' te vedi quel'aviso DEBUG MODE, fa conto che gnente no sia suceso. No te ga de far altro che tornar al forum, e el tuo ultimo post sarà publicado.

In ogni modo xe tuto riparà, tuto fato! Ogi jero mi de turno de scovazin, e go netà tuto ben, che gnanche no se sa dove che i jera tuti quele copie Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

Orso

_________________
Vieillir est encore le seul moyen qu'on ait trouvé de vivre longtemps.
INVECIARSE XE TUTOGI LA SOLA MANIERA DE VIVER A LUNGO.
Profilo Trova tutti i messaggi di Ursus Canadiensis Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mer Ott 22, 2008 8:49 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Dunque, dunque... Purtropo quando che se parla de storia, me sento ciamà in causa perché per mi la xè una malatia. E anca stavolta no poso esimerme de far qualche comento, per cui domando scusa in anticipo Mad
El periodo austriaco no xè stada un'ocupazion, almeno no nel senso che comunemente se ghe dà ala parola, e su questo me par che semo tuti dacordi. Quel che me lassa perplesso xè la vera mania (ma no solo de questo forum: purtropo xè una mania umanissima) de voler riscriver la storia accomodando i fatti a seconda del pensiero dominante al momento in cui se ghe ne parla. La storia xè storia, punto e basta: no xè gnente altro che una concatenazion de fatti, causadi da esigenze contingenti e scelte (più o meno giuste) da parte de politici, regnanti, classi dominanti ecc. E queste scelte xè dettade normalmente dalla cultura del periodo nel quale le xè stade ciapade. Fazzo un esempio: per noi, ogi, con la nostra cultura, la schiavitù xè qualcossa de orendo. Ai tempi dei Romani iera un fato normale e acetado: per noi no positivo, certo, ma per lori no iera considerado gnente de strano. Quindi quando che se legi la storia bisogneria star atenti a dar giudizi, specialmente se se vol farlo co' la manera: bisogna tignir conto de quele che i matematici ciama "condizioni al contorno", che xè un mismas de retroterra culturale, religioso, de poltica ecc. ecc. Insoma un gran casin.
Vignindo al merito, mi ancora no rivo a capir una roba: come xè posibile che ghe sia persone giovini (permeteme de meterme anca mi fra de lori) che gà NOSTALGIA del Austria. COme se pol gavèr nostalgia de qualcossa che no se gà mai visto nè conossudo? Poderia capir i veci, magari quei che, come mia nona, i xè nati austriaci... Ma i mii coetanei? O quei che xè nati anca dopo de mi, a distanza de più de 50 ani dala disoluzion del'Impero Austro-ungarico?
Le robe xè andade cussì: un Stato xè morto (l'Austria), principalmente per le condizioni inumane derivade da una guera scadenada a cuor legero (e solo per cavarse la spina nel fianco dei slavi del sud che ghe secava i bisi...) e per forze centrifughe interne (le varie popolazioni che gà cominciado a voler caminar da sole, in un periodo in cui i nazionalismi iera più che attivi). Xè subentrado un altro Stato, una dittatura (peraltro vista ben da molti triestini e molti italiani) ancora più rovinosa, perché gà portado a un'altra guera (ma semo sicuri che la prima fussi finidia sul serio?): questi xè i fatti. No resta che ciaparghene ato, senza pianzer sul pasato o pensar a una presunta età dell'oro che ormai, per voler o per forza, la xè morta e sepolta. Bisogna guardar al passato solo per cavarghene insegnamenti per el futuro, altrimenti xè solo che un sterile pianzerse 'dosso e far i lamentosi.
Scuseme el sproloquio, ma almeno 'desso ghe xè material per discuter, visto che più de qualchedun se lamentava del stato catatonico ragiunto dal forum Mad :
Bacibaci. Very Happy

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Ott 22, 2008 9:30 am Rispondi citando
machinista
Registrato: 12/08/06 16:48
Messaggi: 162
Località: Trieste




Fondalmentalmente te ga ragion riguardo al fato che l'epoca la xè finida, che lo stato antecedente all'atuale xè morto e che la disgregazion la xè avenuda perchè ghe iera spinte scissionistiche interne. Resta il fato che obietivamente parlando cosa ga fato l'Italia per Trieste?
Adeso scrivo un paradoso. Mi son italian nato da genitori italiani con un nono adiritura pugliese, e per varie motivazioni el regime de Tito sicuramente no lo gavessi mai volù provar, epur son convinto che per asurdo se Trieste fosi diventada parte dela alora Jugoslavia saria stà meio da un punto de vista economico e de crecita dela cità. Gavesimo avudo molti più vantagi come cità, e scometo che il porto no saria nele condizioni che xè adeso. Nel contempo mi vado molto in Austria (atuale) e me rendo conto se Trieste fosi porto del'Austria (metemo che esistesi un coridoio de comunicazion a caval dela linea feroviaria Transalpina tra Trieste e Villach) a sta ora fosimo sicuramente la seconda cità del'Austria sicuramente più importanti de Innsbruck. Mi no stago parlando de "che ben che stava soto l'Austria" ma stago fasendo una ipotesi de svilupo dela cità.
Per quanto riguarda il "che ben che stava soto l'Austria" mi so quel che me diseva mio nono, nato nel 1898 e che gaveva anche fato el militar in Galizia per l'Austria durante la prima guera. Sicuramente iera convinto che l'ordine, la pulizia e la capacità imprenditoriale che iera quela volta dopo no lo ga più visto, nemeno soto "el regime ditatoriale" che xè vegnù nel 20ennio sucesivo. Sicuramente no esisteva el "no se pol" ma anzi, esisteva el "dovemo far".

_________________
Vittorio

"La tragedia della vita non è non raggiungere gli obbiettivi, ma non avere degli obbiettivi da raggiungere"
Profilo Trova tutti i messaggi di machinista Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mer Ott 22, 2008 11:02 am Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Caro Vittorio,
te sfondi una porta verta! D'altra parte, però, bisogna tignir conto de una roba. Nela storia, cussì come nela vita de ognidun de noi, se presenta dei bivi: ciapar una strada o l'altra dipendi solo dela scelta che se fa. Dopo gaverla fata, se pol, sì, divertirse a pensar al "come saria stado se saria 'ndà per l'altra", purché queste speculazioni no diventi tropo dominanti. Altrimenti se trata, scuseme, de seghe mentali: il senno del poi non fa vincere le battaglie perse, se mia nona gavaria le riode la fussi un tran no xè che due esempi de proverbi che avvalora questa tesi. Comunque sia, me stago convinzendo che questa mania de lamentarse sempre la xè la carateristica forsi più "italiana" de noi triestini. Noi Italiani se lamentemo sempre (anca a ragion, eh...) de tuto; quando però se trata de tirar suso le manighe e far qualcossa, magari nel nostro picolo, alora ne spuza un fiatin, e spetemo sempre che qualchedun altro fazi per noi. Esempi? Quanti che te vol:

- tuti se lamenta dei evasori fiscali (giustamente), però quando che i va del dentista tanti no se fa far la ricevuta per sparagnar l'iva, e cussì va a finir che tuti paghemo più tasse perché paghemo anca per i altri

- tuti se lamenta (giustamente) dei vari piccoli soprusi de alcune compagnie de servizi (asicurazioni, eletricità....), ma pochi pensa de rivolgerse a quele asociazioni per la tutela dei consumatori che poderia far qualcossa (e spesso gà rivà a far anca 'ssai)

E chi piùà ne ha più ne metta. Insoma in sto paese semo un poco tuti "voio e no posso", filosofia che porta 'ssai poco lontan: el Paese, la zità, el comun, la familia e cussì via semo noi, no xè entità astratte e avulse dela realtà. E noi, e solo noi, podemo far qualcossa per cambiarle, per darghe la nostra impronta: magari cominciando a punir i politici che gà deluso le nsotre aspettative. Zerto no xè robe che se otien del ogi al doman, però, come che se disi: Insisti e persisti, raggiungi e conquisti!

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
MessaggioInviato: Mer Ott 22, 2008 12:01 pm Rispondi citando
machinista
Registrato: 12/08/06 16:48
Messaggi: 162
Località: Trieste




El problema xè però che quando xè rivà el bivio, la decision xè stada ciapada da altri: esempio lampante xè stà a Fiume nel '19 qundo secondo i famosi 14 punti de Wilson (el presidente U.S.A.) saria stà de far un referendum per veder se Fiume doveva tacarse al'Italia o ala Jugoslavia. A sto referendum se ga oposto... lo steso Wilson, che ga volù crear uno stato libero! (vedi Wikipedia per magiori informazioni). Stesa roba xè sucesa nel II dopoguera con la situazion de Trieste: stato libero, T.L.T., anesa ala Jugo, anesa al'Italia ogni giorno iera una nova che cambiava. Chi ga deciso? Miga el popolo (vaben che il popolo xè bue...) ma altri, no tegnindo conto del sentimento de chi iera diretamente interesado. Giustamente te disi: punimoli in cabina eletorale. Che cabina eletorale iera a Fiume nel 1947, quando a mio papà che viveva là perchè nato là, ghe xè rivà la cartolina preceto de andar a far el militar per la Jugo col suo (e anca mio) cognome tradoto in croato? Nota ben: no iera citadin Jugo, no gaveva ancora optado per una dele due citadinanze... Atenzion: no xè polemica in quel che go scrito, xè solo raconto de come xè andade le robe e de come mai ad esempio mi son nato a Trieste e no da altre parti.

_________________
Vittorio

"La tragedia della vita non è non raggiungere gli obbiettivi, ma non avere degli obbiettivi da raggiungere"
Profilo Trova tutti i messaggi di machinista Messaggio privato Invia email
MessaggioInviato: Mer Ott 22, 2008 12:58 pm Rispondi citando
dan68
Registrato: 15/01/08 11:35
Messaggi: 529
Località: tivoli (RM)




Te gà perfetamente ragion. Mi infati, parlando de punizion in gabina eletorale, me riferivo ai nostri giorni... In passato le robe iera assai diverse: una minoranza ciapava le decisioni e ai altri ghe doveva 'ndar ben cussì e ziti. Paradosalmente la situazion dopo la seconda guera mondial iera ancora più incasinada che dopo la prima, perché i vari tentativi de meter dacordo tuti i xè stadi resi ancora più difizili dai novi equilibri de potenze che se gà creà per l'inizio dela guera freda. Ogi volemo esser (e semo) più consapevoli e gaver parte più ativa nele scelte democratiche (giustissimo e sacrosanto), ma qualche volta se dimentichemo che questo no xè solo che un assunto teorico: xè una realtà la cui realizazion sta propio a noi.
Ciau

_________________
OGNI RIDADA GHE CAVA UN CIODO ALA CASSA DE MORTO
Profilo Trova tutti i messaggi di dan68 Messaggio privato
Parlando de Ocupazion.
Indice del forum » Storia de trieste
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora  
Pagina 1 di 2  
Vai a pagina 1, 2  Successivo
  
  
 Nuovo Topic  Rispondi  
Forumer.it © 2015